Sondaggio di VivereVeneto sulla tassa sul carburante di Zaia: 65% dice NO!

di ANNA ISEPPON

risultato sondaggioRendiamo pubblici i risultati del sondaggio lanciato la scorsa settimana relativo alla proposta da parte del Consiglio Regionale di istituire una tassa di scopo sul carburante (5-7,5 centesimi di euro al litro) per finanziare un fondo per le emergenze in Veneto.

L’articolo ha ottenuto molte condivisioni sui social, suscitando anche commenti e dibattiti.

La maggioranza assoluta (il 65,6%) dei nostri lettori è contraria alla tassa, ritiene che i Veneti paghino anche troppo e che spetti al governo trovare i 92 milioni necessari alla ricostruzione. Il 15,9% invece ritiene corretta l’istituzione di un fondo per le emergenze, ma che questo dovrebbe essere finanziato riducendo gli sprechi della politica regionale, non tassando ulteriormente i cittadini. E’ solo il 5% a dichiararsi favorevole alla tassa di scopo, in modo da esser previdenti e indipendenti da Roma.

Dal web arrivano anche proposte alternative e commenti sulla scelta del governatore. Per motivi di spazio ci è impossibile riportarli tutti, ve ne proponiamo una selezione.

megafonoD.D.B.: “Alla faccia di chi l’ha votato…basterebbe che tagliasse le loro buste paga….i 5 stelle costruiscono ponti con i loro tagli degli stipendi e questo propone di sistemare le cose con i soldi di tutti e neanche per chi vuole, ma sulle accise…. la vecchia politica non muore mai.”

I.M.: “L’indipendenza di Zaia un ennesimo “specchietto per le allodole” un flop collossale un bidone che cari amici veneti vi ha attirato e preso per i fondelli facendovi credere che con la Moretti saremmo finiti all’ inferno con lui in paradiso mentre io vi dico non e cambiato niente quindi basta su non prendiamoci in giro e non facciamo tanto giri di parole, con Zaia non si cambia ne ora ne tra 1,10,100,1000 anni. Facciamo prima a finire all’eterno riposo nella nostra cara bara prima di cominciare a cambiare con questi politicanti ladri italiani che di loro interessa solo il tornaconto. Allora tanti di voi mi domanderanno “allora come dovremmo fare” o “quando l’Italia ne andrà fuori” ? Cari miei la verità che vi farà tanto male a voi conservisti e simpatizzanti del tricolore in veneto l’Italia non esiste più e morta già da un bel pezzo o meglio ancora lo stato italiano o Repubblica italiana e stato fino a adesso una montatura un teatrino pietoso che non e mai esistito, perciò basta co sto circo finto volete cambiare sul serio?!!!allora cambiamo no le persone ma dobbiamo CAMBIARE IL SISTEMA!!!!!!”

(segue su http://vivereveneto.com/2015/08/10/i-veneti-e-la-tassa-sul-carburante/)

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Meno acquisti, più risparmi. Come in guerra, poveri più poveri, ricchi più ricchi

Articolo successivo

Gli stipendi delle banche. I premi ai poveri manager