Solo in Italia lo Stato e l’Inps pensano che saremo salvati dagli extracomunitari.

contributi inpsdi MARCELLO RICCI – Dai giornali: “Ma gli stranieri sono una toppa nel buco Inps”.  “…c’è sempre più bisogno di migranti lavoratori regolari”  ….” Gli immigrati servono a tagliare i nostri stipendi.” … “ Gli immigrati regalano un punto PIL in economia  “… “ L’Inps apre la caccia ai pensionati.=  ….Sono titoli di vari giornali, relativi alle pensioni e ai contributi che i lavoratori stranieri regolari versano all’Inps.

D’impulso, un grazie dal profondo del cuore sgorga spontaneo verso questi lavoratori giunti da oltremare per una missione di generosa fratellanza.
Timeo danaos et doni ferentis .
Sempre Boeri dichiara che questi provvidenziali contributi ammontano a circa trecento milioni l’anno , peccato che lamenti crediti non riscossi per 136 miliardi. Boeri, il tapino, se la prende con i pensionati che emigrano dove la vita costa meno e le loro inadeguate pensioni divengono adeguate perché liberate dal gravame fiscale imputabile anche allo sperpero per l’accoglienza.
 Il dramma dell’okkupazione del Paese non solamente dissesta l’assetto sociale, ma ferisce anche il territorio.
Dove sono finiti gli ecologisti? Sono tutti morti? L’Italia ha una densità di popolazione di oltre 200  (203) abitanti per kmq, resa ancora più densa della configurazione geografica ( monti, laghi).
 L’ uomo inquina e se l’affollamento supera determinati limiti è la terra che muore.
 Realacci, dove è? In letargo?
Stati europei come Francia, Portogallo, si attestano intorno ai 110 abitanti per Kmq.
 La doverosa protezione dell’incolumità individuale, della salute del territorio e la preservazione delle strutture sociali impongono i respingimenti, il considerare l’accoglienza nei modi attuali è un crimine e un atto di autolesionismo, voluto da esseri indegni che avendone fatto fonte di facile arricchimento la elevano a virtù. Inoltre il loro inserimento nel mercato del lavoro produce un abbassamento dei salari, lo scadimento della qualità, imputabili alla scarsa qualificazione, un aumento delle spese sanitarie generate da loro stessi e dalle malattie che diffondono come tubercolosi, HIV, epatite C, sifilide, scabbia , tutte legate al loro patrimonio di germi, treponemi, miceti , virus e parassiti.
 La soluzione del problema c’è, ma si deve operare su più fronti. Distruggere i barconi vuoti a riva, bloccare quelli che partono,  riportare indietro il carico umano e obbligare le multinazionali a una almeno parziale lavorazione in loco dei materiali prelevati dal ricco suolo africano, anche bloccando l’ingresso in Europa di materie prime grezze.
 Si ritiene vicino il superamento del livello di guardia, sarà il popolo esasperato a ribellarsi a una classe politica inadeguata e a un esecutivo incapace , indegno, cialtrone.

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

4 Comments

  1. Malgher says:

    Toc. . . Toc. . .
    “I cialtroni, le pensioni e le bufale”

    Questi cialtroni, supportati da vari giornalisti ed organi di stampa venduti agli interessi finanziari, cercano di inculcarci idee ben precise: quelle della globalizzazione.
    Perchè allora meravigliarsi, probabilmente queste sparate (vere e proprie false notizie) sono orchestrate ad oc da parte di qualcuno e finalizzate a precostituire una futura situazione di probabile rimescolamento della questione pensioni e le sue regole.
    Il sig. Boeri probabilmente pensa che siamo tutti degli stupidi, ignoranti e non in grado di ragionare con la nostra testa.

    A questo signore ricordo che:
    _ Io non sto usufruendo del sistema “retributivo”, per cui . . . .
    _ Comunque, la pensione che percepisco me la sono “PAGATA” profumatamente con contributi regolarmente versati (e nel tempo più che rivalutati) per oltre 43 anni quindi basta con il racconto che: “me la pagano i giovani e gli immigrati”.
    _ Preciso che: se i contributi da me versati (obbligatoriamente all’INPS) li avessi potuti fare confluire in un fondo pensionistico privato la mia attuale pensione sarebbe tre volte maggiore.
    _ L’INPS, se si limitasse a gestire i denari versati valorizzandoli ed utilizzandoli solo per le pensioni (motivo per cui nacque), sarebbe ampiamente in attivo.
    _ L’INPS è usato dai politici come un salvadanaio senza fondo, per altro riempito con soldi nostri, per “manipolare” i conti pubblici per fini clientelari-sociali (vedi per es. gli 80 €, casse integrazioni più o meno speciali, cassa depositi e prestiti etc.).

    Ma di cosa stiamo parlando.

    P.S. Ho lavorato due anni e mezzo in Svizzera e con precisione tutta loro mi hanno fatto pervenire, alla scadenza, la richiesta di opzione: assegno mensile vitalizio o riscossione di quanto versato.

  2. lombardi-cerri says:

    Si può essere pro o contro l’immigrazione.
    Si può essere pro o contro la legittima difesa,
    Si può essere pro o contro le proposte governative in generale, ma cavolate come stanno pronunciando i renzianoidi, non se ne sono mai sentite nell’arco della storia.
    Battuti tutti i record di imbecillità!

  3. luigi bandiera says:

    Mi chiedo: dal 1990 in poi chi pagava le pensioni..?
    Chi faceva i lavori quotidiani anche i piu’ umili..?
    Com’e’ che ormai noi siamo dipendenti degli INVASORI..?
    Perche’ gli AUSTRIACI ERANO NEMICI MENTRE QUESTI ULTIMI NO..?
    Cosa ci aspetta tra non molto..??
    So, e’ certo ormai, l’INTELLIGHENZIA occidentale e’ MALATA, molto malata, ma perche’ ci fa malare anche noi analfabeti..?
    Eppure vaccinarsi ormai e’ obbligatorio ma per questa EPIDEMIA INTELLETTUALE che vaccino abbiamo..?

    Questo deve essere OBBLIGATORIO non gli altri..!
    LA SOTTOCULTURA E’ SUPER PERICOLOSA..!
    VACCINIAMOCI E A BREVE..!!
    QUESTA MALATTIA ALIMENTA L’ARMA PSICOLOGICA la piu’ potente bomba di distruzione di massa, peggio della bomba atomica.
    Non ammazza ma rende schiavo l’individuo.
    Salam

  4. Gigi says:

    Saremo SOMMERSI ed ELIMINATI . . . lo dice pure il loro dio . . .

Leave a Comment