SINDACI DEL NORD, MA DOVE CAZZO SIETE?

di GIANLUCA MARCHI

“Siamo veramente all’assurdo e ancora più stupefacente è il silenzio che copre l’attuazione di questa vergognosa operazione. Pochi si sono accorti infatti che nel cosiddetto decreto sulle liberalizzazioni è contenuta una norma che metterà la parola fine all’indipendenza fiscale dei Comuni e li priverà di tutti i loro soldi. L’articolo 35, ai commi 8 e 9, impone agli enti locali di versare i soldi depositati nelle tesorerie comunali, esclusi quelli derivanti da mutui e prestiti, presso la tesoreria statale. In pratica il Governo ha nascosto nelle “liberalizzazioni” una misura che consentirà allo Stato di prendersi tutti i quattrini derivanti dai tributi propri comunali, mettendo così in atto la più centralista e sfacciata delle manovre, analogamente a quanto si sta facendo anche con l’Imu che è stata completamente snaturata della sua funzione originale. A questo punto vorrei proprio capire come mai i partiti che prima si indignavano per i tagli agli enti locali, ora non dicono nulla. Dove sono finiti tutti i chiacchieroni che si dichiaravano federalisti? Questi signori adesso stanno zitti, rendendosi di fatto complici di un vero e proprio ladrocinio, degno dell’Unione Sovietica di Stalin. Per quanto mi riguarda è mia intenzione presentare nei prossimi giorni una mozione in Consiglio Regionale per chiedere che Regione Lombardia prenda una posizione forte e netta contro un provvedimento arrogante che mira ad uccidere l’autonomia fiscale e a mettere in ginocchio tutti i Comuni lombardi e padani.”

Questo è la dichiarazione rilasciata ieri alla stampa dal presidente della Commissione Bilancio della Regione Lombardia, Fabrizio Cecchetti, della Lega Nord, uno dei pochi amministratori locali che finora s’è indignato per la vergognosa manovra messa in atto dal governo Monti e e che su questo giornale abbiamo denunciato quattro giorni fa. Se si esclude il prontissimo intervento del sindaco di Morazzone (Varese), l’ottimo Matteo Bianchi, pure lui leghista, il primo ad accorgersi della misura capestro, e una mozione indirizzata al sindaco di Roncadelle (Bs) dal consigliere comunale Giulio Mattu di pro Lombardia Indipendente, per il resto si ode solo un fragoroso silenzio.

Possibile che nessuno fiati? Possibile che i sindaci dei Comuni virtuosi, in gran parte al Nord, ai quali il patto di stabilità aveva già bloccato l’utilizzo dei loro soldi depositati nelle tesorerie comunali, non abbiano nulla da ridire adesso che il governo, in due tranche, pretende che tutti quei quattrini vengano dirottati nella tesoreria statale in nome di una presunta “unità economica e finanziaria dello Stato”? Se noi fossimo i cittadini di tutti i Comuni virtuosi che si vedono scippare i loro soldi, senza sapere se e quando torneranno indietro, costringeremmo i sindaci e i consigli comunali a una rivolta civile. E se qualcuno di loro si rifiutasse, lo rincorreremmo con i forconi e lo prenderemmo a pedate nel didietro.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

35 Comments

  1. armida says:

    A proposito del sito LA MARTINELLA, sono andata a vedere e leggo questo interessante..

    http://vocidelnord.ch/?p=993

  2. marinelli59 says:

    INTERESSANTE RIFLESSIONE dal blog del sito dell’associazione LA MARTINELLA
    Riflessioni sulla Lega
    febbraio 7, 2012 | Autore LaVoce

    di Federico Caravita

    Attualmente nell’interno della Lega Nord esiste una caotica situazione, sorta in seguito ad arbitrarie posizioni individuali di vera caccia al potere e relative prebende.
    Le istanze della gente leghista sono ancora e sempre quelle degli anni ’80 : FEDERALISMO – ELIMINAZIONE DEL PARASSITISMO STATALE E MERIDIONALE e soprattutto: FERMARE L’INVASIONE STRANIERA !
    Oggi, dopo 25/30 anni di lotte, siamo esattamente al punto di partenza, ma con 10 milioni di stranieri in più.
    L’unica possibilità di un ritorno e di una ripresa per il raggiungimento di quegli agognati obiettivi, è una Lega Nord compatta – forte e molto, molto determinata, altrimenti meglio sarebbe rinunciare.
    Se invece la gente leghista non vuole arrendersi, bisogna procedere ad un totale rinnovamento del Partito.
    Noi ci permettiamo di avanzare una proposta che non ha la pretesa di essere risolutiva, ma solamente un punto di partenza per correggere e migliorare il più possibile l’efficienza della Lega:

    Umberto Bossi, Presidente Federale;
    Roberto Maroni, Segretario Federale (ma solo dietro un suo formale impegno a seguire la volontà della base leghista contro l’immigrazione – pena la rinuncia alla carica);
    massiva sostituzione della gerarchia, con elezioni assembleari di nuovi candidati (devono essere preparati, giovani, di provata onestà e moralità);
    per i futuri amministratori degli Enti locali e per i futuri parlamentari, prevedere, alla loro candidatura, la presentazione di un certificato penale;
    convocazione annuale delle assemblee regionali e biennali per le assemblee federali (entrambe obbligatorie per statuto);
    facoltà di convocazione popolare delle Assemblee (nel caso di inosservanza delle scadenze previste dallo statuto) dietro richiesta scritta da parte di almeno un 30 % dei militanti tesserati;
    vietare assolutamente i doppi incarichi;
    sostituire i Consigli di Amministrazione di “Radio Padania Libera” e del giornale” La Padania “- con persone nuove e senza altri incarichi.

    Ci limitiamo a questa proposta sollecitandone altre da parte di chiunque desideri una nuova Lega: di rigore e onestà.

    • wallace says:

      Bella riflessione! Gliela giriamo al sindaco di Catania, al presidente della provincia di Catania, al pidiessino dell’Anci ecc. ecc. perche’ caro Caravita non si è accorto che la Lega è cambiata e sono cambiati i suoi veri dirigenti!

  3. luigi bandiera says:

    DISTRATTI..!!

    Dimentichiamo questa stupida mia ormai statia affermazione:

    UN RE NON SI FARA’ MAI UNA LEGGE CONTRO.

    L’italia, appunto re, non ne ha una contro.

    Siamo noi, detti ignorantemente o furbescamente SOVRANI, che le abbiamo tutte contro.

    Quindi..??

    Se seguiremo le leggi del RE italia saremo perdenti sempre e comunque.

    L’INDIPERNDENZA ARRIVERA’ proprio quando si ragionera’ da FORESTI e IN TUTTI I SENSI..!!

    Lo si comprende dal fatto che un italiano non puo’ chiedere l’indipendenza dall’italia. Kax, e’ italiano..?

    Amen

  4. biboppo says:

    Vi siete persi qualche puntata. E’ un mese che la notizia viene ripresa da la Padania. Il primo a denunciare la questione è stato il senatore Paolo Franco. Stavolta avete toppato. Per il resto, siete bravini. Ciao ciao.

    • gianluca says:

      sarà anche vero ma non se n’era accorto nessuno o almeno non si riscontrano interventi o mozioni o iniziative contro questa rapina. A parte la discesa in campo del sindaco di Morazzone
      dir

  5. Monici giuseppe says:

    bisogna riconoscere l’impegno da parte vostra , molte cose non si sanno e grazie a l’indipendenza ne veniamo a conoscenza. grazie .è possibile sapere chi di Arluno presentera la mozione.

  6. elmer says:

    In effetti i leghisti possono scegliere come loro guide alcuni campioni: Borghi, Castglione dell’Upi il sindaco Renzi o Errani….sono federalisti di altissimo livello e forse possono sostituire senza problemi gli attuali leader del carroccino…

    • berlanda says:

      Cazzo ma la Lega è una costola della sinistra: La Faverio lo ha capito da tempo…siete voi che siete fuori linea, fuori gioco, fuori di testa…ah ah ah ah Evviva il Pd e la Lega uniti. Oppure la Lega e il Pdl uniti. Evviva sopratutto i cazzi nostri!

  7. elmer says:

    Todavia Enrico Borghi (pd) è geniale, basta guardare il suo sito internet…merita, in effetti, merita davvero….

    IL BORGHIARIO

    Mi capita a volte, durante gli interventi che compio in sede pubblica, di fare ricorso a metafore o soluzioni linguistiche immaginifiche per meglio rendere il concetto.
    Qualche amico ha voluto sottolineare questa mia caratteristica, e si è preso la briga di compilare il Borghiario, ovvero le frasi singolari alle quali faccio ricorso per cercare di spiegare concetti a volte anche un poco ostici.
    Vista la situazione politica particolarmente intensa (e spesso confusa) che vige nel nostro paese, c’è da pensare che il Borghiario sia destinato ad allungarsi (sempre che nel frattempo non perda le mie facoltà mentali o gli amici perdano la pazienza di annotarsi i miei voli pindarici…).

  8. bufo says:

    Dove cazzo siete sindaci? Ma dove cazzo siete tutti…dove sono andati i leghisti? Dove? Dove è faccia de purscell mort? Dove è Calderoli lo strategia? Dove Maroni il finissimo mediatore? Dove Giorgetti designato erede di Bossi? Bossi sappiamo dove e’….Dove sono andati tutti con le loro chiacchiere i loro roboanti proclami, le loro fanfarontae? Dove cazzo sono? Questa è la domanda! Stanno con La Russa, stanno al caldo nei loro posticini e posticioni! Stanno in Rai a farsi i cazzi loro caro Marchi? E diciamolo che i giochi sono fatti…

    • raiola says:

      A questo punto l’unica speranza per la Lega è quel che potrà fare CASARIN, L’ULTIMO, L’UNICO, VERO LEGHISTA IN RAI!!!!

    • gianluca says:

      I giochi saranno anche fatti, ma lei se la sente di rinunciare a tutto, anche alla speranza? di darsi per vinto? Io no e il giorno che mi sentissi così cambierei paese.
      dir

      • bufo says:

        Si me la sento di lasciar perdere. Esiste una dignità anche nell’accettare la sconfitta e nell’ammeettere che altri sono stati più furbi, o più bravi, o più cinici o più quel che si vuole. Ma lottare per esserte anche presi in giro no. Grazie. Buona lotta. E buon fegato nel vedere che altri banchettano mentre lei sta a guardare.

        • bufo says:

          Marchi, ho appena letto la storiella che avete scritto dell’on. Rossi e Monti…e poi lei dice che vuol resistere. Ma i suoi lettori che denunciano le malefatte hanno tracciato un quadro devastante…apra gli occhi.

  9. ravanati says:

    Mentre voi perdete tempo ed energie in quisquilie e in sogni di mobilitazioni e di grandi iniziative la vita va avanti. E la padania e il nord mostrano sempre più che cazzo sono! Il NULLA, il vuoto pneumatico: Ha ragione chi scrive che tutto è finito…eccome. Fate attenzione che il lavoro degli archeologi è interessante ma non è politica e voi state facendo archeologia…Che interessa a uno su dieci milioni….

  10. Nicola BS says:

    Complimenti a proLombardia Indipendenza per la mozione.

  11. elmer says:

    Catania è Padania! Gnoranti! Leghisti, al remo! La galea parte!

  12. elmer says:

    Si però c’è attenzione ai territori e ai suoi laudatori

    RAI:BORGHI(ANCI),NOMINA FAVERIO SEGNO ATTENZIONE A TERRITORI

    (ANSA) – ROMA, 28 SET – ”La nomina della dottoressa Simonetta Faverio alla condirezione di Rai Parlamento rappresenta un segnale di attenzione e di sensibilita’ nei confronti di una testata giornalistica che in questi anni si e’ contraddistinta come autorevole ed oggettivo servizio pubblico televisivo, nel quale e’ stata data voce a tutte le sensibilita’ istituzionali e che ha saputo illustrare le realta’ meno gettonate del paese, come la montagna e i piccoli comuni”. Lo afferma Enrico Borghi, vicepresidente dell’Anci. ”Ci auguriamo che sia il viatico per un ancor maggiore pluralismo affinche’ le ragioni e le opinioni degli enti locali- sottolinea Borghi – siano presenti nei palinsesti del servizio
    pubblico radiotelevisivo, soprattutto in questi momenti in cui si adottano provvedimenti nei loro confronti”.

  13. elmer says:

    Dove sono i sindaci? A Catania…o a far turismo o aff…

    quello che…Regioni

    sabato 11 febbraio

    Patto di stabilità, piccoli comuni, prodotti tipici, montagna e turismo.

    Questi sono alcuni argomenti trattati dal Vicepresidente ANCI Enrico Borghi. In sommario, una scheda sulle Province, un’intervista al sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli, un servizio dai passi dolomitici e un’intervista sull’Euroregione e sulla TAV al Presidente del Piemonte, Roberto Cota.

  14. riffesen says:

    Si va bene, va bene…d’accordo su tutto, bene bravi. Ok. Ma che cosa volete che si svegliono i leghisti quando il mago otelma Calderoli fa previsioni come ‘Monti non arriva a marzo’ e da quel momento Monti decolla nel successo nazionale e internazionale…con tanto di esponenti del Pdl che passano armi e bagagli dalla sua parte. Ma che caz..staiamo a parlare mentre la Lega, unica forza che poteva fare qualcosa, è finita da mesi e si regge solo su una vecchia impalcatura che sta crollando di ora in ora??? Tutto è finito e i più furbi sono già altrove. Qui si chiude. Adieu.

  15. Fabrizio Dal Col says:

    Mi pregio aggiungere dei particolari circa la materia ben ricostruita dal direttore Gianluca Marchi. La questione riguardante i patti di stabilità degli enti locali, ovvero i quattrini fermi che non si ossono utilizzare, sono stati utilizzati come credito disponibile dello stato pronta cassa. In sostanza in risposta alla famosa lettera d’estate inviata dall’Europa all’Italia, si è provveduto far presente della disponibilità finanziaria suddetta come una sorta di credito immediatamente escutibile il tutto per placare e temporeggiare sulle riforme richieste. Oggi il governo Monti buon “numeraiolo” qual’è, non fa altro che procedere all’utilizzo di questi denari.

  16. kalenord says:

    Stiamo modificando la mozione di Bianchi e la presenteremo anche a Besana in Brianza. Vi faremo sapere…. So che anche ad Arluno (prov di Milano) stanno preparando una mozione analoga…. Occorre però un’iniziativa corale!!

  17. Segnalo anche questo intervento di Matteo Spigolon, consigliere comunale di VenetoStato a Cerea:

    http://venetostato.info/?p=4833

  18. Mauro Cella says:

    Caro Direttore… noi non ce ne siamo accorti ma pare proprio che Monti stia facendo un lavoro sopraffino, almeno a sentire gli infiniti panegirici e sondaggi (li avranno commissionati alle stesse agenzie che lavoravano per il Cavaliere?) che ci martellano quotidianamente.

    Ribadisco ancora che questa notizia la avete data solo voi e diversi blogger che si occupano di politica ed economia. Prima di chiedere ai Sindaci dove sono (arriverà anche il loro momento) chiediamoci dove è la stampa.
    La risposta la diede G.K. Chesterton un secolo fa “Non abbiamo una censura della stampa, abbiamo una censura da parte della stampa. Non siamo noi che mettiamo a tacere la stampa, è la stampa che ci azzittisce”.

    Fortunatamente c’è ancora L’Indipendenza a darci una voce…

    • gianluca says:

      E’ vero, la stampa non c’è: ma cosa ci aspettiamo dai media che si abbeverano sostanziosamente dallo Stato? A me fa più impressione che non si muovano i sindaci dei Comuni che probabilmente quei soldi non li vedranno più. Perché lo sappiamo a no che prima il patto di stabilità e adesso la tesoreria statale servono a garantire l’Europa che l’Italia, in caso di bisogno, ha soldi freschi da mettere in campo? E ho il sospetto che prima o poi quel momento arriverà…
      dir

  19. Rinaldo C. says:

    Salve Marchi

    abbiamo dato il pospetto adun consigliere comunale della lega nord a Carpi, che ieri sera in consiglio ha chiesto se il comune ha ricevuto questa richiesta di rimborso dalla tesoreria comunale alla tesoreria di stato.
    Tu ai ragione tutti i comuni virtuosi e anche meno virtuosi, dovrebbero ribellarsi rifiutando a questo soppruso e da qusto rifiuto che si arriverà poi a conquistare la liberta di indipemdenza ma se mettiamo la testa sotto la sabbia e diciamo sempre si e mai no, si arriverà alla conquista della libertà dei popoli, bisogna cominciare dal piccolo per poi arrivare al grande.
    Sindaci dei comuni Italiani virtuosi e non virtuosi ribellatevi
    altrimenti siete inutili per i vostri cittadini, siete pagati dalla comunità per cui siete stati eletti e dovete fare il vostro dovere in aiuto ai vostri cittadini, che sono stanchi
    di sopprusi, gabelle e poi voi taglaiete le spese utili e spendete soldi per cose inutili.

    Rianldo

  20. sciadurel says:

    ormai penso che il regime si totalmente compiuto

  21. zenzero says:

    Grandissimo Marchi. Se anche in questo caso le centinaia di sindaci padani se ne stanno con le mani in mano, allora è proprio finita.

  22. luigi bandiera says:

    IL SONNO, caro Gianluca, E’ SENSALTRO PROFONDO.

    Comunque c’e’ troppa DISTRAZIONE..!!

    Vuoi per il Giglio, vuoi per il maltempo e insomma nel frattempo l’italia che NON dormai ci fotte…!!!!!!!!

    Sono ben 150 anni che lo fa… e qualcuno si passa per sapiens, ma in ke kax mo..??

    In SOGNI..??

    Sai, dormendo uno sogna no..??

    E pensare che avevo perso la voglia di scrivere le mie kaxxate.

    Saluti a todos

Leave a Comment