Sindaci Lega potestano contro Bruxelles. Salvini: disobbedienza

di REDAZIONE

Quaranta, fra sindaci e presidenti di provincia lombardi, hanno protestato a Bruxelles “contro le tasse del governo Letta e gli assurdi vincoli imposti da questa Europa”, definita da un comunicato della Lega Nord, “serva delle banche e dei burocrati”. In segno di protesta contro “l’omicidio dei comuni del Nord” sono state esposte nella piazza antistante il Parlamento europeo bandiere e striscioni con le scritte “No Euro” e “Questo Euro ci uccide”. “I sindaci della Lega Nord – ha affermato il segretario federale, Matteo Salvini – si stanno organizzando per mettere in atto azioni di disobbedienza civile alle regole assassine di Bruxelles e allo scellerato Patto di stabilita’ che ha messo in ginocchio i nostri Comuni”.

“Per dare un numero – ha aggiunto Salvini – nella sola Lombardia, il ‘Patto di stupidita” imposto da Roma blocca 5 miliardi di euro, congelando piu’ di 100mila posti di lavoro. Mentre l’Europa serva di banche e burocrati punta tutto su regole e rigore, infischiandosene dei cittadini, si ignora la vera emergenza di un mondo del lavoro massacrato dalle tasse romane e da norme comunitarie umilianti”. “Sarebbe meglio, prima di occuparsi delle condizioni disumane dei carcerati, pensare alle condizioni disumane in cui versano le imprese che chiudono costringendo alla disoccupazione milioni di persone”, ha concluso Salvini.

Con la legge di stabilita’, ”se intendevano stabilizzare la recessione, credo ci siano riusciti”. Lo ha dichiarato il capogruppo alla Camera della Lega Nord, Giancarlo Giorgetti, durante una conferenza stampa tenuta poco prima dell’avvio dei lavori dell’Aula della Camera, che dovra’ oggi votare la fiducia posta dal governo sul maxiemendamento al ddl stabilita’. Giorgetti, insieme con i deputati leghisti Stefano Borghesi e Guido Guidesi, ha puntato il dito contro governo e maggioranza che hanno inserito nella legge di stabilita’ quelle norme di carattere ”assistenzialistico” che hanno trasformato il testo ”quasi in una legge mancia, che distribuisce milioni ad amici ed amici di amici”, ”come una vecchia Finanziaria, cioe’ con finanziamenti a pioggia per accontentare questo o quel partito”. Dalle risorse per i lavori socialmente utili per Calabria, Napoli e Palermo, alle assunzioni della Presidenza del Consiglio per la comunicazione durante il semestre europeo e la gestione dei fondi Ue: la Lega Nord ha segnalato una serie di misure definite ”marchette al Sud del Governo Letta” e che costano 632,2 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

13 Comments

  1. indipendentista says:

    Salvino non risponde ai leghisti ma a Vincenzo Sofo, a Piero Puschiavo, ai ‘leghisti’ d’azione meridionale e a tutti quelli che gli hanno promesso qualche preferenza dal loro mondo di 4 gatti tricolori per le prossime elezioni. Dove fra l’altro non sarà eletto causa mancato superamento del quorum, cosa ormai evidente. Raschiare il barile non serve a nulla.
    Bozzi tace perchè il ‘nuovo’ segretario gli ha confermato il budget ‘spese mediche’ di 900 mila euro annui (a questi l’euro non fa schifo..)
    Ogni europerlamentare può invitare 2 volte all’anno una comitiva ‘in visita’ all’europarlamento. I tizi che vanno in trasferta a Bruxelles lo fanno spesati dal parlamento europeo, cioè da tutti.
    Fra l’altro pare che il FN sia orientato per il NO ad un’alleanza con la Lega dato che in Francia i guai giudiziari di questi signori hanno avuto grosso eco.

  2. egenna says:

    Tutti questi soloni che criticano,…loro cosa fanno? Ma certo, probabilmente hanno già portato i loro soldi all’estero,o risiedono fuori dall’italia,o sono seduti su di una bella poltroncina dell’apparato pubblico,o per ora hanno una congrua pensione che gli permette di criticare indisturbati. Ma appena bruxelles avrà demolito lo stato italiano e raggiunto lo scopo che si prefigge da anni il sig.Kalergi,si prenderanno tutti un bel calcio nel sedere,perché non serviranno più se non come utili idioti.
    Cordiali saluti

    ps: Se ho dimenticato qualche forma di sopravvivenza al di fuori di quelle citate,per favore,aggiungetele voi.
    Grazie

  3. grazie silviaccio, ci si continua ad immiserire grazie alla tua opera devastatrice che ha impoverito tutti tranne le frequentatrici di cene eleganti e i farabutti complici tuoi, ma almeno in questo caso ci si guadagna di salute.

  4. ingenuo39 says:

    . “I sindaci della Lega Nord – ha affermato il segretario federale, Matteo Salvini – si stanno organizzando per mettere in atto azioni di disobbedienza civile alle regole assassine di Bruxelles e allo scellerato Patto di stabilita’ che ha messo in ginocchio i nostri Comuni”? Quando vedrò il buon Salvini non pagare le tasse che dice di disobbedire, forse aderirò anchio, della serie vai avanti te che mi viene da ridere.

  5. Ridicoli, adesso comincerà la storia infinita di BRUXELLES LADRONA tal quale a Roma Ladrona.
    Allora tutti a votare per le poltrone europee!
    Salvini incomincia col primo passo verso il passato, il nulla.
    Lega irriformabile.

  6. Dan says:

    Pensa la paura che hanno avuto dentro il palazzo di queste quaranta furie.
    Quaranta leoni che però non hanno il coraggio di sfanculare il famoso “patto di stupidità”

  7. Paolo says:

    Eh già….è proprio Bruxelles il problema…si si, Bruxelles ladrona..
    Chissà perchè per i paesi seri non rappresenta un problema, ma questi, anzi, vanno bene sia che siano dentro (es: Finlandia) che fuori (es: Norvegia) dall’Euro… Ho fatto questi due esempio perchè si tratta di realtà grandi grosso modo come Lombardia o Veneto, e che non hanno neanche un tessuto industriale sviluppato come il nostro. Per dire, fossimo indipendenti non avremmo alcun problema e potremmo liberamente scegliere di stare dentro o fuori dall’Euro…
    Però adesso fa molto comodo nel clima politico odierno per i populisti nostrani gridare “Bruxelles ladrona”…qualche pirla che ti vota (4-5% ?) lo trovi e ti tieni la poltrona che hai sotto al deretano….facile vero??
    Per altro nella foto vedo che i coerentissimi bontemponi nostrani non hanno neanche usato la bandiera storica della Lombardia, ma quel simbolo artificiale e non identitario, che oggi la rappresenta sotto allo stato Italiano.
    Ricordo inoltre, tra parentesi, che uscendo dall’Euro subiremmo immediatamente una svalutazione monetaria del 30-40%, con una perdita pazzesca di potere d’acquisto (ma che gli frega ai soloni nostrani, l’importante è avere una bella poltrona sotto alle chiappe..!)
    Ah, per altro vi propongo una chicca che farà sobbalzare qualsiasi indipendentista ancora in buona fede:
    Progetto Nazionale sostiene Matteo Salvini
    http://www.progettonazionale.it/articoli-archiviati/politica/54-vai-matteo-salvini-di-piero-puschiavo
    Le rivolte vere andrebbero fatte in primis davanti alle sezioni della Lega Nord…

    • gibuizza says:

      In base a quali valutazioni economiche (non vale dire “lo dicono tutti”, “è ovvio che sia così”, ecc.) se uscissimo dall’euro ci sarebbe una svalutazione del 40%? Inoltre, quanto siamo svalutati attualmente come potere d’acquisto?

      • Paolo says:

        Stime degli economisti.
        Inoltre, con l’euro già abbiamo perso almeno il 30% di potere d’acquisto, direi che non è il caso di perderne ulteriormente..

    • indipendentista says:

      Nulla di nuovo. Come tutti sanno i maronazzi avevano già usato gli skinheads veronesi come ‘servizio d’ordine’ fatti venire all’ultima Pontida per aggredire la dissidenza degli universitari leghisti e dei giovani veneti contro la deriva fasciotricolore del movimento spacciata per ‘rinnovamento’, ‘2.0’ e altre pagliacciate. Salvino fa bene ad andare a chiedere i voti in Calabria e Salento perchè qui se li sogna.

  8. Unione Cisalpina says:

    kosì kome il Maronici blaterava di “prima il nord e della funambolika makròregione” …

    sto Salvini, in xfetto stile leghista (cialtrone, mestatore ed ignorant8), sposta l’obiettivo della nostra battaglia x l’indipendenza sempre oltre, lontano da Kasa… da altre parti (a kuando la battaglia kontro l’ONU !?) e ci sferza a spendere energie (ed inkazzature) kontro Bruxelles al grido: “No Euro” e “Questo Euro ci uccide”” ….

    BUFFONE … guarda agli italiani … e non ai cisalpini, ai padani…

    tutto eskogitano fuorkè mobilitarsi sul Territorio … in Padania x i Padani, kontro roma e ‘sto obrobrioso merdionalista stato italiano ke ci vessa,

    l’italia, roma, gli italiani sono l’ostakolo da rimuovere… sono gli assasini nostri ke ci stanno uccidendo… altro ke europa ed €uro !

  9. Terenzio Varrone says:

    Se Salvini fosse veramente un indipendentista serio, convinto e onesto (?), darebbe disposizioni ai propri sindaci, quelli della LEGA, di disattendere il patto di stabilità dichiarandolo DECADUTO, cominciando a far fare investimenti, utilizzando le risorse finanziarie bloccate da una legge provocatoria impostaci da stranieri lontani dalle nostre esigenze e aspettative .

    Se ciò accadesse, interverrebbe subito la magistratura e scatterebbero denunce e arresti…ma scusate, o si è rivoluzionari e indipendentisti, oppure si sta a casa e si fa quello che dice il “padrone” da ROMA e da Bruxelles …non vi pare?

    Caro Salvini, se prima del fecciume partitocratico, della degenerata accozzaglia che siede nel parlamento romano,della cloaca massima, e della suburra capeggiata da Renzi, Berlusconi, Monti e Napolitano, c’è il diritto alla vita dei popoli cisalpini (PADANIA), allora via…si riunisca il Parlamento Padano e dichiari decaduta la legge sul patto di stabilità, non riconoscendo a Roma e alla UE il diritto di ingerenza negli affari interni dello Stato Federale dei popoli cisalpini e si proceda a spendere quanto è presente nelle casse dei comuni , con l’esultanza di tutto il popolo beneficiato da questo provvedimento, popolo che si schiererebbe a difesa della LEGA, ricreando quell’unità e quella fiducia ormai persa. Sarebbe avviare un processo irreversibile di distacco immediato dal resto della penisola…avanti SALVINI, un po’ di coraggio e di patriottismo sano!

    …Peccato che un SALVINI capace di queste azioni non è ancora nato perché, tutto sommato, è meglio rientrare a casa e magiare polenta e panettone con i propri cari … l’indipendenza? …per quella c’è sempre tempo perché anche SALVINI, sulla propria BANDIERA ha stampato il motto “TENGO FAMIGLIA”!

  10. Berghemadler says:

    Chi ha pagato questa (amena) trasferta ?
    I Comuni ? La lega ? O personalmente i “protestanti ” ?

Leave a Comment