Sicilia, Lega senza Nord e senza Sud: solo grazie a Fratelli d’Italia supera sbarramento

di STEFANIA PIAZZO – La sintesi politica l’ha fatta con sarcasmo  Marco Desiderati, ex parlamentare del Carroccio dell’era bossiana, affermando sul suo profilo social che…. “In pratica: per prendere il potere intanto invochi l’indipendenza e mai più schiavi di Silvio, a differenza del vecchio Capo che ragiona e così fotti tutti quei quattro allocchi di militanti. Poi ti allei lo stesso con lo zio Silvio, ti candidi in Sicilia promettendo investimenti che nemmeno Andreotti. Insieme alla coatta prendi gli stessi voti che ha preso lei da sola le volte precedenti e insieme fate un terzo di Silvio. E alla fine lo baci come un picciotto qualsiasi: direi che la strada è spianata”…

Altro da aggiungere è difficile trovarlo. desiderati salvini

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

6 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Il sistema gira attorno al sistema tipo mafia.
    La volonta’ popolare non conta nulla.
    Solo i BOSS dei BOSSBOSS comandano e quindi decidono.
    La Sicilia sa come giostrarsi in quel sistema e giocoforza vince. Anzi. E’ il vero BANCO e si sa vince sempre.
    Tra non molto avremo da capo l’IMPERO un po’ spostato se riferito a Roma da sempre predona.
    Chiamarlo impero romano stona, oggi, ma impero trinacrio ci puo’ stare.
    E vogliono sistemarsi con il grano degli altri, magari quello del NORD che una volta messo in cassa perde il colore e quindi la fisionomia. Diventa di tutti i FURBETTI che sanno fare giroitondi e tanti affari…
    Qua piu’ di pagare PIZZO non s’ha da fare.
    E quanti impegnati per portarsi a casa un gruzzolo di palanche senza padrone perche’ senza nome.
    Sanno tutti pero’ che quel GRANO E’ NOSTRUM..!!!
    Da poco sul canale 73 Enzo Spatalino in apertura e chiusura della sua opinione fa suonare la tromba della sveglia.
    Mi avra’ letto..?
    Chi ha fatto la naja sa che si intendeva: la sveglia al mattino e’ un rompimento di kojon… tah tah tah taaaahaaa.
    Come me e qualche altro anche Enzo suona la tromba invano… come l’andare a votare no… tah tah tah tahaaaaaaa….

    Robe davvero di questo mondo al trikolore.

    Poi ti mostrano il Sacrario militare di Redipuglia in Di Martedi’…
    Cosa intendessero dire..?

    E NEL FRATTEMPO CHE NOI SI E’ IMPEGNATI A VOTARE a visitare i cimiteri militari ma prima a sentire le promesse DA MARINAIO DEI CANDIDATI (se non li arrestano) L’INVASIONE CONTINUA e NON SI VEDE MILITE LI’ A DIFENDERE I CONFINI.
    Beh, gli stessi INVASORI sono pure difesi dai partigiani che si etichettano anche patrioti: ma di quale patria..?

    TRADITORIiiiiii…..!!

    Diamo una accelerata a che il nuovo che avanza, L’ IMPERO TRINACRIO, sia compiuto al piu’ presto, soffriremo meno.
    Ma le belle non sono ancora cominciate…
    Auguri

  2. Marco Green says:

    Salvini ha un bel coraggio a dire che i “suoi” voti sono stati determinanti, visto che sembra difficile dare un valore significativo all’apporto di “Noi con Salvini” alla listarella neofascista creata con FDI.

    Al di là della legittima soddisfazione del clan salviniano per il successo della propria coalizione, mi sembra chiaro che la campagna elettorale dei fenomenali strateghi belleriani questa volta si sia rivelata fallimentare.

    Il felpato si presenta con il suo simbolo, si candida a futuro premier d’Itaglia, “evita” il simbolo della Lega dopo aver annunciato che rottama la vecchia denominazione nordista e…cosa ottiene in termini elettorali?
    Non solo non sfonda ma addirittura risulta invisibile all’interno delle percentuali che FDI al sud raccogle tradizionalmente come eredità dai vecchi MSI e AN.

  3. guglielmo says:

    Gli unici voti determinanti sono stati quelli dei voltagabbana dell’UDC 130.000
    Alle elezioni del 2012 l’ UDC di Pierfurbi e Cesa era schierato con Crocetta nel Centro Sinistra

    Salvini e la Lega con o senza Nord , ininfluenti

  4. giancarlo says:

    Arrivati a questo punto alle prossime elezioni prevedo facilmente il caos più completo.
    Abbiamo a che fare con F.I. che fagocita SALVINI E LA MELONI.
    IL BERLUSCA che farebbe bene ad andare in pensione si prende come la solito ogni merito mentre i demeriti vanno ripartiti equamente tra la coalizione del centro destra.
    Se non fosse che il M5S è composto da dilettanti sia della politica che dal punto di vista….”curriculum” li voterei per il solo fatto di non vedere più le stesse facce in Parlamento.
    Partiti dell’ultima ora non hanno speranze come dimostrato anche nel passato. Ci vuole tempo e fatica e soprattutto gente competente e disponibile a tempo pieno, cosa difficile ma non impossibile.
    Alla fine o non si va a votare o si vota il meno peggio…….o coloro si spera abbiano una qualche visione utile e positiva per il paese….ed in particolare per il NORD.
    WSM

  5. Padano says:

    Zio Silvio? Bisnonno!

  6. Valter says:

    Già: e poi Salvini dice “i nostri voti sono stati determinanti”….. da vero italiano….

Leave a Comment