Si chiude bottega. Safilo, Elcograf… Callegari: esuberi di cui nessuno parla, tanto sono solo Veneti.

veneto

di Corrado Callegari –  Almeno 1.100 esuberi. Così, come se niente fosse. La Safilo solo a Longarone ne ha 400 su 700 complessivi. Poi c’è il colosso veronese della Elcograf, altri 440. Non ne parla nessuno. Il Veneto non fa notizia. Gli amplificatori della comunicazione sono tutti concentrati o sui barconi dei migranti o sui massimi sistemi del sovranismo, che aspetta di fare la conta dei disastri per poi dire: arriviamo noi a salvare il mondo. Intanto l’indagine di Bankitalia dice che la stagnazione economica del Veneto fa paura. L’indice di fiducia delle imprese è al minimo storico e il 2020 sarà peggio dell’anno che si chiude. La manifattura non regge il passo. Nulla di nuovo, viene da dire. E la speranza in un rilancio dell’economia che passa per una fiscalità umana e giusta, quella che doveva arrivare dall’autonomia sancita dal referendum, stagna col resto.  Poteva cambiare il destino del Veneto in questi anni? Facile rispondere: se  avessimo potuto avere i miliardi del residuo fiscale da investire in opere pubbliche, per detassare il costo del lavoro e fare formazione,  per competere insomma anziché tirare a campare per riuscire a pagare le bollette dello Stato, non saremmo qui a raccontare che una regione che da sola fa il Pil di alcuni Stati europei, deve subire la doppia umiliazione: chiudere, nonostante la voglia di lavorare e creare, e vedere che i politici del Nord in carica sono i primi a non fare gli interessi del proprio territorio. Vanno a Roma per liberare il Sud dai vecchi partiti, per prendere il posto di quelli che c’erano prima. E non lasciano al Nord neppure una zattera di salvataggio. Il Veneto non se lo merita. Il Veneto torni ai veneti che vogliono amministrare per il bene comune del territorio, non per i territori degli altri.

Corrado Callegari, Partito dei Veneti-Grande Nord

 

Print Friendly, PDF & Email

4 Comments

  1. Ecco un’altra Banca fallire se non viene salvata con i nostri soldi.
    La Banca Popolare di Bari è l’ennesima prova che il sistema italiano è marcio e moribondo.
    Si salvi chi può viene da dire ma soprattutto da fare.
    Con un PARTITO DEI VENTI FORTE meglio maggioritario in Regione avremo le armi affilate per dire a Roma che la festa è veramente finita ed i Veneti hanno il diritto anche internazionale per avere l’indipendenza.
    L’autonomia può essere accettata come primo scalino se avremo le risorse finanziarie che ci spettano per gestire tutte le 23 materie, altrimenti è solo l’indipendenza la vera conquista da fare.
    WSM

  2. Non si può aggiungere un’altra parola caro Callegari.
    Purtroppo questa della SAFILO non sarà l’ultima della serie ma ce ne saranno altre ancora.
    Il mercato interno non tira e quello estero viene invaso da prodotti senza regole e quindi facendo concorrenza sleale alle nostre. Insomma la decrescita felice sembra diventare una dura realtà solo che noi Veneti finalmente vogliamo ribellarci all’andazzo italiota e seguiremo le orme degli svozzesi, dei catalani, e di tutti gli altri Popoli oppressi da stati ormai falliti economicamente o istituzionalmente.
    Alla fine vinceremo noi è sicuro.
    WSM

  3. Non illudiamo la gente!.. Non basta l’autonomia per tirare su le sorti delle regioni del Nord e salvare la baracca italiana e tutti i suoi carrozzoni! Almeno laddove il discorso e’ piu’ avanzato, e il Veneto senza dubbio in questo senso e’ all’avanguardia, bisogna puntare sull’Indipendenza!…che rompe le catene e darebbe una svolta sicura ai rapporti col mondo intero a beneficio non solo dei veneti ma di tutti quelli che vogliono interagire con una nuova realta’, che sarebbe un cuneo dirompente nella stagnazione che ci sta portando tutti alla deriva.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Lega vecchia e Lega nuova, il congresso dei "misteri"

Articolo successivo

Boni: Il Nord sta morendo. Ma non facciamolo sapere