Lega: Salvini e Bossi capilista alla Camera. La “grana” Sgarbi

di REDAZIONE

Matteo Salvini capolista per la Camera nella circoscrizione Lombardia 1 (quella di Milano) e Umberto Bossi in Lombardia 2. Al Senato in Lombardia Roberto Calderoli sara’ capolista mentre Giulio Tremonti, gia’ capolista nelle regioni del centrosud, e’ al secondo posto. Sono alcuni dei nomi di spicco nelle liste della Lega. ”Grande rinnovamento e tante facce nuove”, spiega Roberto Maroni parlando con i giornalisti. Fra i nomi per la Camera, i segretari provinciali di Bergamo, Christian Invernizzi, e di Varese, Matteo Bianchi.

”In Lombardia siamo in vantaggio, anche se resta ancora molto da lavorare per arrivare al successo finale. Per le politiche stiamo recuperando. E se dovessimo vincere sia le elezioni regionali che quelle politiche, il nostro progetto di tenere in Lombardia il 75% delle tasse pagate dai lombardi verrebbe sicuramente attuato”. Lo ha dichiarato questa sera a Pavia Roberto Maroni, candidato di Lega Nord e Pdl alla presidenza della Regione Lombardia. ”La sinistra si è dichiarata contraria alla nostra proposta di tenere il 75 per cento delle tasse in Lombardia: facciamo conoscere a tutti il pensiero dei nostri avversari – ha aggiunto Maroni -. Stiamo parlando di una quota pari a 16 miliardi di euro, che ci consentirebbe di tagliare l’Irap e il bollo auto e di sostenere le piccole e medie imprese che finalmente potrebbero assumere i giovani”. A fianco di Roberto Maroni c’era Alessandro Cattaneo, esponente del Pdl e sindaco di Pavia alla guida di una giunta di centrodestra con la Lega Nord. Nei giorni scorsi Maroni lo aveva indicato come suo possibile vicegovernatore in Lombardia, anche se questa sera Maroni ha specificato che questa scelta spetta solo al Pdl. ”Mi auguro che la decisione – ha sottolineato Cattaneo – venga presa tenendo conto di chi ha operato concretamente sul territorio, con onestà e competenza. Qualsiasi sarà la scelta dei vertici del Pdl, sosterrà con convinzione in campagna elettorale la corsa di Roberto Maroni alla presidenza della Regione Lombardia”.

 

Intanto Vittorio Sgarbi spiega le ragioni che hanno portato alla presentazione della lista ‘Prima il Nord’ al Senato in Lombardia (sarà presente anche alle Regionali), Piemonte e Veneto, lista contro la quale la Lega Nord ha fatto ricorso senza successo. ””Prima il Nord” – chiarisce Sgarbi – non è una lista leghista. E’ una lista contro l’inciucio Lega – Pdl, e si rivolge a coloro che non accettano compromessi e difendono i valori della grande civiltà padana nella difesa dell’arte e dell’identità culturale, nell’esaltazione di un grande patrimonio sottovalutato dalla Lega, da Giotto a Padova, a Caravaggio, da Correggio a Parma, a Giorgio Morandi. Prima il Nord indica semplicemente il primato della cultura, dell’arte, della civiltà lombarda, veneta, emiliana. Da Bonvesin de la Riva a Ludovico Ariosto, da Leonardo a Giorgione, su cui nessun partito ha posto la priorità nei programmi”. Per il critico d’arte, ”si parla di Expo distruggendo Milano con grattacieli e architetture inutili e nessuno pensa ad una grande mostra di Leonardo a Milano: non si può vincere in Lombardia stando dalla parte dell’ignoranza. La Lombardia vuol dire Cesare Beccaria, Alessandro Manzoni, Carlo Porta. Si sente parlare soltanto di spread e di Imu. Lo sanno i leghisti che la madre di Dante era di Ferrara?”, si chiede.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

28 Comments

  1. Ersirca says:

    Vota Salvini e famose sto inciucio, mannamolo a Roma che è un sacrificio per lui così padano e falso più che un napoletano! E poi ce ata Squnzano cor pittoresco Alfano Sannamo a diverti’ Salvi’ Salvi’

  2. Baio says:

    Non vedo l’ora di vedere l’indipendenza padagna. Che bello essere liberi, e avere come presidente del consiglio Bossi che a rutti, scorregge e ditimedi risolverà i problemi del glorioso popolo veneto. E come ministri suo figlio Trota che gestirà l’economia come gli hanno insegnato nelle prestigiose università albanesi, Maroni ministro ai consumi, schederà tutti i consumatori che entrano nei negozi obbligandoli alla tessera dell’avventore emessa dalla mitica ronda padagna esatamente come ha schedato tutti i tifosi di calcio, e poi Borghezio ministro dell’istruzione e Calderoli ministro della famiglia, lui che ha la mente così aperta… e non solo la mente. Non vedo l’ora. E ci sarà pure la Minetti. Lei farà il ministro della salute, con tutte quelle plastiche, ne capisce più lei di interventi che un chirurgo.

  3. uraia666 says:

    @lucky: la Lega e la cultura sono due cose che stanno assieme come l’acqua e l’olio. Quando c’era Bossi era un profluvio di elmi con le corna, adesso che c’è Maroni si parla solo di economia, cemento e imprese. La Lega è passata da movimento identitario a partito dell’asfalto che ride e della cadrega incollata (al culo).
    Storia? Arte? Patrimonio culturale? Lingue locali? Ma dove??? La campagna elettorale di Maroni e scope varie è stata piena solo di proclami sulla necessità di nuove infrastrutture (altre strade, altro traffico, altro cemento: meno boschi e vendita della nostra terra su cui sputano ogni minuto dopo aver blaterato circa la sua sacralità con ampolle e idiozie varie per anni), rilancio del comparto edilizia e costruzioni (e tutte le case già costruite, vuote e sfitte??? ah già: occorre fare favori alla ndrangheta) e via blaterando. Venderebbero pure la loro madre per una cadrega, figuriamoci la loro Terra e la loro cultura. Non hanno rispetto per niente. Gli interessa solo piazzare gli attuali bellerioti nulla facenti e incompetenti che hanno sostituito quelli altrettanto margnifoni di prima. Lega 2.0 fallimento totale, spero che gli elettori che avete preso per i fondelli finora vi diano finalmente la pedata nel deterano che vi meritate.

    • lucky says:

      non credo che Lei sia un vero indipendentista perchè Lei non conosce la lega, Lei conosce solo quello che Le fa comodo, che è poi l’imperante sottocultura sinistra, quella cultura del nulla, per intenderci.

      quì, diceva il grande totò, nissuno è fesso, e io..modestamente…non lo naqui!

      pro pros anche a Lei.

      Forza Lega Nord

      • Don Ferrante says:

        Totò disse: “Signori si nasce ed io modestamente lo nacqui” !

        In altra occasione disse: ” qui siamo a Napoli e, come si dice, ‘ccà nisciùno è fesso “!

        Ecco, badilografo, vai a rompere le palle a Napoli: là saranno ben felici di accoglierti e di poter finalmente prendere per il culo un polentone !

        • lucky says:

          il don mi ricorda la mafia, il modo di esprimersi pure. rompere le palle ai pagliacci mi da una soddisfazione enorme, quindi continuerò a farlo

          pros pros

      • uraia666 says:

        non sono un sinistronzo caro lucky, ma probabilmente uno che quando lei non era nemmeno nato già si faceva il culo per cli ideali indipendentisti. continui a votare Legga Nodde. Contento lei… poi non si lamenti però. cordialmente

    • Giacomo says:

      Ben detto uraia.

  4. luna says:

    Ancora Bossi capolista. questa non è politica ma cabaret, avanspettacolo.Padania libera, w la secessione .Voglio il Trota almeno rispetto al padre quando parla si capisce, w l’indipendenza, Sono passati 20 anni ma dopo le elezioni sicuramente avremo una macroregione e finalmente il federalismo parola di Maroni, Tosi, Salvini, Calderoli, ahahahahahah mi viene da ridere
    La macroregione ci sarà ma sarà governata dal nanerottolo di Arcore.
    Il vice ministro sarà Brunetta lo gnomo perche è più basso del cavaliere di un centimetroE ci saranno poi tutti i legaioli come maggiordomi.Si parlerà una lingua incomprensibile e il traduttore simultaneo sarà Bossi. il trota si occuperà delle piccole spese.

  5. lucafly says:

    Bossi e Salvini capolista il nulla nel vecchio e nel nuovo….
    Certi personaggi van sempre in coppia.

  6. piero ex giov pad says:

    Alla Lega che spesso e volentieri invitava Sgarbi alle feste sta benissimo. Hanno cercato di cancellare il nome (glorioso anche se sput*ana*o) di Lega Nord con “Prima il Nord” (slogan adatto per la pubblicità di una lavastoviglie) e adesso raccolgono i frutti delle loro furberie.

    Ma poi mi dico: qualcuno di voi pensava davvero che la Lega 2.0 avrebbe portato a un repulisti morale in via Bellerio? Vi stupite della ricandidatura di Bossi? Ma sapete che corre voce che vogliano perfino ricandidare contro la volontà della base piemontese Borghezio alle europee e sempre pare che gli vogliano dargli un ufficio in Bellerio? Ci manca solo che ricandinino Renzo e la Rosy.

    S V E G L I A

    Io voto Ambrosoli.
    Viva la Padania ( o meglio ciò che ne resta)

  7. Anto21 says:

    In Bellerio dicono che Unione padana chiede troppi posti sicuri in l’usta per questo trattativa non chiusa… Bello vero? Ci salva solo Facco !

  8. Fester says:

    Grande Caparini che non ha registrato il logo di prima il nord! Con geni così ai va lontano!

  9. gigi ragagnin says:

    si tratta di una lista di disturbo, qualcosa prenderà.
    anche l’allega (quella vera) è una lista di disturbo per tutti gli indipendentisti. speriamo che facciano una brutta fine.

  10. drago says:

    Don Ferrante e Lucky continuate a votare Bossi e il traduttore simultaneo, il trota e Maroni, Tosi e Salvini, tutti legaioli che vi porteranno ad Arcore a fare i domestici al Nanerottolo.L’indipendenza ve la potete scordare. Se Unione padana corre da sola il sogno è con loro no con i cantastorie riscalda poltrone della Lega.
    In quanto a Sgarbi è come Pannella ha rotto le p….e.
    Unione Padana per una indipendenza vera ma solo se corre da sola.

  11. Don Ferrante says:

    Ci mancava solo l’ex sindaco del Comune di Salemi, commissariato per infiltrazioni mafiose !

    Le teste vuote dei milipochi militonti legaioli han pensato di risolvere tutti i loro problemi sputtanando l’Umberto e cacciando la Rosi !

    Anche Sgarbi, ineffabile, è ora pronto farci fare figure di m…..!
    La madre di dante era un’Alighiera, forse di Ferrara, e con ciò abbiamo risolto i problemi dell’Italia continentale !
    Ma va’ a dà via l’òrghen !

    • Giacomo says:

      O anche “ma va’ a Bagg a sonà l’òrghen” così detto perché a Baggio (quartiere di Milano) avevano una chiesetta molto piccola e l’organo non ci stava, e allora l’avevano disegnato sul muro 🙂

  12. lucky says:

    beh caro sgarbi, benvenuto in lega, perchè la lega è proprio questo, non lo sapevi? ora aspettati anche tu di essere chiamato: razzista, cornuto, legaiolo, secessionista, ladro, ignorante,particolarista, populista, evasore, tangentaro ecc… prima o poi tutti i padanisti o indipendentisti (veri, non questi di UP) pagano il dazio della delegittimazione e magari di finire pure sotto processo.

    pros pros fratello padano

    • Micky says:

      prima l’ itaGlia pessimo tentativo mai riuscito, poi la padaGna che non esiste.

      Quand’ è che caceremo sto approfittatori dalle nostre terre?

      Il “nouvo cosa dovrebbe essere? i finti indipendetisti di “unione padana”… che tristezza….

      Lombardia LIBERA!

Leave a Comment