Kosovo, aggredito un pullman di bambini serbi

di REDAZIONE

Uno scuolabus con a bordo bambini serbi e’ stato presso a sassate oggi nel nord del Kosovo. Come ha riferito una fonte dell’Ufficio governativo serbo per il Kosovo, l’incidente e’ avvenuto lungo la strada fra Kosovska Mitrovica e Suvi Do, all’altezza del villaggio albanese di Muadjere.

Si tratta, ha sottolineato la fonte, del terzo episodio di violenza xenofoba contro bambini serbi negli ultimi dieci giorni nel nord del Kosovo. Ieri un piccolo di nove anni era stato picchiato mentre andava a scuola, e una settimana fa due bambini serbi erano rimasti feriti nell’esplosione di un ordigno esplosivo lanciato contro casa loro.

Le autorita’ di Belgrado hanno rinnovato la richiesta alle organizzazioni internazionali presenti in Kosovo (Eulex, Kfor, Osce) a individuare e punire i responsabili di queste azioni.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

12 Comments

  1. Francesco says:

    Tutto ciò e’ intollerabile, non si può permettere che questi episodi avvengano con il complice silenzio delle organizzazioni internazionali. Bisogna fare qualcosa!!

  2. Profè says:

    Luca podesta saresti cosi gentile da citarmi le tue fonti o parli per sentito dire o hai visto un servizio in tv e ora credi di sapere la storia di questo paesino? fidati che non è come dici tu, è la serbia che ha occupato quei territori e non vedo come possa essere altrimenti. basta leggere un libro di storia, o informarsi in modo oggettivo

  3. Luca Podestà says:

    Il Kosovo è Serbia storicamente! Oramai gran parte del territorio è perso per l’invasione etnica Albanese…i Serbi del Nord del Kosovo stanno lottando nell’ indifferenza dell’ Unione Europea per salvaguardare la loro identità. Il Kosovo è uno stato artificiale voluto dalla Nato per scopi militari. Solidarietà al Popolo Serbo! La Storia è sempre scritta dai vincitori…ma non sempre riesce a cancellare la Verità e la Giustizia… E’ facile pensare sempre che in questo caso come in tutte le Guerre e le questioni Balcaniche i torti e le ragioni stiano sempre dalla parte dei vincitori o di chi ha l’amico piu’ potente!!!

  4. Markjo says:

    Il Kossovo è uno stato nazista voluto dai criminali della NATO che bombardardaroo la Serbia e sostennero i terroristi islamici che fondarono il Kossovo come è adesso,come l’Uck o i narcotrafficanti,poi diventati classe dirigente kossovara.I serbi devono ottenere l’indipendenza da questo stato criminale che li opprime ogni giorno.Solidarietà al popolo serbo,tibetano e a tutti i popoli oppressi dalle tirannie centralizzate!

    • luigi bandiera says:

      Markjo,

      Quindi kompreso quello VENETO..??

    • Profè says:

      beh dal tuo nick pare che tua sia serbo, e quindi è giustificata la tua visiote totalmente distorta e soggettiva della storia balcanica…
      terroristi islamici che fondarono il Kossovo?? ma stiamo scherzando parliamo dell’impero ottomano
      Uck esercito di volontari contro l’occupazione serba…permetti che uno stato attaccato abbia il diritto di difendersi o è un concetto che va oltre la tua visione nazionalistica?
      “I serbi devono ottenere l’indipendenza da questo stato criminale che li opprime ogni giorno”
      rileggi quello che hai scritto e forse ti rendi conto che sono frasi che puo dire o uno che non ha finito la terza media o uno con enormi lacune storico-geografiche…ripeto informatevi

  5. luigi bandiera says:

    Forse dovevamo fare anche noi cosi’ quando ci hanno OCCUPATO.

    E’ si poco civile e intelligente il gesto: ma la legittima difesa vale o no un atto CAVERNICOLO..??

    Se serve a SALVARE LA PELLE, LA CULTURA e ecc…??

    O bisogna PRENDERLE SEMPRE E ANCHE IN SOFFERENTE SILENZIO..??

    NON SIAMO MIKA DEI JESUS KRISTIS KAX..!!

    DAI, GIU’ DALLE KAX DI BRANDE, intendo culturalmente di cui intellighentemente..!

    Va ben che gli intellighenti su certi andazzi ci sguazzano… e tutto PE NO FATIKA’..!!!

    Ehi, m,a volete o no leggere i fatti per NON SOCCOMBERE..??????????????

    Salam

  6. CSS says:

    questo accade quando la discriminazione razziale, sociale,etnica, culturale o religiosa prende il sopravvento, anche i bambini diventano dei nemici o peggio degli strumenti contro i nemici

  7. Dan says:

    Vogliono l’indipendenza formale e di fatto: la otterranno, a qualsiasi costo. Spiace per quei bambini ma i serbi devono capire che quando non si è più accettati in casa altrui, si levano le tende prima di farci scappare vittime innocenti.

    Idem con patate per i coloni ebrei in palestina.

  8. Franco says:

    Serbi, non lasciatevi intimorire. Quello descritto è un episdio, un sintomo di debolezza degli albanesi

Leave a Comment