Se i politicanti veneziani non sono meglio di quelli romani

di MASSIMO VIDORI*

Lo stato italiano è un baro storico e plurimo e quale sua diretta emanazione lo è anche la regione.

Per questo voglio l’indipendenza.

Le risposte che non arrivano da Venezia non riguardano solo il continuo rinvio della discussione della proposta di legge 342 per l‘indizione del referendum, in una squallida versione lagunare della classica melina italiana.

Voglio l’indipendenza del Veneto perché  vivo in montagna e da quassù il gioco sporco della regione si vede tristemente ancora meglio.

Sono passati anni da quando il consiglio regionale ha approvato il nuovo statuto che riconosce (tra l’altro in modo piuttosto discutibile dal punto di vista normativo) la specificità dei territori  montani.

Ebbene come non definire baro doppio un ente che si dia delle regole che esso stesso poi non rispetti?

Come non definire baro incallito chi si ammanti di onore per la supposta attenzione verso le particolarità, per poi rinviare… posticipare… dimenticare?

Quale la differenza tra la mancata applicazione dell’articolo 15 del nuovo statuto regionale e la penosa mancata ricostruzione de L’Aquila del post-terremoto?

Nessuna! Stessi ruderi, stesse macerie, stesso degrado di infrastrutture e sociale. Territori e paesi  abbandonati, gente che emigra, economia allo spasimo.

L’incredibile ciarlare dei politicanti nostrani, nulla ha da invidiare a quello dei veneziani, che ben si conformano ai romani ed a tutti quelli che abbiano avviluppato interessi dipendenti da questi.

Per questo e da questo voglio l’indipendenza!

 

*Coordinatore Indipendenza Veneta Dolomiti

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

12 Comments

  1. marino martinetti says:

    Solo con l’indipendenza le regioni montane potranno avere il loro governo libero.

  2. caterina says:

    meno male che il Popolo Veneto sa fare da sè…infatti ha già votato per la sua indipendenza ! e il 21 marzo l’ha proclamata (vedi Plebiscito.eu) … ma i politici fanno finta di non sapere sennò come fanno a campà?

    • Boanerghes says:

      Si….come non sentire il cambiamento !!! L’ho notato proprio nella massa di persone che hanno intasato la Romea per andare nel nuovo centro commerciale a Marghera …stime dicono 50.000, altro che i 3-4000 di Vicenza, che per alcuni sono milioni !!! Ascolta il grillo parlante CRI-CRI….è meglio !!!

      • caterina says:

        vatti a vedere anche altri valori, che non sono stime, ma conteggi uno per uno….2.380.000 Veneti che hanno votato via web…ma guarda un po’, chi l’avrebbe mai detto… nel silenzio dei media i Veneti che si servono anche di mezzi moderni… li credevano polentoni e schiavi di roma…

  3. Lino says:

    ALLORA CARO LORD FERREL, MEGLIO RESTARE COME SIAMO VERO? MA SENZA OMBRA DI DUBBIO! ANZI VIVA L’ITALIA!

    XE PROPRIO A TO RAZA DE INTEETUAI DEL CASSO CHE
    TROVEMO DA SEMPRE, CHE GA DA INSEGNARGHE TUTO AL MONDO! ME PIASARIA PROPRIO CONOSARTE E VEDAR DA DOVE CHE TE Sì E CHE FACIA CHE TE GHE!

    BARAVO VIDORI! WSM

    • Lord Ferrel says:

      CARO SIGNOR LINO,

      MIO PADRE E’ UMBRO E MIA MADRE E’ VENETA, RISPOSTO ALLA DOMANDA DI CHE ORIGINI SONO.
      DOVE VIVO? VIVO IN GRAN BRETAGNA, FORSE DAL NICK SI PUO’ ANCHE INTENDERE, HO ACQUISITO LA CITTADINANZA BRITANNICA PERCHE’ VIVO QUI DA 8 ANNI.
      PUR VIVENDO IN INGHILTERRA PARTEGGIO PER L’INDIPENDENZA DELLA SCOZIA E QUESTO E’ IL MOTIVO PER CUI LEGGO QUESTO SITO.
      MA LA QUESTIONE SCOZIA E’ MOLTO DIVERSA DALLA QUESTIONE VENETA, IL MOTIVO DELLA EVENTUALE SECCESSIONE E’ DAVVERO LA DIFFERENZA CULTURALE E NON LO STROZZINAGGIO FISCALE DEI POLITICI LADRONI CHE COME SONO A ROMA SONO A VENEZIA.
      RITENGO CHE QUELLO CHE HO SCRITTO E’ LA VERITA’, SO CHE LA VERITA’ E CRUDA E REALE MA BISOGNA ACCETTARLA, ALTRIMENTI SI SOGNA IN MANIERA INFANTILE, SE C’E’ QUALCUNO CHE POSSA DIMOSTRARE IL CONTRARIO E’ IL BENVENUTO ED IO SAREI LIETO DI CAMBIARE IDEA.
      SE VUOLE VEDERE IL MIO VISO, SIGNOR LINO,MI VENGA A TROVARE A LONDRA, E’ IL BENVENUTO

  4. giangiovanni says:

    Non facciamo di tutta l’erba un fascio. Anche in regione Veneto ci sono dei consiglieri che si stanno strenuamente battendo sia per il PDL 342 sia per maggior trasparenza della regione stessa.

  5. Lord Ferrel says:

    E’ CERTO CHE VI ASPETTAVATE? NELLA CORRUZIONE, NEL PROPRIO PORTAFOGLI E NEI PROPRI INTERESSI I POLITICI SONO MOLTO ITALIANI E MOLTO CATTOLICI; FACCIAMO I NOSTRI INTERESSI TANTO POI LA CONFESSIONE CANCELLA TUTTO…AVEVA RAGIONE IL BUON MACHIAVELLI A DIRE CHE LA RELIGIONE CATTOLICA E’ UN VELENO CHE ORMAI HA AVVELENATO LE CARNI E LE MENTI DEGLI UOMINI.
    PRENDIAMO I CATTOLICI PAESI DEL SUDAMERICA, COME STANNO MESSI A CORRUZIONE? PRENDIAMO I PAESI PROTESTANTI DEL NORD EUROPA, COME SONO MESSI A CORRUZIONE? RIFLETTETE CARI SIGNORI…
    E NON DIMENTICATE LA SEMPRE VALIDA STRATEGIA DEL “DIVIDE ET IMPERA”.
    INOLTRE NON DIMENTICATE CHE “HOMO HOMINIS LUPUS” OVVERO L’UOMO E’ UN LUPO PER GLI ALTRI UOMINI…
    SE PENSATE CHE UNA SECCESSIONE PORTI IL PARADISO ALLORA CONTINUATE PURE A SOGNARE

    • marco svel says:

      Come mai allora che la baviera CATTOLICA funziona??? Non sarà forse perché non appartiene al SISTEMA MEDITERRANEO ITTAGLIANO??? Che ridicoli i patrioti per convenienza

      • Lord Ferrel says:

        SIG. SVEL, LA BAVIERA E’ IN MAGGIORANZA CATTOLICA MA E’ ANCHE PROTESTANTE. LA PERCENTUALE DEI CATTOLICI IN BAVIERA E’ DEL 56% E LA FRANCONIA, CHE E’ UNA PROVINCIA DELLA BAVIERA, E’ A MAGGIORANZA PROTESTANTE, INOLTRE LA BAVIERA NON E’ PAESE A SE, FA PARTE DELLA GERMANIA CHE E’ A CULTURA PROTESTANTE ED IL CONTESTO NAZIONALE TEDESCO NON E’ ROBA DA POCO.
        iN OGNI CASO SIAMO LONTANI ANNI LUCE DALLA PERCENTUALE DEL 95% DEI CATTOLICI IN ITALIA, ED IL DATO VENETO NON SI DISCOSTA DI MOLTO AL DATO NAZIONALE, DI SICURO I CATTOLICI DEL VENETO NON SONO AL 56%
        iNOLTRE IN QUALCHE DECENNIO LA PERCENTUALE DEI CATTOLICI IN BAVIERA E’ PASSATA DAL 75% AL 56%, PROBABILMENTE ENTRO QUALCHE DECENNIO LA BAVIERA NON SARA’ PIU A MAGGIORANZA CATTOLICA, FORTUNA LORO.

  6. Giorgio da Casteo says:

    Signor Vidori come la comprendo ! E pensare che c’è, qua nella pianura, tanti quaquaraqua’ che sgomitano per candidarsi alle prossime elezioni del 2015 inebriati dal “342” come fosse la panacea risolutiva, anche e sopratutto, della montagna.
    Quanto durera’ ancora questa fiera delle falsita’, delle illusioni, dei rinvii meschini attuati da politici ipocriti privi del buon senso comune ?
    Stia certo che il momento della “resa dei conti” è molto vicino e allora pieta’ cristiana\ non ci sara’ per nessuno.
    Politici veneti e quaquaraqua’ accomodatevi alla tavolata del 2015 forse qualche bricciola romana ancora è rimasta!!!!!!!!!!
    Viva San Marco

Leave a Comment