Scuola, chi ha la schiena diritta sciopera contro le asinerie di Renzi

di GIOVANNI D’ACQUINOscuola2

Rubiamo, materialmente e giornalisticamente, il post che un amico e professore, Giuseppe Reguzzoni, ha pubblicato sul proprio profilo facebook. Dice tutto in poche righe sull’idea di riforma del governo Renzi. Che non ha detto peraltro una parola sullo scandalo della vicenda del recente concorso presidi in Lombardia. Va bene così, in ordine sparso, basta essere sposati ad un buon… partito. E peer chi invece ha la schiena diritta?

C’è questo pensiero, by Reguzzoni.

“Martedì sciopero perché quella nell’immagine non è la mia idea di scuola.
Martedì sciopero perché credo nella cultura e nell’educazione, quindi la scuola dei dirigenti manager non è la mia.
Martedì sciopero perché l’insegnamento è una passione e l’unica buona scuola è quella che dà spazio alla passione, dei ragazzi e dei docenti.
Martedì sciopero perchė Renzie e la sua democratura stanno tradendo e ingannando i giovani, e questo Paese, invece, ha bisogno di loro.
Martedì sciopero perché è ora di dire “basta”, e non importa se non sarò ascoltato; importa solo che non mi faccia derubare della mia libertà e capacità di pensare con la mia testa”.

Print Friendly

Articoli Collegati

Lascia un Commento