SCOZIA PUBBLICA TESTO LEGGE PER SECONDO REFERENDUM SECESSIONISTA. Il documento su Centro Studi Dialogo

Schermata 2019-05-29 alle 18.57.11

Il governo autonomo scozzese ha pubblicato il testo della legge per indire un secondo referendum secessionista. Vogliamo dare “l’opportunità di scegliere di essere una nazione indipendente europea, invece di farci imporre un futuro con la Brexit”, ha detto la premier scozzese Nicola Sturgeon, citata dal Guardian. L’annuncio arriva dopo il successo alle europee del suo partito nazionalista Snp, che aveva chiesto il sostegno di tutti gli scozzesi decisi a mandare un chiaro messaggio anti Brexit.

La proposta di legge, che il parlamento di Edimburgo dovrebbe approvare entro la fine dell’anno, non contiene la data del referendum né il suo testo esatto, che dovranno essere definiti in un secondo tempo. Al momento l’ostacolo principale è la mancanza del necessario via libera del governo di Londra al referendum, che la Sturgeon vuole indire nella seconda metà del 2010.

Un primo referendum sull’indipendenza della Scozia si è tenuto nel 2014, promosso dall’Snp. Allora la secessione fu respinta con il 55% dei voti, ma sull’esito giocò anche il fatto che l’indipendenza avrebbe comportato l’uscita dall’Ue, con successivi negoziati per poter poi diventare un paese membro. La Brexit potrebbe cambiare la situazione, soprattutto se vi sarà un ‘no deal’. Al referendum del 2016 il 65% degli scozzesi ha votato contro l’uscita dall’Unione Europea.

Schermata 2019-05-29 alle 18.52.12

Schermata 2019-05-29 alle 18.09.05

 

Il Centro Studi Dialogo è in grado di offrirvi il testo originale, basta cliccare sul pulsante.
Buona lettura
Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. caterina says:

    Capisco la Scozia che vuol essere una nazione indipendente, ma se l’indipendenza da Londra ha come prospettiva la dipendenza da Bruxell non so quale vantaggio ne tragga… L’indipendenza di un popolo, peraltro con un passato tanto importante anche nel suo legame storico con la casa reale che nel passato referendum con un intervento in extremis determino’ la differenza facendolo fallire, e’ una faccenda dai risvolti che e’ semplicistico collocare in una categoria esclusivamente economica, e neppure risolutiva… Non sara’ certo l’accozzaglia europea che potra’ risolvere il problema identitario di fondo… Sara’ repubblica? Sara’ regno bis? Sono troppo contigui con il resto dell’isola da pensare che possano fare come gli Stati Unito che sono al di la’ dell’oceano…

  2. LOMBARDIA NOSTRA AUTONOMIA says:

    Avere l’Autonomia significa batterci contro il fisco vessatorio,la burocrazia asfissiante,l’inefficienza del centralismo statale ch ostacola la crescita del lavoro,non è poco,ma bisogna crederci !
    LOMBARDIA NOSTRA AUTONOMIA

  3. LOMBARDIA NOSTRA AUTONOMIA says:

    Le proposte che toccano realmente e direttamente la realtà lombarda,appaiono coerenti con le sue tradizionii le sue potenzialità che devono suscitare in noi una influenza stimolante nel cammino di una prospettiva di riforma istituzionale per perseguire dei fini sostanziali sia sul pano economico e sociale che hanno precisa attinenza ad un risveglio dell’operatività lombarda !
    Lombardia Nostra Autonomia

Leave a Comment