Scozia: “Per crisi catalana necessario intervento di Ue o Onu”

SCOZIA

Il governo scozzese ha esortato l’Unione europea o le Nazioni unite a intervenire per risolvere la crisi fra Madrid e la Catalogna, i cui leader minacciano di dichiarare l’indipendenza dopo un referendum vietato che è stato segnato dalle violenze della polizia. “Il governo scozzese è molto preoccupato per gli avvenimenti degli ultimi giorni in Catalogna”, ha affermato la ministro degli Esteri scozzese, Fiona Hyslop, davanti al Parlamento scozzese. La posizione di Madrid, che ha dichiarato anticostituzionale il referendum di autodeterminazione in questa regione spagnola, e il diritto del popolo catalano ad esprimersi sulla sua indipendenza “non sono inconciliabili”, ha proseguito Hyslop. “Ma ciò necessiterà di misure internazionali ed è per questo che penso che le istituzioni europee o l’Onu devono assumersi la responsabilità di tentare di risolvere” la crisi.

“Il governo scozzese spera che un dialogo permetterà ai governi spagnolo e catalano di trovare una soluzione che rispetti lo Stato di diritto, la democrazia, ma ance il diritto del popolo di Catalogna di decidere del suo futuro”, ha insistito Fiona Hyslop. La ministro scozzese ha anche chiesto al Londra di inasprire la sua reazione e di “condannare esplicitamente il ricorso alla violenza da parte della polizia spagnola”. L’Ue lunedì ha esortato al governo spagnolo di dialogare con l’esecutivo catalano che minaccia una dichiarazione unilaterale nei prossimi giorni in assenza di negoziati. I separatisti catalani godono di un forte sostegno in Scozia, tre anni dopo un tentativo fallito di indipendenza in un referendum nel territorio britannico.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment