Schulz (il “kapò”) contro Berlusconi: “Il suo ritorno minaccia l’Europa”

di REDAZIONE

“Berlusconi è il contrario della stabilità” e il suo ritorno può essere una minaccia per l’Italia e per l’Europa “che hanno bisogno di stabilità”. L’accusa nei confronti del leader del Pdl arriva dal presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, che aggiunge: “Tanti dei problemi dell’Italia sono il risultato dei dieci anni in cui Berlusconi è stato primo ministro. Gli italiani lo sanno bene”. E ancora, Schulz dice che il ritorno del Cavaliere è “un gioco politico, molto legato ai suoi interessi particolari” che mette “in secondo piano” quelli del Paese.

Pare però che Schulz non sia l’unico ad essere preoccupato dal ritorno in campo di Berlusconi ai vertici dell’Unione europea, anche se nessuno si esprime apertamente. A Bruxelles sulla crisi di governo tutti si trincerano dietro un “no comment”, motivato dal fatto che “si tratta di una questione di politica interna”. Ma appare evidente che nei palazzi serpeggia il nervosismo. Nessuno osa parlare soprattutto per l’incertezza degli sviluppi immediati della situazione. “Aspettiamo – spiegano infatti fonti europee – e vediamo cosa succede”. C’è quindi forte attesa per l’arrivo del premier Mario Monti a Oslo, domani, per la premiazione del Nobel: in questa occasione Monti vedrà infatti tutti i leader Ue.

Contro le parole di Schulz è subito intervenuto il vicepresidente della Commissione Ue Antonio Tajani, dicendo: “E’ inopportuno che i massimi rappresentanti delle istituzioni europee interferiscano nella vita democratica dei singoli Paesi membri. Nella mia veste istituzionale io mi sono sempre astenuto dall’intervenire su questioni politiche interne dei Paesi”.

Particolarmente critico anche il parlamentare Pdl Enrico Pianetta, capogruppo in commissione Esteri, che ha definito la dichiarazione “gravissima” e ha aggiunto: “E’ una ingerenza all’interno del sistema democratico di un Paese membro fondatore dell’Unione europea. Chiedo l’intervento del governo italiano e dei vertici istituzionali italiani a Bruxelles e spero che il vicepresidente del Parlamento europeo prenda netta posizione su queste fantomatiche elucubrazioni di Schulz. Il Nobel della Pace all’Ue esce, purtroppo, abbastanza macchiato da queste affermazioni”.

FONTE ORIGINALE: http://www.tgcom24.mediaset.it
Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. Dan says:

    Ogni volta che un tizio dell’europa apre bocca, accompagnate alle sue dichiarazioni, ci dovrebbe stare un elenco che spiega su quale libro paga si trova.

  2. elio says:

    il kapò socialista non smentisce la sua professione di kapò, quell’ uomo c’è l’ha nel dna. è lui un pericolo, uno dei killer dell’europa………………………….e sufficente vardal in t’el mus par capì l’omm

Leave a Comment