Scampia: irregolarità a “Villa Russo”. Conferenza degli Insorgenti

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Pesanti irregolarità procedurali e mancata volontà da parte della Regione Campania e del governatore Stefano Caldoro di recuperare “Villa Russo”, il più grande centro geriatrico del Sud, uno dei pochi presidi territoriali di occupazione e di tutela della salute, esistenti nella zona di Miano-Secondigliano-Scampia.

Insorgenza civile abbraccia un’altra battaglia per il territorio della periferia, dove da poco ha aperto una sua seconda sede, con una conferenza stampa in cui denuncerà irregolarità e abusi e lancerà proposte per recuperare “Villa Russo”, i suoi oltre 400 posti letto, le sue oltre 200 professionalità, tra personale medico e ausiliario.

La conferenza è programmata per domani, 3 agosto, alle ore 11,30 presso il Nuovo Bar Mexico, in via Miano 119. Interverranno Nando Dicè, presidente di Insorgenza Civile, l’avvocato Francesco Mele, Giorgio Rodriguez, rappresentanti dei lavoratori.

 Per info: 3357601149 – Ufficio Stampa Insorgenza Civile Napoli

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. CHIUDETELAAAAA, troppe sofferenze a pazienti e parenti, deceduti anche per fame, dovevano chiuderla già nel 1992 per lo scandalo Crispino, lobby dei potenti della I Repubblica. Radere a suolo quello che rimane e spargere sopra sale, perchè mai più l’inferno vi sia sulla Terra. Erigere sul posto un monumento contro la malasanità.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

La Lega pubblica il bilancio: 3 milioni i buchi della gestione Belsito

Articolo successivo

Québec, gli indipendentisti ormai sono il primo partito