NO-TAV, SAVOIARDI E ROMANDI MANIFESTANO A GINEVRA

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Il Movimento dei Cittadini della Savoia ed il Movimento dei Cittadini di Romandia (Svizzera), invitano una delegazione di cittadini e sostenitori della lotta contro il TAV, domani, sabato 3 marzo 2012 a GINEVRA, sulla spianata di fronte alle Nazioni Unite. Questa iniziativa è sostenuta dal nascente Movimento dei Cittadini del Piemonte; referenti: Silvia Garbelli, Dario Catti, Fabrizio Bissacco. (Partenza ore 11.00 dalla rotonda di Almese, per contatti: Dario Catti 3356928529, valmessa@tiscali.it).

Ecco il volantino: MANIFESTAZIONE DI SOSTEGNO AGLI OPPPOSITORI DEL TAV TORINO-LIONE

Il Movimento dei Cittadini di Savoia (MCSE) organizza una manifestazione sulla Spianata di fronte alle Nazioni Unite vicino alla scultura della sedia.

Oggetto: supporto per gli oppositori del TAV Torino-Lione .data : sabato 3 marzo. Orario: dalle ore 14 h alle ore 18.

Numero di dimostranti stimato: 50-100 Responsabile: Valérie Dugerdil MCSE (Mouvement Citoyens Savoie), indirizzo: Tel.: + 33 6 16 51 89 97-+ 33 450 55 98 16.

Si prega di prendere nota e contattare il sottoscritto su questioni amministrative. I Migliori Saluti.

Un’applicazione viene inviata anche alla DSPE. André Sotomayor, FMCA _ Federazione dei Movimenti Cittadini dell’Arco alpino (Tel.: 076 444 65 40)

André Sotomayor, Vice Presidente del movimento dei cittadini francesi e responsabile per il coordinamento e lo sviluppo delle sezioni cantonali – Vice Presidente della Federazione dei Cittadini dei Movimenti dell’Arco alpino, Consigliere comunale della città e del comune di Vernier

Sito web: www.mouvement-citoyens-romand.ch

MCR – Movimento dei Cittadini di Romandia , Svizzera. Eric Stauffer, Presidente- Casella Postale 340 – 1211 Ginevra 17

Sede Centrale : Ginevra: + 41 (0) 22 849 73 33 (dal lunedì al venerdì dalle 08:00 alle 19:00)- info@mouvement-citoyens-romand.ch

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. Roberto Porcù says:

    Cosa c’entra l’autonomia con i no Tav, no inceneritori, no discariche, no tralicci, no G8, … lo scopo è di radunare gente insoddisfatta che ama sfasciare per principio.
    In Val di Susa si è creato un clima tale che nessuna persona di buon senso e non votata al martirio ammetterebbe che una linea ferroviaria non gli crea alcun problema.
    Ovunque c’è una acquisizione di terreno per fare autostrade, viadotti ed altro.
    Con il no sempre e comunque per partito preso, chi sta bene, bene se la passa, il paese stagna nell’immobilismo e chi sta male se lo prende in culo una volta di più.

  2. Domenico says:

    Ma i vari movimenti autonomisti non sono capaci di organizzare una manifestazione in Val di Susa a sostegno della popolazione?

Leave a Comment