Sardegna al voto. Murgia: non vogliamo più essere una servitù

di REDAZIONE

Si e’ tenuta ieri sera in piazza del Carmine a Cagliari la chiusura della campagna elettorale della candidata indipendentista Michela Murgia, in vista delle elezioni regionali sarde di domani. Si stima abbiano dalle 3.000 alle 4.000 persone, animatori dell’evento i Sikitikis. Al comizio di chiusura di Forza Italia, presente Silvio Berlusconi, hanno invece preso parte un migliaio di persone. Ha detto la candidata di Sardegna Possibile Michela Murgia: “Vogliamo che la Sardegna sia un luogo dove restare e non solo nascere, Cagliari deve prendere il ruolo di capitale del cambiamento, capitale di questa nazione”, afferma Murgia. “Noi – continua – da qui cominciamo a costruire un futuro dove tutte le dipendenze gradualmente saranno interrotte, vogliamo decidere dei nostri trasporti, della nostra economia, delle nostre entrate, ci siamo messi contro tutti i poteri forti non vogliamo piu’ essere la servitu’ di nessuno ma liberi, il nostro programma elettorale parla di liberta’”.

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Grande Murgia!
    Dalle nostre parti invece ci sono presidenti di regione, appartenenti a sedicenti partiti indipendentisti, che quando parlano di “nostro paese” e di “nostra nazione” si riferiscono all’italia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Crisi, un suicidio ogni due giorni. Raddoppiati quelli che lo tentano

Articolo successivo

Lega nel mirino della procura, 97mila euro di rimborsi in 4 mesi