SANTORO-FRECCERO VOGLIONO SCIPPARE LA RAI AI PARTITI

di REDAZIONE

 «Monti deve prestare attenzione a questa richiesta». Michele Santoro passa alla fase operativa, fa sapere che «entro uno-due giorni» saranno presentati i curricula per la candidatura ai vertici Rai «al presidente della Repubblica, del Senato, della Camera e della Commissione di Vigilanza». Il suo per la poltrona di dg, quello di Carlo Freccero per la presidenza. Lo sguardo del giornalista è però tutto rivolto al premier: «È una questione di credibilità del governo. Monti ci indichi un percorso, dia una scadenza di due settimane per presentare i curricula. Se dice che vuole muoversi dopo le nomine della Vigilanza, questo non ci sta bene». La tre giorni di esposizione mediatica di Santoro, partita sabato da ‘Tv Talk’, passata ieri prima da ‘In 1/2 h’, poi da una conferenza stampa al Festival di Giornalismo di Perugia e destinata a finire oggi a ‘Otto e mezzo’, ha già visto la prevedibile levata di scudi del Pdl, ma ha anche trovato sostegno nel centrosinistra e in Roberto Saviano, che su Twitter ha invitato Monti a premiare «il merito e la storia dell’azienda». Ha prodotto anche un concorrente: Gianpiero Gamaleri, già consigliere Rai dal 1998 al 2002, che ha presentato la sua candidatura. La legge Gasparri assegna a governo e Parlamento le nomine, possibili a partire dalla scadenza del cda Rai dopo l’assemblea degli azionisti del 4 e 8 maggio con l’approvazione del bilancio, ma il ticket di potere dei partiti non vuol sentir parlare e nega che la loro sia una provocazione. «Basta con i partiti – afferma Freccero -. Il mio è un curriculum tecnico. È un problema di metodo, si faccia come per la Bbc. Io sto preparando un dossier teorico di 80-90 cartelle». Santoro loda il Pd per la scelta di non partecipare alla spartizione delle poltrone, ma lo invita a scendere dall’Aventino. «I tempi sono stretti – avverte -. Bisogna costringere Monti a non aspettare le decisioni dei partiti, ma ad anticiparle. Poi i partiti non potranno far altro che seguirlo, se non vogliono precipitare ancora di più nell’opinione pubblica». Il suo programma non prevede tagli. «A cosa serve un tagliatore di teste? Enrico Bondi – continua in merito alle voci che vedrebbero il manager in pole position per la carica di dg – o lo manda Mediaset o non si capisce». Per Santoro «anche se la Rai ha un indebitamento preoccupante e un organico che può sembrare esorbitante», investendo nella multimedialità, «tutti potranno avere una chance». Una Rai, sottolinea, «con Fabio Fazio in prima serata su Rai1, con Roberto Saviano nella sua fila, Floris ad occuparsi di politica, Celentano a fare il talent scout, Vespa messo di fronte a sfide nuove». «Ben vengano queste candidature – commenta il leader Idv Antonio Di Pietro -. Noi abbiamo già chiesto da tempo che vi sia la possibilità di presentare i curricula». Di «atto di trasparenza e libertà» parla il presidente di Sel Nichi Vendola, mentre un sostegno arriva anche da esponenti Pd: «Santoro e Freccero bene hanno fatto a rendersi disponibili», dice Matteo Orfini, convinto però che la prima battaglia sia per «la riforma della governance». Nel Pdl all’ironia di Daniele Capezzone («Solo dg? Credevo che sfidasse Obama»), si unisce l’attacco di Alessio Butti che parla di una scelta di «supponenza». «Per la Rai – spiega – servono profili qualificati». Ieri il Pdl aveva parlato di candidature da Corea Nord. «Noi? Loro ci hanno vissuto fino a ieri nella Corea del Nord», è la replica di Santoro.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

6 Comments

  1. toscano redini says:

    10. L’Italia va avanti perché ci sono i fessi. I fessi lavorano, pagano, crepano. Chi fa la figura di mandare avanti l’Italia sono i furbi che non fanno nulla, spendono e se la godono.

    11. Il fesso, in generale, è stupido. Se non fosse stupido avrebbe cacciato via i furbi da parecchio tempo.

    12. Il fesso, in generale, è incolto per stupidaggine. Se non fosse stupido, capirebbe il valore della cultura per cacciare i furbi.

    16. L’italiano ha un tale culto per la furbizia, che arriva persino all’ ammirazione di chi se ne serve a suo danno.

    Giuseppe Prezzolini, Codice della vita italiana, 1921

  2. Domenico says:

    tutto o quasi pattume di sinistra. Altro che servizio pubblico!

  3. Rosanna says:

    Tra uno con manie di grandezza e l’altro pure potrebbero anche trovare un accordo. Al peggio non c’è mai fine.

  4. Trasea Peto says:

    Sono proprio divertenti gli italiani! Per loro è normale auto elogiarsi e poi pretendere i complimenti, per due applausi presi si montano la testa e si convincono di essere i paladini del popolo.
    Come in tutte le cose anche in Rai l’invadenza della politica è deleteria, ma Freccero e Santoro potrebbero andare in pensione e realizzare che il mondo non gira attorno a loro.

  5. vito lomeglio says:

    In ogni caso questa dei curriculum è un poco ridocola comunque perchè tanto si sa che tutti fanno i loro giochi come vogliono e non ci sarà mai libertà per i cittadini e poi la Lega aveva fatto pure la battaglia per non pagare il canone…ma a che pro? Sapete capirlo? (prima ho sbagliato a firmare, il mio nome è lomeglio e non lomaglio, non sono omonimo del giornallista…)

  6. vito lomaglio says:

    Adesso bisogna invitare la Lega a far presentare ai suoi uomini e donne in Rai i loro curriculum perchè così anche loro possono concorrere ai posti che meritano! Sai che numeri! Vincono a mani basse, competenza, risultati, ascolti, popolarità alle stelle e non c’è partita! E poi, una volta che la Lega ha presidenza e direttore generale può finalmente riprendere con più forza la battaglia per la difesa delle Province che, come quella di Sondrio, sponsorizzano le gite sull’Himalaya di guide alpine che falliscono pure l’impresa ma fanno tanta pubblicità…pubblcita’ sulla Rai e su Radio Padania in particolare, vedi caso Salvini-Confortola-Sartori, e allora tutto si spiega e tutto si tiene. I risparmi li facciamo fare agli altri che noi padani siamo più furbi e cantiamo le belle canzoncine contro i napoletani, come proprio Salvini faceva “senti che puzza scappano anche i cani….”: E poi questi signori ci vengono a rompere le scatole perchè gli viene gettata addosso dellamerda???????????????????

Leave a Comment