Il 25 aprile la bandiera di San Marco sia dovunque

di ETTORE BEGGIATO

Da sempre  nei territori della Serenissima Repubblica Veneta il  25 aprile si onora e si festeggia  San Marco, emblema religioso e politico della Repubblica Veneta fino al 1797,  bandiera e simbolo del popolo veneto. E non a caso uno dei primi provvedimenti degli invasori francesi  fu proprio quello di sospendere la festa di San Marco e di condannare a morte chi osasse gridare “Viva San Marco!”;  ma nonostante l’accanimento e la brutalità di Napoleone e dei suoi collaborazionisti italiani, ancor oggi nell’intero Commonwealth della Serenissima  decine e decine sono le iniziative per ricordare e festeggiare San Marco: dal festoso ritrovo  in piazza San Marco a Venezia, alla rogazione di Piemonte d’Istria.

E’ fondamentale riappropriarci della nostra identità, delle nostre feste, riscoprire l’orgoglio di sentirsi veneti e di sventolare gioiosamente la nostra bandiera, di esporla dalle nostre case: è l’unico modo per sconfiggere, o perlomeno attenuare gli effetti perversi di quella globalizzazione che sta mortificando culture, civiltà, lingue, costumi, identità diverse ma proprio per questo  degne di essere rispettate, tutelate e valorizzate.

Il tutto in un’ottica europea affinché l’Europa dei banchieri diventi l’Europa dei popoli e delle regioni; un’Europa in grado si svolgere quel ruolo che la storia le assegna, ma  che sventuratamente non riesce a interpretare.   Un’ Europa che veda protagonisti bavaresi e catalani, scozzesi e tirolesi, bretoni e sardi, ma anche noi veneti.

Viva San Marco!

Già assessore regionale del Veneto

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

12 Comments

  1. Un venesian de nome Francesco says:

    25 april 2013: VIVA SA MARCO E VIVA TUTI I VENETI CHE SOGNA DE TORNAR SOTO EL GLORIOSO LEON ALATO E DE CAVARSE VIA DA STE 3 STRASSETE TRICOLORI
    CHE PER ZONTA, LE XE ANCA DERISE DA TUTO EL MONDO…(ALTRO CHE SENTIRSE ORGOGLIOSI D’ESER ITALIANI…XE SOLO DA VERGONARSENE).
    SVEGEMOSE VENETI E DURI I BANCHI.

  2. maurizio says:

    25 aprile? Mai festeggiata la cosiddetta liberazione! Pietà per TUTTI i caduti della guerra civile. Attendiamo ancora una memoria condivisa. Nel mentre evviva San Marco, piuttosto che San Caino.

  3. luigi bandiera says:

    Unkuo’ xe 25 de april, festa grandisima par el popoeo venetho soto sciavitu’.

    Par almanko SOGNAR EA LIBARTA’ PREGHEMO SAN MARKO.

    Ripetemo insiame:

    par tera, par cel, par mar e par ea nostra libarta’… WSM..!!!

    E abaso i komunisti de DX, de SX e de CENTRO ke vol tegnerne sciavi… co ea so karta igienika e el so inperador napolion IV ka sekondo lu a saria una e indivisibie e cioe’: Dio me a ga data e guai a kueo ke me a toka.

    E paroease e va dite kol pensier…

    PSM

  4. alberto marostega-veneto says:

    non potrò essere a san marco.ma quì a travagliato, brescia
    sventolerà la bandiera del cuore.gloria a san marco.tibi parce evangelista meus
    viva san marco viva…grazie di cuore a chi sarà in piazza
    nella mia capitale,il mio cuore sarà lì con voi..sventolate il gonfalone,libero al vento, come libero il veneto sarà.
    grazie a tutti coloro che si recheranno in piazza.
    gloria a san marco che presto tornerà e ci proteggerà sotto le sue ali…vola leone…vola….

  5. Carla says:

    A casa nostra il gonfalone è appeso dalla mezzanotte di oggi e ci rimarrà sino alla mezzanotte successiva.Il 25 aprile italiano non l’ho mai sentito come una giornata da festeggiare.Il 25 aprile Serenissimo invece si.

  6. Amedeo says:

    La prima indipendenza, la faranno i veneti, poi si aggregano anche i lombardi.

  7. Bresà öm liber says:

    Il 25 è la nostra festa. Riprendiamocela!!!
    WSM

  8. SERENISSIMO says:

    DOMANI DA VERONA A VENEZIA !!!!!!!
    VIVA IL GONFALONE VIVA LA SERENISSSIMA VIVA SAN MARCO !!!
    @RENZO QUELA DEA PADANIA TE POL ANCA LASARLA STAR CHE LE INSTESO CHE COSO DA GISSANO LE TUTA NA BALA

    DA BERGAMO A L’ISTRIA NA SOLA NASION !!!!

  9. corrado says:

    sono di Brescia e ho sul balcone di casa la bandiera di San Marco dal 17 Marzo 2012, ininterrottamente.

    La terro’ fino a quando questo regime italiano di m…a cadra’.

  10. daniele quaglia says:

    Loro dicono di averci liberato dal fascismo il 25 aprile 1945.
    Sono due balle immani: la struttura giuridica italiana è fondata su regi decreti e regie leggi fasciste e prefasciste ed in piena repubblica delle banane ancora vengono applicate queste leggi e sanzioni derivanti, fasciste doc; Venezia è stata “liberata” il 29 aprile 1945 (per non parlare di altri territori!)
    Contro la pulizia etnica italiota che nei confronti del popolo Veneto pretende di annientare la più grande festa da 1191 anni rispondiamo con un maxi raduno in Piazza San Marco con il nostro gonfalone. Chi non viene a Venezia esponga la bandiera a casa sua. Sarà la rivoluzione di San Marco, la rivoluzione delle bandiere
    W San Marco
    par tera, par mar, par senpre!

  11. RENZO says:

    ABITO SULLA SPONDA BRESCIANA DEL LAGO DI GARDA DOVE IL LEONE CAMPEGGIA OVUNQUE, GIUSTAMENTE !
    E DA SEMPRE IL 25 APRILE ESPONGO LA BANDIERA DI SAN MARCO SUL BALCONE, COSI’ COME QUELLA PER LA BATTAGLIA DI LEPANTO 7/10 O COME QUELLA DELLA PADANIA PER 15/9…..BUON SAN MARCO A TUTTI

Leave a Comment