Sanca Veneta, il fronte indipendentista diventa trasversale

SANCA
di ANNA ISEPPON – É notizia di qualche giorno fa – forse non ancora nota ai più – la nascita di una nuova entità politica nel mondo indipendentista: un movimento dichiaratamente di Sinistra (il nome del movimento parla chiaro) per l’indipendenza del Veneto. Si può dire che, con Sanca Veneta – finalmente – il fronte indipendentista è “ufficialmente” trasversale.

Novità assoluta per l’indipendentismo Veneto, tradizionalmente di centro-destra… (non di certo per gli altri movimenti indipendentisti in Europa, in larga parte socialdemocratici) e per la Sinistra veneta-italiana, rappresentata da un Partito Democratico sempre meno democratico e sempre più centralista, che avversa qualsiasi ipotesi di indipendenza (o di autonomia locale).

Ho intervistato, per saperne di più su Sanca Veneta, Matteo Visonà Dalla Pozza, uno dei soci fondatori del movimento.
Matteo, dimmi, che cos’è “Sanca Veneta”?
“Sanca è un movimento politico di stampo Socialdemocratico ispirato nelle linee programmatiche di stampo nord europeo (Danimarca, Svezia per intenderci) e fortemente legato ai modelli di sviluppo di Scottish National Party ed Esquerra Republicana Catalana.

Come nasce Sanca Veneta?

arcobalenoNasciamo come nascono un po’ tutti i movimenti, una casuale comunanza di vedute e la fortuna di esserci ritrovati durante una (fredda, era il 1 Dicembre 2013 a Bassano) manifestazione nel 2013. Abbiamo iniziato una piccola fase di aggregazione dando vita a Sanca”.

In Veneto ci sono già molti movimenti indipendentisti, perchè l’esigenza di un progetto nuovo?
“Temo di dover essere un po’ critico e di dover pestare qualche nervo scoperto, pazienza.
Non ce la sentivamo di diventare cittadini di uno dei 4 (o 5?) Governi Veneti o Lombardo/Veneti, tra i Xovani ci saremo trovati fuori luogo nel concetto stesso di “cittadinanza veneta”, i figli del PNV, che siano progrediti o che si siano spenti, hanno sempre avuto un atteggiamento legato a vecchi schemi di Indipendenza/Autonomia (spesso composti da fuoriusciti leghisti, o molto simili, che non hanno mutato molto il loro modus operandi), quasi sempre di stampo esclusivista, legati a rivendicazioni fiscale-territoriali e fermi al concetto di perfezione della Serenissima pre-1797. Tutti concetti sui quali ci ritroviamo solo parzialmente concordi.
Mancavano fondamenta per noi importanti: l’idea di Libertà, l’allargamento del concetto di Cittadino Veneto, la rivitalizzazione della Cultura Veneta Contemporanea – che non vuol dire solo lengua vèneta.

Vi è una sostanziale differenza di metodo tra Sanca e la galassia Indipendentista: la chiamerò Antiboldrinismo – per chi vuol capire – noi ne facciamo a meno. I nostri ideali in materia di diritti civili, della qualità/quantità di stato sono spesso stridenti con la maggior parte della base indipendentista.

E’ pur logico che la serie di critiche elencate non colpiscano tutti indiscriminatamente, lo slogan stesso “Veneto è chi Veneto fa” a noi carissimo, è stato scritto da un liberista molto distante dai nostri ideali, ma se ci rivolgiamo a persone che hanno ideali diversi da quelli che ispirano la maggior parte dei movimenti finora conformati, è pur logico che dovessimo intraprendere una strada separata”.

Qual è il progetto di Sanca per il Veneto, e per i Veneti?

sancaveneta“Non crediamo che l’Indipendenza sia a breve portata di mano e il compito di modellare un Veneto futuro sarà uno sforzo collettivo.

Sanca Veneta – come già accennato poco fa – si ispira a modelli socialdemocratici nordeuropei, dove vengono affiancati, senza conflitto, un avanzato stato sociale ed il libero mercato. Sistemi dove giustizia sociale ed economia di mercatotrovano il giusto equilibrio per garantire un’economia prospera in una società giusta”.

(da vivereveneto.com)

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

6 Comments

  1. Giancarlo says:

    Dear Padano, in the future you must to be able to understand our Venethian Language because it will be our official and first national Language.
    I remember you that in the past our Language was a diplomatic Language in all over Europe till 1797.
    Be sure that normally we are speaking and writing many languages as a rule exist in Venethian Nation.
    Best regards and WSM ALWAYS !!!!11

  2. Giancarlo says:

    Luigi son quasi d’accordo su tuto con ti.
    A sentir parlar de destra o sanka xe come restar ancora in italia.
    Se volemo l’indipendensa la deve essa fondada sul popolo e par el popolo e specialmente con nà democrasia direta e sensa partiti de sorta.
    Semo stufi de ideologie, volemo un VENETO LIBARO E INDIPENDENTE dove el popolo e le istitusion i sia un sol corpo che laora par el benessere e la libartà de tuti.
    La sanca Veneta o la destra Veneta no la deve existar in Veneto. Tradiresimo el nostro glorioso passato e no faresimo el ben del popolo se fococopiassimo el stato taglian.
    Donca che i fassa pur, ma siccome par fortuna ghe xe Veneti che i sta faxendo un percorso par l’indipendensa, quando la vegnarà par merito de questi….(nel frattempo esiste xa classe dirigente, Parlamento, nve legi pì normali de quele tagliane, e altro ancora) l’indipendensa, sarà loro a detar lege e no diramasioni italiote de partiti che no volemo pì. Nojaltri semo par la democrasia diretta del popolo e donca referendum a buso de tutti i tipi sulle question pì importanti.
    Me despiaxe che ghe sia ancora zovani che pensa in na certa maniera. Xe finia…si ancora indrio nel passato..dovì guardar avanti e in maniere completamente diversa se volì cambiar el mondo.
    Continuar con destra e sanca o centro o altro no ga pì senso. Se cria e basta. Bisogna trovar nove forme de democrasia che no le sia fotocopie o brutte copie de quele che esiste adesso.
    Si zovani ma me par che gaì le idee confuse. El mondo cussita come l’è adesso el sta par finir, nol pol continuar….e noialtri ” veci veneti” savemo cossa volemo. Stè tranquili che gavarì la vostra libartà, el laoro, un futuro drento un Veneto indipendente, parkè faremo delle istitusion democratiche ma che nel stesso tempo le dipendarà dal poder del popolo come dito avanti na democrasia diretta.
    WSM

    • luigi bandiera says:

      Giancarlo: MUSICA PAR E ME RECE..!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      .
      Infatti lo stato talibano (rosso per lo piu’) era nato per fare un popolo trikolorito e pero’ doveva distruggere tutti gli altri vecchi di millenni come appunto il POPOLO VENETO.
      .
      Nel senso della cosiddetta DEMOCRAZIA lo stato e’, dovrebbe essere, al SERVIZIO DEL POPOLO, dei CITTADINI. Se lo fosse stato nessuno si sarebbe svegliato dalla parte dll’indipendentismo..!
      .
      Invece: i cittadini sono al SERVIZIO DEI SERVIZI.
      Spesso sono peggio di schiavi..!
      Legittima difesa docet ma non solo..!!
      .
      Tutti i dipendenti pubblici DOVREBBERO ESSERE AL SERVIZIO DI TUTTI I CITTADINI. Assenteismo docet. (quindi campa cavallo…)
      .
      E’ o sarebbe troppo lunga da esternare (lo esternano mai gli scrittori talibani..?
      NO..!! Sono i pulpitanti del sistema e quindi non lo faranno mai e poi mai… fanno parte della BANDA DEI QUATTRO e quindi… Eppoi, lo stato e’ in mano ai dipendenti pubblici per lo piu’ komunisti, cioe’ loro stessi: altro che demos kratia).
      .
      Disincanto altrimenti andra’ avanti cosi’ in aeternum.
      .
      Siamo in sintonia anche se non proprio in ISOONDA. Speriamo che si sintonizzino su questa lunghezza d’onda anche gli altri nostri fratelli… senza dx, sx e cnt.
      .
      WSM
      Ma anche PSM, bisogna pregarlo… (Preghiamo San Marco).

  3. luigi bandiera says:

    Saro’ breve: a mi ea sanka veneta no a me piaxe, gnanka pa morir.

    Savemo che xe ea sanka talibana ke ne ga ockupa’ e sfruta’ fin desso.
    Gavemo da dar co ori pa esar indipandenti..?

    Femo naltra sanka pa ver el poder de magnar sora a sto popoeo malmena’ da tuti..?

    Ea sanka me sa tanto da banana e savemo che semo soto aea republika dee banane.

    El popoeo veneto no ga bixogno ne de sanke e ne de destre: ghe bastaria manko ideologie e pi’ unita’ tra fradei, tra de ori.

    Cio’, seguro che ki mete inpegno e altre robe el me disk ke spusa tanto… ma mi sonti vecio e forse anka rinbanbio, pero’ vedo e no stravedo, soeo tanta divixion tra i serenisimi veneti.

    Ko i judika i serenisimi, qua ultimamente, in quanti se jera davanti al tribunal dell’ockupante..?

    Sanke e destre; in mexo e o in parte no te i vedi mia salvo i soiti stranoti. Vardai anka mal…

    No xe posibie che un popoeo sotomeso come quel veneto no sipia messo in moto da sti movimenti che ai me oci i par tanto trikoeorii.

    Va ben che al dì de unkuo’ el mondo gira roverso, ma un minimo de indipandensa, almanko sul partir, dai partii (ke no i parte mai) taibani ghe voria. O no..?
    Gnente, gnanka par sogno che i se stake daea republika dee banane.

    So che no faro’ ora de vedar nesuna novita’ data a me eta’, ma me auguro che sti “funghi” che nasce tutaldi’ i fassa kalkossa… almanko spero, ma ne dubito: i xe massa tanti e divixi..!

    GNUNO PAR KONTO SUO..!

    Par de kapir che ghe sipia un partio par serenissimo veneto (par ogni sitadin, detta napoleonikamente parlando).
    Dixemoeo in taiban:
    un partito per ogni cittadino veneto. O se volete serenissimo veneto.
    Xe riva’ ea rivousion franciosa a dir che semo sitadini… par cui… va ben sitadini..?
    Tuttavia, seben no me inpegne pi’ de tanto savendo za che fine fara’ e date e me forse, fasso tanti auguri. Sa, no se sa mai che staolta sipia ea olta bona..!
    Sa, mi so ke i sinistri o sanki o dixastri, sa ben far poidega: i luxinga, i promete, deolte i koronpe e tante altre robe.. pol esar ke i ghea fa staolta.

    Fin desso, dimando: xea stada kusi’… si, o no..?
    Cioe’, tanti disk e promesse ma quante TASSE toxati..!!
    Ai postari l’ardua sentensa…
    Ma deso me vien inamente sta roba:

    la Talia (unkuo’ saria mejo ciamarla ISLAFRITALIA) ga i so sitadini tuti komuinisti, se pol ciamarli proprio kusi’: komunisti de DX, de SX e de CNT.

    Dir che se deventa indipandenti pasando in man dei sanki (sx trikolorita) o dei Dx o dei CNTristi…
    Oh, a ghe vol tuta ne..?

    De seguro ms sbalio… go soeo fantastika’…

    At salüt e, auguri…

    • Padano says:

      Sorry, but your contribution is actually difficult to understand, unless the reader is venetian-borning,
      You understand that topics on this site are not concerning only Veneto, but all independentist istances in all Northern Italy (and more).

      I can understand your idiosincracy for the italian language, but I suggest, in this case, to communicate in an international Language. English would be strongly recommended. French could also be an option.

      Best regards.

      • luigi bandiera says:

        Se xe vero che te si PADANO te dovarisi saer lexar ea lengoea veneta, in caso proprio sponsorixarla se te dixi e te loti (??) par ea INDIPANDENSA dei padanoalpini, appunto.
        Altrimenti (no me vien quea veneta ma credo sipia dognimodo), vol dir che te si pi farixeo che padano.
        Nel setentrion (terra continentae e no penixoeana e manko akora merditeranea) tuti tra de ori se capise.
        Si calcosa pol scanpar, ma xe come se fosimo tuti na squadra veramente, se no i ghe mete ea sata (lo zampino) i taibani (i tai dea republica dee banane): i xe senpre tenti de fermar e o sminuir i disk ke fa e faria i nostri patrioti, i setentrionai punto par lo piu’ VENETHI.
        Basta vedar i tribunai taibani come i se komporta ko i SERENISSIMI…
        Bastona ieri e bastona unkuo’ e bastona diman: e se no i se fa tainbani ke kax se farai mai..?? Ma nesun siga a l’olokausto dei popoeo veneto..!
        .
        Bixogna esar ropei (europei), i animai del kortie agrikoeo siga..!! (pa seguir l’andasso che podopo faria moda..?)…
        .
        Quindi..?
        .
        PADANO O FARISEO, questo e’ il dilemma…
        .
        TALIBANI O TALIANI, stesso dilemma.
        .
        TALIBANI e/o PADANI o VENETHI, bel dilemma..!
        .
        At salüt padano e grasie pa verme risposto e dimanda’ in englexe.
        PS:
        Cio’, i merikani ciamava i peerosse pa evitar de esar capii nea guera contro i japanexi, nee comunikasion via aradio…
        Engoea foresta pa el resto del mondo a jera a soa… sara’ par queo che i li ga sterminai squaxi tutti..??
        Cio’, no i li kapia..?
        E, kusi’ sara’ par nialtri VENETHI..?? Cio’, NO I NE KAPISE..??
        .
        Par mi si..!
        .
        Beh, visti sti andasi e i tanti padani ke no ne kapise..?
        .
        No saria ora de fenirla de coeoaborar col nemigo..?
        .
        No podemo far “l’albaro del pan” par l’eternita’..!
        .
        Ndemo su… serka, sforsate de kapir…
        .
        Dognimodo: SOCCOMBEREMO, te ea kapisi sta kua’, vero..?
        .
        Ansi: semo drio za SOCKONBAR..!
        .
        Bon, tiente duro… semo drio ndar zo sensa el parakadute… e ko se tokara’ el fondo saremo desfai..!!
        .
        Tipo foibe no..?
        .
        Karo padano, spero soeo ke no te sipi komunista…
        cio’ non topglie che potresti essere lo stesso un mio nemico: se mi vuoi taliano..?
        .
        Sta scritto: dime KAN ma no sta dirme TALIAN.

Leave a Comment