Salvini vuole fare il cancelliere Kohl. Unificare Nord e Sud. Come se fossimo la Germania

di STEFANIA PIAZZOgermania euro

La Germania dell’Est e quella dell’Ovest come termine di paragone per dire che loro ce l’hanno fatta in pochi anni a superare l’abisso economico.  Cosa che non è per nulla riuscita invece al Nord e al Sud dell’Italia. Ci vuole però provare Salvini, ponendosi sulla stessa lunghezza storica dello statista Kohl, cancelliere tedesco ai tempi della riunificazione. Una impresa, far cadere i muri dell’assistenzialismo, che non è riuscita al Pd, al governo delle regioni del Sud. Affermava qualche tempo fa la sinistra, attraverso Francesco Boccia, presidente della Commissione Bilancio della Camera:

“Mai come in questo momento, visto che il PD governa tutte le regioni del Sud, abbiamo verso il Mezzogiorno una responsabilità storica. 25 anni di programmazione dei fondi strutturali, dal 1989 al 2013, sono più che sufficienti per capire dove abbiamo fallito. Negli stessi anni in cui le due Germanie si sono riunificate il Mezzogiorno ha visto aumentare il divario dal resto del Paese. I piani nazionali, ben 11, oltre ad essere troppi in questi anni sono stati anche inadeguati e, per alcune regioni del sud le risorse comunitarie sono diventate sostitutive di quelle ordinarie”.

Troppo Stato, nessuna responsabilità di spesa. Riuscirà Matteo nazionale a realizzare come Kohl in meno di un decennio, il vero miracolo italiano?

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

6 Comments

  1. Borbonia Libera says:

    Veramente prima che Garibaldi e i 1000 mergamo/bresciani di rosso vestiti venissero giu’ a “rompr’o cazz”, Noi eravamo questo…altro che la Germania Est:

    http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2012-06-30/eurobond-fecero-unita-italia-190357.shtml?uuid=AbDwao0F

  2. FIL DE FER says:

    E per non far mancare nulla all’ipotesi di Giancarlo cosa possiamo dire sul fatto che né la magistratura di Vicenza, né la commissione parlamentare abbiano tirato fuori la parola……truffa.
    Sì, perché è stata una vera e propria truffa quella perpetrata dai vertici e dalla dirigenza delle banche venete nei confronti dei risparmiatori o no ?!?!?
    Come si vede il cerchio si chiude e tutti sono complici se non artefici della truffa bancaria avvenuta.
    Ed allora come pensa di fare SALVINI a salvare il Sud per mezzo del Nord.
    Semo ale asse o mejo ancora semo ala fruta…..e par ricominciar bisogna ricominciar dal novo e non dal vecio. El vecio el deve morir solo così el novo el pol averghe spasio e risorse par emergiar dal fango.
    WSM

  3. giancarlo says:

    Ma per l’amor di Dio è cosa impossibile.
    Salvini farebbe bene a dedicarsi a ben altro e cioè al Nord il quale se lasciato alla merce’ di roma non solo non salverà sé stesso ma l’italia sprofonderà più velocemente che mai.
    Lo so che l’italia avrebbe potuto essere un paese tra i migliori e più vivibili al mondo, ma tantè che grazie alla cupola che da sempre ha governato questo paese non potrà essere mai.
    Lo si capisce ascoltando i vari personaggi ” illustri” che si susseguono presso la commissione parlamentare sulle banche…un vero scandalo a cielo aperto ma che in verità nasconde la vera cupola che sta mandando al macero questo paese.
    Per fare un esempio il caro Zonin ,dopo l’audizione ,avrebbe dovuto essere seduta stante arrestato e sbattuto il galera per reticenza verso la commissione, falso e depistaggio passivo.
    Al contrario chi rivolgeva domande le rivolgeva con un atteggiamento di reverenza come ci si rivolge a chi merita tale atteggiamento.. e che dire dei rappresentati di F.I. e Lega che non fanno domande a nessuno??
    E’ chiaro ormai che tra politici, magistrati, banchieri, banca d’italia, Consob etc..etc.. sono tutti legati gli uni agli altri e cane non mangia cane. E’ talmente evidente , talmente chiara la situazione da far piangere anche i ladri e i delinquenti per un così palese diverso trattamento loro riservato.
    Quello delle banche è lo scandalo degli scandali e i politici coprono gli imprenditori e tutti vengono copriti dai magistrati incaricati o collusi per meglio dire.
    Insomma questa commissione più che essere una vetrina delle verità è una vetrina delle collusioni e delle reciproche coperture o alibi tra i vari attori partecipanti.
    Era chiaro sin dall’ inizio che questa commissione parlamentare non farà altro che negare o limitare le varie responsabilità dei singoli personaggi e concluderà dicendo che per il futuro si dovranno fare leggi che tutelino di più il risparmio e chiariscano i vari compiti di Banca d’italia e Consob e si spera fissino delle condanne esemplari a chi non si atterrà ad esse.
    Negli USA coloro che hanno combinato i disastri in varie banche americane SONO TUTTI I GALERA !!!!
    Qui invece da noi si lascia il maltolto ai Signori, non li si mette in galera e magari tra qualche anno li si premia per aver dovuto sottostare a qualche imbarazzo nel dover rispondere a domande scomode.
    Come mai la magistratura ha atteso così tanto a confiscare i beni di Zonin ?
    Tanto che lo stesso è oggi nulla tenente ?
    E quell’altro che risponde al nome di Galan qual è la differenza tra quello che ha incassato dal Mose e quello che la magistratura gli ha confiscato o condannato parzialmente ??
    Come si vede la cupola c’è e viene confermata questa ipotesi ogni giorno che il sole sorge sull’italia.
    E siamo solo all’inizio. Chi andrà a governare…se ci saranno le condizioni ne potrà tirare fuori delle altre e più scottanti, ma questa sarà l’ennesima storia all’italiana.
    WSM

  4. Giuseppe modenesi says:

    Salvini è un bamboccione che non ha mai lavorato,a lui interssa il cadregone,ha tradito il nord. Sveglia cittadino tonti del nord. Altrimenti sarete sempre sarvi.

  5. Vaudano says:

    Il problema di Salvini è che si sopravvaluta.

Leave a Comment