Salvini: vorrei incontrare Grillo per parlare di euro e non solo

di G.L.M.

Avevamo scritto che Beppe Grillo andava “stanato” su alcuni argomenti che sembra cavalcare e che nell’immaginario collettivo sono di derivazione leghista e lo dicemmo dopo l’uscita secessionista del leader pentastellato che tanto scandalo ha sollevato. Quel consiglio non richiesto lo indirizzavamo in particolare a Matteo Salvini che, a nostro parere, non doveva limitarsi a pungolare il comico genovese, bensì avrebbe dovuto chiamarlo a un tavolo di confronto, almeno sugli argomenti che sembrano essere comuni, compreso l’euroscetticismo. Non abbiamo la pretesa di aver indicato la strada, ma osserviamo che forse quell’idea non era poi così peregrina e rappresenta una mossa politica, anche se non dovesse portare a nulla per indisponibilità dello stesso Grillo. Ieri, infatti,  il segretario della Lega ha dichiarato: “Beppe Grillo getti la maschera e ci faccia sapere cosa pensa davvero sull’Euro. Sediamoci intorno a un tavolo e parliamo del futuro dell’Europa”. E nel pomeriggio, dopo gli Stati generali della Lega in vista delle Europee, ha ripetuto: «Incontrerei volentieri Grillo per parlare di euro e lanciare con lui una sfida sui progetti, anche se il referendum ipotizzato da Grillo la Costituzione lo impedisce. La posizione della Lega è chiara: basta euro, fuori dall’euro ripartono lavoro e speranza.

 “Mentre il presidente del Consiglio prepara il suo viaggio in Germania dove va con il cappello in mano dalla Merkel, noi ci ritroviamo per parlare di programmi, di idee e di iniziative concrete – fa sapere Salvini – come i nostri cinque referendum (su abolizione della legge Merlin, dei prefetti, della legge Fornero, dei concorsi pubblici per immigrati, della legge Mancino) sui quali a breve inizieremo la raccolta firme in tutta Italia”.

“L’altra sera – ha raccontato il leader del Carroccio – ero a cena in un albergo milanese insieme a 300 simpatizzanti leghisti. Nello stesso hotel erano ospiti diversi ‘portavoce’ grillini. Alcuni di loro sono passati a salutarci, abbiamo scambiato qualche battuta e gli ho regalato il nostro libro ‘basta euro’. Li ho visti molto interessati alla nostra proposta”. Ora, ha affermato Salvini, “voglio capire: il loro capo cosa ne pensa? E’ pronto a un confronto serio su questo tema o sull’Euro fara’ marcia indietro come gia’ fatto in passato? Noi non cerchiamo e non abbiamo bisogno di aiuti, ma la moneta unica sta uccidendo l’economia dell’Italia e non solo. Uscirne subito e’ una priorita’. Quindi se ci sono anche altri soggetti che, pur marciando separati, vogliono raggiungere lo stesso obiettivo, non possiamo che esserne contenti. Voglio pero’ capire se abbiamo di fronte persone serie o parolai. Al Nord e all’Italia i ‘barlafuss’ non servono. Ci sono gia’ Renzi e compagni, non ne abbiamo bisogno altri”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

19 Comments

  1. som mb says:

    A proposito degli alleati con cui i Bellerio’s governano nei comuni, nelle province e nelle regioni da cui ancora non sono stati cacciati (e a proposito dei gammaradi recentemente imbarcati nel fu movimento come neotesserati):

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/03/17/voto-in-crimea-losservatore-italiano-che-prese-voti-dalla-ndrangheta-tutto-regolare/916534/

  2. Riccardo Pozzi says:

    Lotta all’ultimo voto. La prima cosa che dirà Grillo è :”restituisci i rimborsi elettorali” e poi parliamo di furti.
    I programmi di Grillo sono per lo più aria fritta ma il coltello morale ce l’ha in mano lui.

  3. indipendentista says:

    citazione: “L’altra sera – ha raccontato il leader del Carroccio – ero a cena in un albergo milanese insieme a 300 simpatizzanti leghisti. Nello stesso hotel erano ospiti diversi ‘portavoce’ grillini. Alcuni di loro sono passati a salutarci, abbiamo scambiato qualche battuta e gli ho regalato il nostro libro ‘basta euro’.

    Che mente fantasiosa quella del piccolo Teo: 300 leghisti (saranno stati 30), i grillini che sgomitano per avere il manualone. Speriamo che Grillo gli dia udienza e gli tiri una bella pettinata come ha fatto con l’altro Matteo.

  4. xyzxyz44 says:

    Salvini se rincorri il giullare genovese, perderai anche quei pochi elettori che turandosi il naso erano ancora disposti a votare il tuo partito.

  5. pippogigi says:

    L’euro è un punto ma non è il solo aspetto del problema.
    E’ un errore pensare che uscire dall’euro basterebbe a risolvere i nostri problemi.
    C’è un problema di eccessiva tassazione, eccessiva spesa pubblica, immigrazione selvaggia, delinquenza, diritto incerto, normative sul lavoro, dazi doganali, debito politico (pubblico). lingue e culture padane.
    Come si vede il problema è a 360° ed è impossibile affrontare un solo problema senza affrontare contemporaneamente tutti gli altri.
    Se Salvini incontra Grillo per parlare solo dell’Euro, ha già fallito, deve parlare anche di tutto il resto, a meno che l’obiettivo non sia fare solo propaganda per le elezioni europee, come gli 80 euro in busta paga del piazzista Renzi.
    Se invece Salvini ha a cuore il futuro della Padania parli di tutti problemi, indipendenza compresa.
    Parlare è bello ma la Padania attende i fatti, che purtroppo mai seguono le parole, come dimostra l’esperienza degli ultimi decenni.
    Salvini dopo l’incontro e per dopo si intendono i 60 minuti seguenti, passi ai fatti, una bella dichiarazione di indipendenza della Padania, per esempio, sarebbe un bel fatto, la nomina del governo in esilio e l’indizione di elezioni per il parlamento della libera Padania anche.
    Poi insieme a Grillo potrà andare a discutere a Bruxelles e Berlino di fatti “ci volete in Europa? si fa un referendum tra i padani e si ridiscutono tutti gli accordi, tasso di cambio del 2002 compreso, altrimenti amici come prima ed ognuno per la sua strada”

  6. Gianfrancesco says:

    Correzioni al tema dell’alunno Matteo Salvini

    “basta euro, fuori dall’euro ripartono lavoro e speranza”
    deve diventare
    “basta italia, fuori dall’italia ripartono lavoro e
    speranza”

    “ma la moneta unica sta uccidendo l’economia dell’Italia e non solo”
    deve diventare
    “ma l’italia sommata alla moneta unica stanno uccidendo l’economia della Padania e non solo”

    “Al Nord e all’Italia i ‘barlafuss’ non servono”
    deve diventare
    “Alla Padania i ‘barlafuss’ non servono”

    Voto: 5

    PS: Salvini, almeno sulle parole non ti far castrare dal duo Maroni-Tosi, esci dal tunnel, non avere paura ad utilizzare il termine Padania, dato che sei il segretario federale di un partito che si chiama Lega Nord per l’indipendenza della Padania. Per il resto… MA BASTA ITALIA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • renzo delgrossi says:

      Sono pienamente d’accordo con te Gianfrancesco.
      Va benissimo confrontarsi e parlare di come uscire dalla gabbia della moneta unica NEURO, ma bisogna prima trovare il sistema di come abbandonare la schifezza chiamata ittaglia.
      Quindi sentire ancora i leghisti parlare del nostro paese inteso come l’ittaglia fa male….

      • Paolo says:

        l’indipendentismo di Salvini è durato il tempo di un weekend con una fasulla raccolta firme pro-indipendenza per cercare di raccattare i voti di qualche credulone in vista delle europee…

  7. antonio says:

    Sono compltamente daccordo sull’uscita dall’euro. E non solo: far fallire le banche come qualunque impresa. Imporre dazi compensativi all’importazione, espellere gli strnieri in esubero e irregolari ecc.

  8. Dan says:

    >> noi ci ritroviamo per parlare di programmi, di idee e di iniziative concrete

    Noto un vago ossimoro in questa frase, niente di tragico per gli standard leghisti, s’intenda

    >> L’altra sera – ha raccontato il leader del Carroccio – ero a cena in un albergo milanese insieme a 300 simpatizzanti leghisti.

    Prima della cena erano stati tutti al cine ?

    >> voglio capire: il loro capo cosa ne pensa? E’ pronto a un confronto serio su questo tema o sull’Euro fara’ marcia indietro come gia’ fatto in passato?

    Secondo lui ? In fondo per farsi idea gli basta mettersi davanti uno specchio con una parrucca in testa

    >> Uscirne subito e’ una priorita’

    Visto che ha tutta questa fretta, ci sarebbe giusto un posticino al parlamento europeo dal quale dimettersi insieme al resto della cricca verde padano…

    • ginobricco@ says:

      cerca di capire si, ma cerca di far capire anche lo sfigato che ti legge che non si capisce un cazzo di quello che scrivi

    • som mb says:

      I belleriani non sono dei cacciaballe, mica campano sugli slogans come i grillini.. loro quando promettono una cosa la mantengono. Vedi il 75% delle tasse in Lombardia.

Leave a Comment