Salvini: sabato e domenica 500 gazebo in Veneto per l’indipendenza

di REDAZIONE

“La Lega corre, la Lega c’è. La voglia d’indipendenza è tanta, sia da Roma, sia da Bruxelles”. Lo ha detto il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, intervenendo ieri a Verona in piazza Erbe per presentare la raccolta firme per il referendum per l’indipendenza del Veneto, che si terrà domani e domenica in tutta la regione. “Sono felicissimo – ha spiegato Salvini – perché 500 gazebo in tutto il Veneto nel fine settimana sono una cosa che nessuna forza politica riusciva a fare da anni”. Seduto al suo fianco c’era il sindaco di Verona, e segretario nazionale, Flavio Tosi, che non sembrava sprizzare altrettanta felicità. Ma tant’è.

“L’indipendenza da Bruxelles – ha detto Salvini  – è necessaria perché fuori dall’euro riparte la speranza, riparte il lavoro, ripartono gli stipendi. L’indipendenza da Romna perché sostanzialmente l’Italia ormai è un paese fallito”.

“Stiamo litigando – ha continuato Salvini – sul decreto salva-Roma: la capitale se non raccatta 500 milioni dichiara fallimento. Il Veneto merita di più”.

“Ogni anno – ha concluso – il Veneto regala 21 miliardi allo stato italiano ricevendo in cambio servizi da poco o niente. Quindi la voglia d’indipendenza è fondata ed è la speranza. Da una parte c’è l’indipendenza e dall’altro il centralismo.  Mi auguro che sabato e domenica ai nostri gazebo arrivi tanta gente, anche non leghisti, perché si tratta di una firma non per la Lega ma per il futuro nostro e dei nostri figli”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

56 Comments

  1. gloglo88 says:

    A rosà il gazebo c’era, ma se volete votare c’è internet e anche via telefono…insomma chi ha voglia di votare può farlo in tutti i modi possibili…io mi sono iscritta al sito, mi hanno dato un codice e voterò dal sito dal 16 al 21.
    Insomma non è una cosa fatta all’italiana, basta informarsi…. non possono mica passare casa x casa a far firmare la gente…. sveglia!!!

  2. tea says:

    Neanche a Belluno centro nemmeno l’ombra di un gazebo!!!! Come facciamo a firmare??????????

  3. roberto says:

    Anche a carmignanio nessuna ombra di gazebo. E pure c’è scritto che c’è in piazza. La “solita cosa fatta all’italiana”, Chiacchere e solo chiacchere.

  4. marino says:

    Io ci sono!

  5. carla says:

    Siamo andati oggi sabato 1 marzo a pieve di soligo ma del gazebo neanche l’ombra. Capisco che pioviggina ma se non sono convinti nemmeno i militanti che si spaventano per due gocce d’acqua, che speranze ci sono di ottenere dei risultati importanti? Già è deplorevole che a Conegliano che sarebbe un comune importante non è nemmeno previsto un gazebo…saluti.

  6. Giovanni di Hildesheim says:

    Però Salvini almeno parla di indipendenza. Qualcun altro non l’avrebbe mai fatto, per divieto ricevuto direttamente da Arcore e magari diffuso con apposito comunicato dal Calderolo-Gancia, responsabile organizzativo, parlamentare romano, colui che vorrebbe in Europa, al Parlamento europeo, la “vivace” convivente/compagna e l’ideologo della curva nord di Bergamo, l’impresentabile Belotti, suo fedelissimo. Così, tanto per fare e tenere famiggia…
    La segreteria federale “naviga” a vista in questa fognatura morale… e riuscire a parlare di indipendenza non è facile.

  7. Aquele Abraço says:

    Se non ricordo male, è un’iniziativa portata avanti assieme a IV. Andate a firmare, male non fa, l’alternativa qual è? Stramaledire la lega, il governo e bestemmiare contro il cielo?

  8. Alfag01 says:

    Lo hanno capito anche i bambini che Zaia è un indipendentista della domenica.
    E’ evidente, manca la volontà politica per fare un referendum sull’indipendenza, figuriamoci quale potrebbe essere la volontà politica per una dichiarazione d’indipendenza.
    Io ho deciso che la secessione la faccio da solo, a novembre mi trasferisco in Australia, con mia moglie e i miei figli.

  9. “si tratta di una firma non per la Lega ma per il futuro”?

    Allora Salvini incominci a togliere il simbolo della Lega Nord dal volantino.

  10. franco says:

    Tutto tempo perso. Non serve a nulla la raccolta delle firme visto che già sono state raccolte. Zaia ha in tasca una proposta di legge ben definita per indire il referendum, quindi lavori su quella e non perda altro tempo con le stronzate di Salvini e la visione italica di Tosi.
    Prima il Veneto.!!!!!

  11. berghem says:

    L’indipendenza è quello che voglio, non mi interessa sapere di chi è il banchetto, mi interessa firmare.
    E mi piacerebbe leggere che le persone che condividono questo progetto firmino.
    Mi piacciono le parole di Salvini, non è un voto per la lega, ma è un voto per il nostro futuro.

  12. BERGHEMADLER says:

    ZAIA aspettava che anche Maroni e Cota diventassero presidenti, per la (minchiata) MACROREGIONE !!!!
    Che è già andata su per il camino ancora prima che riuscissero a spiegarcela. Zaia ha già detto che il referendum non è costituzionale, che non c’è la copertura finanziaria, e…. tanta altre stronzate che sono stufo di ascoltare.
    ma credete davvero che i parassiti romani si stacchino dalla tetta del nord con una semplice firma ????
    Neanche Salvini ci crede, ed è per questo che lo fa.
    Come l’ostruzionismo che è già stato scavalcato.
    Ci vuol altro cari i miei rivoluzionari da tastiera !!!

  13. som mb says:

    In alcune province come Belluno probabilmente non ne faranno nemmeno uno di gazebo. Il lighista è una razza in via di estinzione grazie alla cura Tosi-Zaia.

  14. Giuseppe d'Aritmaticea says:

    Credo che in ogni caso l’iniziativa sia nel solco di altre iniziative consimili intraprese nel tempo dai vari movimentini indipendentisti, comunque apprezzabili.
    Forse si tratta di coordinarsi meglio, forse anche di informarsi meglio, chiedendo con precisione dove andranno a finire quelle firme e quale autenticità ed efficacia vada loro attribuita. Ma la strada sembra tracciata. vediamo di ampliarla e renderla comprensibile a tutti e, quindi, percorribile da tutti. Evitiamo lo stanco pessimismo tipico di chi non ha per la testa un’idea che è una…

  15. Giancarlo says:

    Una modesta proposta per Salvini: vada a scrivere sui cartelli delle autostrade “La Lega c’è”

  16. giangiovanni says:

    Ma abbiamo ancora bisogno di un lombardo per far valere il veneto.? Basterebbe che Zaia si svegliasse dal suo torpore.

    • blablaPadaniablabla says:

      Zaia non si sveglierà mai.
      E non sente le richieste degli indipendentisti (quelli veri, mica sti caregari della lega) perché le sirene caregate di roma hanno un canto ben più seducente.

  17. Riccardo Pozzi says:

    Il tono e la verve polemica di molti interventi mi porta a pensare che abbiamo ancora davanti tanti anni di tirannia indisturbata, sulle nostre teste e su quelle dei nostri figli.

  18. giancarlo says:

    se ci fosse tosi o zaia alla segreteria e fossero loro a proporlo avrebbe un valore aggiunto. ma salvini o maroni o bossi non sono più spendibili.

  19. gianpaolo says:

    Non capisco ” via da Bruxelles” Salvini sarebbe ora che ritorni a casa tanto là non combina niente, non sa in quale sedia star seduto.

  20. Marco (*) says:

    Ennesima iniziativa inutile alla causa indipendentista dei veneti. L’ente regione veneto non può indire un referendum di questo tipo, nemmeno se solo consultivo. E’ solo l’ennesima occasione per cavalcare il consenso elettorale. Le secessioni, nella storia, sono state pacifiche solo quando previste dalle costituzioni, e nemmeno questo ha sempre assicurato che avvenissero senza scontri armati o vere e proprie guerre (basti vedere il caso dell’ex Jugoslavia). Poi bisognerebbe che i leghisti e i vari venetisti spiegassero con quale criterio considerano veneti tutti gli iscritti nelle liste elettorali dei comuni della regione veneto. Mi risulta che ci siano anche tanti non veneti che vivono nella regione italiana veneto, e mi risulta pure che quest’ultima ricomprenda anche dei territori, come ad esempio la transpadana ferrarese, che non sono nemmeno veneti, nè storicamente, nè linguisticamente. E perchè allora bisogna escludere i veneti del friuli venezia giulia? Per quanto riguarda la moneta, è giusto, in linea di principio, rivendicare la sovranità monetaria, ma nel nostro caso non è l’euro il problema, ma gli sprechi di denaro. Se si vuole veramente ottenere qualcosa, occorre prendere esempio da quanto sta succedendo in Ucraina, ma sono sicuro che non c’è nessuno disponibile a iniziative simili. Da noi al massimo si è arrivati al movimento dei forconi, che non ha fatto neanche il solletico a questo sistema marcio in cui siamo inseriti. E allora dove vogliamo andare?

    • Daniela Danieli says:

      Va ben! g’avrai anca raxon! Ma dìme che se deve far…

      • Marco (*) says:

        Quelo che ga fato tuti i popoi ke no podea diventare indipendenti: la guera de liberasion. No ghe xè altre strade. I referendum, i sondaj virtuali, i gaxebi, e monade varie xè tute robe ke no serve a na caxa. Ke piasa, ke no piasa (e sicuramente non ghe piase a nisuni spararghe ai altri), l’unica posibilità par i Veneti da tornar sovrani, xè la guera de liberasion. Coi foi dele firme ke i cata su ai bancheti, al masimo se po strusarse el dedrìo.

  21. Trasea Peto says:

    Nel Stato veneto dei miei sogni Salvini dovrà esibire il passaporto.

  22. Gianfrancesco says:

    basterebbe una telefonata a Zaia: o il referendum passa o fai cadere la giunta. Punto.

    Capisco la lega di governo e la lega di lotta, ma non si può fare la lega di lotta, raccogliere firme, la dove si è lega di governo, dove si è lega di governo si governa, si fanno i fatti. Punto.

    e poi perchè non si raccolgono firme anche in Lombardia e nelle altre regioni?

  23. Marcaurelio says:

    La Lega di Bossi, Maroni e Salvini vi preparerà i gazebo per le firme sul referendum ma sarà tutto un lavoro inutile.
    Siete troppo pochi per ottenere il risultato che sperate, mi sbellicherò dalle risate quando leggerò sui giornali l’esito di questa consultazione.
    Siete sempre stati guidati dalla politica di Roma, siete stati sempre bene e non vi è mancato mai nulla.
    Adesso c’è un pò di crisi ma presto passerà.
    Da soli potete andare solo per vagabondaggio.
    La Lega Nord questo lo sa bene altrimenti non si spiega l’unione che c’è stata con il Pdl per più di 20 anni prima con Bossi, poi con Maroni e infine con Salvini.
    Insieme si tornerà alla vittoria e i problemi si risolveranno tutti.

    • Alfag01 says:

      Caro Marcaurelio, dalle Sue parole si deduce che per Lei le cose vanno bene così come sono.
      Probabilmente per Lei è vantaggioso vivere nell’ingiustizia nello sfruttamento e nella corruzione.
      Vede, deve solo avere pazienza, prima o poi in questa Italia le cose cambieranno anche per Lei, e allora sì che ci sbellicheremo tutti dalle risate.

    • El Doge says:

      Marchetta!!!…l’i-taglia di Mer…a con la capitalina roma, sta morendo!!!…lo vuoi capire romanetto ….la tua citta FALLITA non vivrebbe senza i soldi dei VENETI, LOMBARDI, PIEMONTESI …..sono gli ultimi soldi che vi regaliamo MANTENUTI, PARASSITI!!!…l’i-taglia MUORE…MUORE!!!…la cuccagna stà finendo…AHAHAHAHAHAH!!! e poi RIDEREMO noi FALLITI!!!!!!…allora verrete con il cappello in mano a chiederci i soldi per non morire di fame INCAPACI e FALLITI!!!!

    • marco svel says:

      “Siete sempre stati guidati dalla politica di Roma, siete stati sempre bene e non vi è mancato mai nulla.
      Adesso c’è un pò di crisi ma presto passerà.”
      “marcaurelio” (già dal nome capiamo tante cose su questo “centurione abusivo”) prima di sparare cazzate meglio che ti informi…anzi meglio che vai all’olimpico a tifare la magica e che lasci la politica ai grandi

    • Free Padania says:

      Sempre a testa alta eh, mi raccomando, mano tesa ben aperta e testa alta lí nella GABIDALE.
      Non é che dovete buttarvi giú solo perché campate mendicando a noi Padani, mica é colpa vostra.
      Ce l’avete nel dna, é cosí sin dall’alba della vostra storia, con quei due ragazzetti che rubavano il latte ad una cagna.
      Dai, tenete duro che abbiamo quasi finito di caricare i tir con gli ultimi bancali di euro, stiamo per chiudere i teloni, stringete i denti che anche questo mese non dovete contare solo sulle marchette di mamme e sorelle, ci pensiamo noi a mettervi la pagnotta in tavola, a pagare luce, acqua e gas……ahahahahahah…..ciao clown, ahahaha

  24. indipendentista says:

    500 postazioni la “Lega” di oggi non riuscirebbe a organizzarle in tutta la Padania, figuriamoci nel solo Veneto. Già tanto se ne faranno una per provincia. Ah, ma Salvini ha rilasciato queste dichiarazioni da Piazza delle ERBE. Tutto si spiega. Rule, Leoncavallo!

  25. bruno vi says:

    Mi sembra giusto firmare tanto questo stato è già fallito.sono anni che non fanno nulla per cambiare vedi roma.io firmerei subito per la secessione

    • blablaPadaniablabla says:

      È da 30 anni che quelli della lega ci fanno firmare per la secessione. Ormai hanno sprecato tanta di quella carta da farci due foreste ammazzoniche.

    • Stefano Gamberoni says:

      a che serve raccogliere firme sul veneto? Lì sono già ben oltre la fase raccolta firme. Zaia può procedere anche senza gazebo. Se Salvini fosse sincero, i gazebi dovrebbe farli in Lombardia, e Lombardo-veneto insieme veramente otterrebbero romperebbero il paese. Ma siccome non vuol cambiare nulla, raccoglie firme dove non servono più. Intanto si fa la campagna elettorale per la sua cadrega in europa. Perchè poi quelle firme per l’indipendenza del veneto, le useranno per presentare le liste alle europee, con buona pace di chi ha firmato. Io non abbocco più di certo alle balle leghiste.

  26. simone molaro says:

    Sig. Diego Tagliabue,
    a roma se i mezzi pubblici funzionano o meno, non c’è nessuna differenza, i vostri debiti ve li pagate voi, non le sembra giusto?
    Qui si tratta di un altra cosa,un fatto storico, ritornereno alla repubblica serenissima e noi Veneti abbiamo il pieno diritto di staccarci da questo paese di merda!!!
    Detto questo, dei mezzi pubblici di roma non me ne frega niente.
    Amen

    • Signor Simone Molaro, Diego Tagliabue cita i mezzi pubblici di roma come esempio di scandalo italiano. Diego è un indipendentista lombardo di razza e vive e lavora con successo in Baviera, avendo ripudiato l’iTaglia. Se voi veneti non andrete da nessuna parte, lo si dovrà all’amore che diversi tra voi hanno per la polemica tra betoneghe. A volte l’astio accorcia la vista e non fa ragionare. Buona fortuna.

      • simone molaro says:

        Sig Giacomo Consalez, lei è l’avvocato del sig Tagliabue? a perte gli scherzi,io vivo e lavoro con successo in Veneto, c’è qualche differenza?
        Noi veneti siamo molto coesi, a differenza dei nostri amici Lomabrdi che putroppo parlano ma poi non fanno un bel niente, nessuna iniziativa vera e concreta.
        Detto questo un caro saluto a tutti gli indipendentisti, in primis al Sig. Tagliabue.

  27. Riccardo says:

    Controllare cosa vota “l’italicus ” Tosi…

  28. marco svel says:

    Dopo gli scandali la lega é odiata in veneto e un suo coinvolgimento nel referendum é dannoso perché molti piuttosto di mettere i piedi nel gazebo leghista se li tagliano

  29. Diego Tagliabue says:

    Continuate a credere alla Lecca Nodde!

    Questi sono i veri problemi, ma per Salvini & Co. è sicuramente una congiura euro-teutonica:

    http://www.ilmessaggero.it/roma/cronaca/atac_record_assenteismo_malattie_permessi/notizie/541923.shtml

    • pierino says:

      @ Diego e a chiu vuoi chiedere?
      -al sfasciato partito-politico-italiano indipendenza veneta, anche detto “il consiglio venento decida” ?
      -plebiscito2014 che oggi ha chiuso le canditature dei 10 apostoli , e quasi nessuno dei Veneti ha potuto parteciparvi in quanto all oscuro del tutto.
      -altri vari.

    • indipendentista says:

      Fra l’altro anche il decreto salvaroma è saltato grazie all’ostruzionismo dei 5Stelle, non certo dei pochi e assenteisti parlamentari di verde incravattati.

      • El Doge says:

        Indipendentista del Ca…zo, quando devi raccontare delle BUGIE, informati, Infame I-tagliano…e stata la OPPOSIZIONE della LEGA NORD con un numero di 250 ore di EMENDAMENTI che ha inpedito di far passare il salva roma/ladrona…non di Caga…E…sei un grullino vero BUFFONE!!!…e quindi un I-tagliano FALSO!!!!

        • blablaPadaniablabla says:

          Doge, corri a svuotare la Comoda dell’umberto: lesto!

        • som mb says:

          Voi cammarati di Quarto Oggiaro sapete solo insultare. Che l’allega senza i parlamentari dati in prestito da padron Silvio non avrebbe potuto nemmeno costituire i gruppi in camera e senato è cosa nota. Non vi bastava fare gli zerbini del Banana, adesso anche del kgb. A furia di collezionare ortaggi nel corso dei vostri minipresidi potrete aprire una catena di minestronerie.

Leave a Comment