Salvini: no a Renzi. Tosi: potremmo votarlo. Mettetevi d’accordo!

di ANONIMO PADANO

Matteo Salvini ieri aveva annunciato il no della Lega al governo di Matteo Renzi. “Mai abbiamo pensato di dare un voto della Lega a un governo che nasce dal palazzo e non da elezioni, men che meno a un governo di sinistra”, ha spiegato il segretario del Carroccio dopo le consultazioni con il premier incaricato.    “Se ci avessero stupito con effetti speciali su euro, immigrazione e competenze delle Regioni saremmo usciti con il sorriso sulle labbra…”, ha sottolineato. Ma cosi’ non e’ stato. Dunque, “mai ci abbiamo pensato prima, men che meno ci pensiamo adesso anche se a differenza dell’M5S abbiamo voluto portare le nostre proposte”, ha chiarito.

Oggi, però, qualcuno in Lega sembra pensarla diversamente. Se il discorso d’insediamento del governo di Matteo Renzi sarà «convincente» la Lega Nord, ha affermato Flavio Tosi, «potrebbe votare a favore». Il sindaco di Verona lo ha affermato oggi nel corso della trasmissione ‘Un giorno da pecorà su Radio2. «Renzi? È il Tosi del Pd» è stata la battuta con la quale il sindaco leghista ha risposto ai conduttori del programma che ricordavano come Tosi sia stato soprannominato «il Renzi della Lega». «Noi non entreremo a far parte di questo esecutivo – ha sottolineato Tosi – ma se Renzi fa proposte condivisibili nel resto del paese, perchè no? Dipende da quel che sarà il discorso di insediamento. Aspettiamo il discorso di Renzi: se i contenuti sono condivisibili, si può votare a favore, se non lo sono si vota contro».

Cari dirigenti leghisti, cercati di mettervi d’accordo prima o poi… Oppure confermate l’impressione che dentro il Carroccio ci sono due partiti diversi!!!

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. Marco Green says:

    Tosi sempre più in basso; ormai, dopo aver toccato il fondo, sta scavando…
    Vien quasi da pensare che la (tutto sommato positiva) conferenza stampa di Salvini non l’abbia neanche ascoltata.

    Tra l’altro a Salvini che ieri, prima di incontrare il fenomeno fiorentino, aveva annunciato che sarebbe andato dal “Matteo della sinistra” ha ribattuto oggi Tosi affermando che “Renzi è il Tosi del PD”.

    Ma era stato Maroni a lanciare questo banale parallelismo, alla vigilia dell’elezione di Matteo a segretario era uscito con un: “La Lega di Renzi ne ha due: Salvini e Tosi”.

    Due Renzi o due Maroni?

  2. indipendentista says:

    Caspita, che bella scelta fra i due.. come dover optare per straccio e cencio (entrambi rigorosamente tricolori).
    Impressionante comunque Gordo, sempre più simile per ragionamenti e aspetto fisico a un ibrido fra Casarini e Maradona, sempre più untuoso e sudaticcio a furia di rincorrere Grillo.

Leave a Comment