Salvini mette la felpa all’amatriciana e i militanti si beccano i vaffa

di GIANFRANCESCO RUGGERI

Domenica nella nostra Verona con la bandiera del Veneto, mercoledì nella loro capitale con la felpa Roma: sabato cosa facciamo? Sul cammello a spasso per Marrakech con il turbante in testa?

Caro Salvini ho appena finito di scrivere che finalmente la Lega ne ha fatta una giusta appoggiando i Serenissimi e subito mi tocca vederti in giro con la felpina capitolina…  Non che tu debba rendere conto a me di ciò che fai, però sarebbe forse ora che tu capissi che le tue azioni non hanno solo effetti di natura elettorale.

So perfettamente che l’obiettivo è arrivare al 4%, ma credi veramente di arrivarci aggiungendo 4 voti all’amatriciana e perdendone a centinaia sopra gli Appennini, ovvero in Padania, la terra di cui i dirigenti leghisti hanno dimenticato persino il nome, tanto che è stato tolto dal simbolo? Credi che quanti avevano anche solo vagamente riconsiderato l’idea di votare Lega dopo la manifestazione di domenica, siano contenti di averti visto a spasso per i Parioli? Ma per favore…

Sia chiaro però che non è tanto la questione elettorale che mi sta a cuore, ti voglio invece parlare dei risvolti umani che la faccenda assume, perché dovresti sapere che ogni tua azione influenza non solo gli esiti elettorali, ma anche le vicende umane di molte persone che credono nella Lega, che credono nell’indipendentismo e che ci mettono la faccia.

Non ti parlerò di una persona a caso, né di un ipotetico militante, ti parlerò invece di una persona che conosci bene, di un tuo caro amico, Gigi Lovato, che mi ha appena telefonato disperato. Per chi non lo conoscesse, Gigi è un militante storico di provata fede indipendentista, uno che quando vede il tricolore reagisce come il toro davanti al panno rosso del torero e che ieri mattina nel locale dove lavora si è visto arrivare decine e decine di clienti a chiedergli conto della tua bella felpina. È caduto dalle nuvole, pensava ad uno scherzo, non ci credeva finchè non gli hanno sbattuto sotto il naso una copia del “bugiardino” con la tua foto. Chi gli chiedeva conto di questa tua bella trovata stilistico-politica erano quegli stessi clienti che il povero Gigi da settimane cerca di convincere a votare Lega, “perché la Lega sta tornando secessionista, avete visto a Verona?”. Per tre giorni è stato felice come ai bei tempi del 1996, oggi a decine gli hanno chiesto: hai visto il tuo Salvini a Roma?

Il povero Gigi ha continuato a chiedermi: io a questi adesso cosa gli rispondo?

Già, bella domanda, cosa gli risponde? Salvini, glielo dici tu cosa deve rispondere? Non lo so neppure io cosa si possa rispondere ad un’obiezione tanto sensata, quindi quello che vorrei tu capissi è che se metti la felpina capitolina, finisci sui giornali, magari recuperi 4 voti, ma poi c’è gente che deve rendere conto di queste tue belle pensate. C’è gente che ha speso parola promuovendo il partito che tu guidi, c’è gente che ci mette la faccia e quando succedono queste cose, quando svecchi il guardaroba e sostituisci la felpa “Milano” con quella “Roma”, a te non succede nulla, al massimo ti tocca uno simpatico scambio di battute a Ballarò con Crozza, ma ai tanti Gigi Lovato capita di dover rendere conto e non è facile. Sono loro che ci vanno di mezzo, sono loro che si trovano la fila di persone che vogliono spiegazioni, che li canzonano, che gliene dicono di tutti i colori anche se non ne hanno colpa alcuna. Salvini lo capisci che la felpa la metti tu, ma i vaffa se li prede il Gigi? E più si sono spesi per l’indipendentismo e più la fila di persona che li cerca e che gliene dice quattro è lunga.

Cari dirigenti la prossima volta che vi verranno altre brillanti idee del genere, perché son sicuro che ne avrete altre, prima di metterle in pratica pensate ai Gigi Lovato, pensate in quale condizione li mettete e per coerenza prendete voi il loro posto, metteteci voi la faccia nei bar, negli uffici, per le strade, andateci voi tra la gente comune a prendervi insulti e canzonature o perlomeno fornite il vostro numero di telefono ai militanti autorizzandoli a comunicarlo a  quanti chiederanno conto di certe vostre iniziative.

Tornando al punto nodale della questione, domani mattina cosa gli risponde il Gigi? Salvini glielo dici tu cosa deve rispondere? Chiamalo pure, il numero ce l’hai…

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

39 Comments

  1. Colono Padano says:

    Non solo i militanti, come li definisci tu Marchi “perplessi” (io direi incazzati e non solo per la doppiezza di Salvini, ma anche per la non-espulsione del bubbone tricolore Tosi) sono molti, ma sono ancora piú numerosi gli ex militanti, sostenitori ed elettori, quelli che stavano per illudersi che la Lega avesse una mezza intenzione di prendere sul serio l’articolo n.1. Invece Salvini ha scelto di fare il democristiano in ossequio alle direttive della Lega MTV (Maroni-Tosi-Votino) : la mattina recita nei panni del secessionista in Veneto e la sera si veste da ultras della roma in ciociaria a magnare i rigatoni alla pajata. Un clown. Niente cambia purtroppo, i politici leghisti continuano a tradire militanti e ideali. Quello che conta é salvare le cadreghe e non importa se con il minimo sindacale dei voti. Poi si chiedono perché la gente in Lombardia e Veneto non li vota. Oggi Salvini fa il circo, solleva un gran polverone, fa una confusione della Madonna blaterandoi di tutto e del contrario di tutto (referendum, no euro, comparsate secessioniste, nazionalismo a temnpo pieno, lepenismo a gogo etc. – e qualche voto di gente senza ideali lo raccatterebbe anche Dudú, é la legge dei grandi numeri. Fa niente se prendere una manciata di voti degli italioti significa respingere quelli dei secessionisti lombardi e veneti. Se quelli di Plebiscito non hanno barato, solo in Veneto si parla di oltre due milioni di voti. Ma si vede che Salvini non ci crede o sarebbe stato un vero coglione a fare ció che stqa facendo e non proporre al Federale l’espulsione di Tosi, un dispersore di energie e voti mai visto nella storia della Lega (si prega di non dimenticare i risultati delle ultime amministrative che hanno decimato il Movimento in Veneto, Lombardia e Piemonte).
    Quando si abbasserá il polverone delle Salvinate resterá di nuovo il nulla.
    La mission é e rimane una sola per chi campa di politica in Lega (come ij qualsiasi altro partito italiota) e purtroppo non é la realizzazione dell’articolo n.1, ma prendere il potere.Fine. Non esiste un reale obiettivo secessionsita nell’azione di quelle persone, come spesso ha avuto occasione di ricordare Maroni e come sempre ricorda Flavio italico Tosi. Salvini riesce ad essere piú sfuggente e la butta in caciara, come fanno i bambini.
    Mi dispiace molto per i fratelli leghisti che credono di fare il bene proprio e del Movimento supportando questo colossale imbroglio, ma mi auguro che l’aggravarsi delle condizioni di prigionia di noi lombardi e veneti nel lager italiano, riescano a risvegliare la coscienza e la rabbia anche dei piú…lenti.
    Oggi per i patrioti lombardi e veneti votare non ha alcun senso, non esiste una rappresentanza politica secessionista degna di questo nome.
    Sprofondi l’italia.

  2. Veritas says:

    Caro Ruggeri, si fa presto a criticare: prima, però bisognerebbe approfondire: Per esempio, Lei sa che
    Matteo Salvini riceve centinaia di telefonate da ogni parte di questa itaglia e che è visto un po’ come un simbolo della libertà?
    Si fa presto a parlare dei sondaggi per le europee: ma le Lega ha in ballo ben cinque referendum importanti per i quali sta raccogliendo le firme e per i quali dovranno votare anche gli italiani del centro, del sud e delle isole.
    Una felpa è causa di tanto chiasso. perchè non ci prova qualcun altro a fare la vita che fa Salvini invece di tante chiacchiere?

    • gianluca says:

      scusi ma che discorso è questo? e poi non penso che i militanti perplessi per la felpa all’amatriciana si mettano a telefonare a Salvini, e le garantisco sono tanti

      • Veritas says:

        Direttore, mi sa che non ho spiegato bene: volevo dire a Ruggeri e a quelli che la pensano come lui, che Salvini, personalmente, ha un gran seguito e che una felpa non cambia le cose: lui, dai suoi seguaci e, lo so che sono tannti, è visto come un simbolo di libertà e puo indossare quello che vuole ma la sua popolarita’ non ne viene intaccata. Inoltre, sta facendo due campagne di cui una per le europee, l’alra per le firme dei referendum. Spero aver chiarito.

    • Gianfrancesco says:

      Salvini è in diretta in questo momento su Rai 1, è a Roma, in giacca azzurra e camicia bianca…

      può andare a roma, può ascoltare i cittadini dei sud, sarei contento se creasse solidi collegamenti con gli indipendentisti sardi, però la felpa Roma è un errore clamoroso e quello che dici tu non cambia nulla.

      le firme per i referendum le raccolgono i militanti e nessuno di loro mette certe felpe… non prendiamoci in giro!!!!!!

  3. raniero says:

    Salvini è un bel furbone si mette la felpa giallorossa e cattura i voti dei romani candida poi alle elezioni europee un indipendentista carcerato e cattura i voti degli indipendentisti gonzi

    http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/04/11/news/europee_salvini_stiamo_considerando_l_ipotesi_di_candidare_uno_dei_21_indipendentisti_in_carcere-83337427/?ref=HREC1-7..

  4. ALTEREGO says:

    Nessun problema, anche quei pochi che avevano pensato di tornare a votare lega, NON LO FACCIANO!!!

    Salvini hai perso molti più voti in Padania di quanti ne hai guadagnati a roma.

    TE NE RENDI CONTO?

  5. anthony says:

    Gianfranco Miglio diceva loro un tempo, state sopra la linea gotica, consolidatevi li, amministrate al meglio I vostri territori, organizzate il movimento in maniera efficiente, e cambierete l’italia………… ma non hanno mai voluto ascoltare il consiglio del prof……….. poi se al sud o a roma ci sono forze pulite che su certe tematiche come anti euro, indipendenza, federalism etc vogliono collaborare ok……….. ma ormai e’ acqua passata ,,… la lega ha fatto un abbraccio mortale con roma…………da molto tempo…………

  6. stefano says:

    Gigi, lascia la lega!

  7. Riccardo Pozzi says:

    Dirà quello che la Lega ci ha detto in tanti anni di delusioni e richieste di spiegazioni. Dirà al solito che “il sistema si cambia dal di dentro” e prima si entra e poi si rivolta come un calzino. La realtà è che una volta dentro si stava bene lì e il calzino è stato più facile indossarlo.
    Che peccato.

  8. roberto says:

    perchè perchè perchè 150 anni fa garibardi non se fatto i c…… suoi. Invece di invadere ROMA non poteva farsi una cosetta veloce da solo

  9. Massimiliano says:

    ma scusate, uno che da mesi parla di ritorno alla sovranità NAZIONALE, come poteva essere un credibile indipendentista? Ma se serviva la felpina capitolina per farci aprire gli occhi….ben venga….next step: Striscione con la scritta “Prima il Sud” quando Salvini andrà in Sicilia a spiegare che Basta Euro? Forse non sarà così spudorato, gli basterà dimenticare a casa quello con scritto “Prima il Nord”, esposto in tutte le tappe del Nord fin’ora visitate col “Basta Euro Tour”…i voti son voti eh!

  10. renzo delgrossi says:

    Caro Ruggeri, concordo in pieno come al solito con la tua disamina e mi domando ” non saremo davvero leghisti? “, perché vedi che la pensano come noi nella base ce ne sono a migliaia tanto è vero che se su una puttanata come quella della sede di Rommmma facessero un mini referendum fra militanti e sostenitori, forse 1% approverebbe una simile minchiata. Dopo questa penso che il mio voto se lo scordino.
    Come dici te, in tre giorni come si fa a passare da una manifestazione di solidarietà verso patrioti indipendentisti, ad una cagata pazzesca come questa?
    Sai cos’è Gianfrancesco che mi preoccupa?Non è tanto il mio voto a qualche movimento indipendentista cosa che mi riempie d’orgoglio, ma è il fatto che i già pochi voti dati, purtroppo vengono ” mal gestiti” da gente sempre rancorosa/litigiosa che ha come scopo primario la distruzione della lega e non riesce minimamente a fare massa critica verso l’obbiettivo tanto agognato che è la separazione dall’ittaglia

  11. alessandroprimo says:

    Fanno fare solo brutte figure ai tanti onesti militanti che credono in un grande ideale di liberta’ della propria terra ; con la dirigenza legista le proprio una causa persa

  12. Lorenzo says:

    Sveglia ragazzi, son passati 20 anni e non è cambiato niente…
    La Lega non ha mai avuto intenzione di fare quello che si prefissava. MAI.
    E’ lo specchio per le allodole del regime, per tenere buoni gli elettori del Nord. Vi siete fatti infinocchiare fino ad ora, cercate di prendere la palla al balzo, alternative ce ne sono. Non è a Roma la soluzione e qui a casa nostra.

    Animo, dai su. Cambiare.

    😉

  13. braveheart says:

    SALVINI ….E’ COME L’EREMITA DI LAMPEDUSA AI TEMPI DELLE CROCIATE
    QUANDO LUI AVVISTAVA IN MARE LE NAVI CRISTIANE ALZAVA LA BANDIERA CROCIATA DEI CRISTIANI..
    QUANDO IN MARE AVVISTAVA LE NAVI TURCHE E MUSULMANE ALZAVA LA BANDIERA DELLA MEZZA LUNA ISLAMICA….
    CHE SCHIFO….

  14. braveheart says:

    A PROPOSITO ..LA COSA DI SALVINI E CASTA BELLERIANA E’ SCENTIFICA…PRENDERE VOTI PER LORO POLTRONE…
    SAPETE A BERGAMO OL BELOTTI COSA STA FACENDO??’
    NEL SIMBOLO LEGA NORD SOTTO UNA VOLTA C’ERA BOSSI …MARONI…O ALMENO PADANIA….
    A BERGAMO PER LE COMUNALI SOTTO IL SIMBOLO LEGA NORD HA MESSO …”TENTORIO”…IL CANDIDATO SINDACO DI FORZA ITALIA E COALIZIONE SOLITA……UNO CHE VIENE DA ALLEANZA NAZIONALE ED E’ STATO NEL PDL…ADESSO IL SUO NOME STA SOTTO IL SIMBOLO DELL’ALBERTO DA GIUSSANO…..FANNO VOMITARE

  15. braveheart says:

    MA STATE ANCORA A CREDERE A SALVINI E ALLA CASTA DI VIA BELLERIO?????…MA GENTE COME GIGI LOVATO O QUELLI CON IN MANO LE SCOPE …HANNO UN CERVELLO CHE FUNZIONA….NON CAPISCONO CHE VENGONO PRESI DAI FONDELLI DAI VARI SALVINI TOSI MARONI ZAIA ECCCC….DELL’AUTONOMIA —FEDERALISMO —-INDIPENDENZA —NON INTERESSA NIENTE …TANTI GRANDI CULI PER TANTE POLTRONE……SVEGLIAAAAAAA POPOLO IGNORANTE E BUE….

    • Pol says:

      infatti, la colpa è solo dei pochi tontoloni leghisti militanti rimasti che credono ancora nella “Lega indipendentista”.
      Ma cos’altro devono fare perchè sta massa di tonti lo capisca??
      Non basta avere dei dirigenti che: si definiscono “fieremente italiani”, che vanno a spasso col tricolore in mano, che parlano di “Patria Italiana”, che si alleano alle estreme destre nazionaliste, che un giorno parlano di indipendenza e il giorno dopo sono a Crotone a parlare di “Italiani uniti da Bolzano a Lampedusa contro l’Euro”, che parlano di “Italia nostro paese”, di “nostri marò”, che omaggiano il capo dello stato, che dicono che l’indipendenza è impossibile (Tosi e Maroni), che dicono “no Euro” pur sapendo che non si può uscire cosi da un giorno all’altro, che sono fieremente alleati con Fratelli d’Italia, che hanno infiocchettato le nostre città di tricolori???
      Ma dico, ce l’avete un cervello o no???!!!

      • Gianfrancesco says:

        certo che ce l’hanno il cervello e lo stanno anche usando, infatti restano nella lega per rompere le palle a quei dirigenti di cui ti lamenti anche tu.
        uscire e andarsene è comprensibile, restare e combattere con la consapevolezza che non sono i semplici gigi lovato, ma i flavio tosi che se ne devono andare è ammirevole.

  16. pippogigi says:

    Ci sono due spiegazioni: la prima è che la Lega ci stia prendendo tutti per i fondelli sperando solo di aver il nostro voto. Vent’anni ad attendere che l’articolo 1 dello Statuto della Lega fosse finalmente rispettato, invece abbiamo visto l’abbandono dell’indipendenza, sostituito con il misero “federalismo solidale”, peraltro mai arrivato. La risposta logica è quella di non votarli, più o meno come non si voterà (per lo meno i sani di mente…) Forza Italia e Pd che a prese per i fondelli fanno a gara tra loro e la Lega al confronto è una dilettante.
    La seconda spiegazione è lo strabismo, il dualismo: la Lega è un movimento nato sul territorio e con un obiettivo ben preciso. Essere finita a Roma nel loro parlamento, le ha provocato una crisi d’identità, non sanno più se sono un movimento padano oppure un partito italiano (siamo a mezzogiorno? ma a mezzogiorno si mangia, anzi e magna e via a quattro ganasse…). Il dualismo è evidente, l’appoggio agli indipendentisti veneti e Maroni che parla si Statuto speciale, ritorno all’indipendenza e Salvini a Roma….Uno psichiatra ci andrebbe a nozze in questa situazione.
    Non votandoli, non facendogli raggiungere il 4% non facciamo che aiutarli, se non avranno più parlamentari a Roma, in Europa probabilmente i mangiatori di professione abbandoneranno la mangiatoia, rimarranno gli indipendentisti e senza aver un piede a Roma, le gambe gli rimarranno tutte in Padania, apriranno gli occhi e si accorgeranno di un popolo che ha, come dire, delle necessità impellenti.
    Mi spiace per Salvini, speravo che fosse l’uomo del ravvedimento, ma se uno si ostina a sbagliare servono soluzioni drastiche.

    • Paolo Bonacchi says:

      Uno che nasce CENTRALISTA (in questo caso Bossi e Salvini sono identici), resterà sempre CENTRALISTA. E’ nella loro natura cerebrale.

  17. mitteleuropa says:

    pensavo anche io di tornare a votare lega ,ma dopo questa uscita di salvini (apertura sede a roma capitale di uno stato che ci ha occupato con burocrati,professori e tutto l’apparato della pubblica amministrazione composto per il 70% da gente non del nord,ma proveniente da regoni del sud italia),la lega ha perso un voto.d’altronde la lega non ha mai chiarito la sua posizione.un giorno è secessionista ,un giorno federalista,un giorno per le 3 macroregioni…

  18. Pol says:

    beh, se ci sono ancora indipendentisti in Lega, hanno solo da rendersi conto che hanno sbagliato partito….se sono tonti non è colpa di salvini…

    • andrea says:

      Bravo io sono un tonto ma senza fette di salame sugli occhi ma tu e altri che sparate a zero che cosa proponete di continuare in quattro gatti a fare? Continuare a protestare contro tutto e tutti o votare grillo noto indipendentista che al termine di una bella nuotata in terra siciliana si faceva applaudire affermando che e’ giusto per la Sicilia avere tutto l’apparato burocratico pagato da noi…

  19. AUVERNO says:

    Onore a Gigi.
    Anche per il brutto quarto d’ora di telefonata che, conoscendolo, ha fatto passare a Belotti.

    • Giulio says:

      Belotti chi?
      L’amico fraterno di Pedretti?
      Sai quanto importa a Belotti dei militanti, dovendo rispondere al Calderolo-Gancia si sta battendo per la conservazione del potere per il gruppetto stabile dei fedelissimi quarantenni bergamaschi.
      Vedi la manovra farlocca per le primarie dei candidati per le europee.

  20. Mario says:

    E quand’è che i Gigi Lovato prenderanno LORO il telefono in mano per mandare un vaffa a Salvini? Ah, non si può, è ‘il capo’. Ma di cosa avete paura? Dell’espulsione? Di non sapere come passare le serate? Le cose si cambiano cambiandole, non assistendo passivamente alle giravolte senza vergogna di chi se ne fotte della coerenza e dell’umore del proprio ‘esercito’. Sprofondi roma, e se quel giorno Salvini sarà lì a cercare voti fra i miinisteriali…beh, ce ne faremo una ragione. LIBERO VENETO, LIBERI TUTTI.

    • renzo delgrossi says:

      Circa un mese fa ho sentito il grande Gigi Lovato in un’assemblea pubblica cantarne 4 ai dirigenti presenti in sala( Belotti, Stucchi, Invernizzi,etc etc) chiedendo fra le altre cose l’espulsione del segretario della liga veneta ( concordo in pieno ), quindi Mario, non solo ha preso il telefono, ma ha preso il megafono…

    • Gianfrancesco says:

      si vede che non conosci Gigi Lovato…

  21. lorenzo says:

    Faccio una facile previsione: l’immagine di Salvini con la felpa della Roma verrà ricordata (e giustamente rinfacciata alla Lega) come quella in cui Umberto Bossi si fà imboccare di pajata dalla Polverini in compagnia di Alemanno (sempre a Roma) …
    E’ vero che è meglio non fidarsi mai di un politico, specie se si tratta di politicante di professione che in vita propria non ha mai lavorato e la cui ragione sociale alla fine sono i voti e il consenso elettorale, ma è pur vero che i colori, le bandiere e le immagini hanno un loro valore simbolico. Ed è evidente che chi solitamente indossa felpe con la scritta Milano e Lombardia, e sventola la bandiera padana o quella veneta col Leone di San Marco, cade quanto meno in contraddizione quando indossa la felpa “Roma”…

  22. Marcaurelio says:

    Salvini, ha fatto bene , cosi riesce a togliere più voti possibili al partito democratico e al 5 stelle di Beppe Grillo.
    Salvini è intelligente e poi basta co sto c….o de indipendentismo. salvini ha mai detto di essere un indipendente?
    No e allora ancora co’ sta storia…basta….
    Salvini viene dalla scuola del vecchio Bossi non può abbracciare questa ideologia..Ormai la Lega nord è diventata un partito e non è più un movimento.
    Le sedi non saranno solo a Roma ma anche a Napoli e al sud.La Lega deve prende i voti che Forza Italia non prende più lo volete capire o no?

    • AUVERNO says:

      :-)))))

    • Della Scala says:

      SCUSA .. MA LORA TUTTO CIò CHE HA FATTO SALVINI FINO AD ORA : SOLIDARIETà AI SERENISSIMI , SVENTOLAMENTO DEL GONFALONE E BLATTERAZIONI DI SECESSIONE … SONO TUTTE STRONZATE !? beh c’era da aspettarselo …

      FORZA ITALIA … apparte che se qualcuno vota ancora B & Co. non ha capito un cazzo dalla vita e comunque se quelli di FI vanno nella lega che si fà un altra alleanza tricoloruti e verdi lombardi ? così ti risputtani un’ altra volta .

      BEH WOW !!!!

      A MARCAURELIOOO MA VATTELA A PIGLA IN TER CULO !!!

      SALVINI SEI UN BUFFONE COME TUTTI GLI ALTRI DELLA LEGA !!!! BUFFONI !!!!

      lega nord Roma CHE SENSO HA !? sciogli la lega nord vai con AN e bella che finita li . come fai a dichiararti seccessionista e appoggiare movimenti nazionalisti FRANCESI ?

      SALVINI LASCIACI STARE !!!
      NE CELTI NE ITALIANI SEMO VENETI MARCIANI !!!

      WSM

    • BERGHEMADLER says:

      prende i voti : PER FARE COSA ? Per sostenere il SalvaRoma ?

  23. BERGHEMADLER says:

    Bravo Gianfrancesco, come al solito.
    E Salvini ? La prossima iniziativa non sarà mica di andare ad accogliere gli immigrati a Lampedusa !?!?!
    Ho appena visto una bella felpa con la scritta LIBIA. Penso che ti starebbe bene. (tra l’altro la Libia non ha neanche l’Euro)
    Adesso, scusate, devo andare a vomitare……
    E confermo la tesi dell’articolo : se c’era una piccola possibilità che io tornassi a dare il mio voto alla Lega (come per molti anni), da oggi hanno un nemico in più.

  24. Pedante says:

    Turbante verde, per coerenza.

Leave a Comment