Salvini: “Al congresso della Lega Marine Le Pen e Wilders”

di REDAZIONE

Un tempo, ai congressi della Lega Nord venivano invitati i movimenti indipendentisti. Poi, cominciò ad apparire Vladimir Žirinovskij, ultranazionalista russo. Ora – il “nuovo corso” del fu Carroccio invita l’ultanazionalista francese Le Pen.

Matteo Salvini ha annunciato che sono stati avviati i “contatti” per invitare i leader dei partiti euro-scettici a intervenire alla giornata di chiusura del congresso federale della Lega Nord, che si terra’ il 15 dicembre al Lingotto di Torino. “Il congresso parlera’ anche delle possibili alleanze con gli altri partiti euro-scettici alle europee e spero che abbia come ospiti i ‘brutti e cattivi’, Marine Le Pen, Geert Wilders e gli austriaci”, ha spiegato il candidato alla segreteria del Carroccio. Salvini (che riprova a guadagnare voti facendo leva sulla questione immigrazione) non ha, quindi, escluso la possibilita’ di un’alleanza con queste formazioni che hanno posizioni comuni su temi come l’euro, la lotta all’immigrazione appunto e al potere della banche, argomenti che demagocicamente parlando pagano. “Perche’ no? Noi siamo indipendentisti e quindi il primo punto di riferimento sarebbero i movimenti indipendentisti che pero’ al Parlamento europeo sono frazionati”.

A margine di una conferenza stampa sugli esodati, al Pirellone, a chi gli chiedeva del futuro dell’alleanza Lega-Pdl, Salvini ha risposto: “Vediamo cosa sara’ il Pdl. Quello in Lombardia, che non e’ romanizzato, in Regione e nei Comuni e’ un partito con cui si lavora bene”. “Alle amministrative e’ stata gia’ data liberta’ di scelta ai territori, per esempio a Cremona la Lega andra’ da sola, a Pavia no”, ha ribadito. “A livello nazionale – ha poi proseguito – oggi, direi che non e’ possibile alcun dialogo con chi ha appoggiato gli ultimi due governi. Poi se ci sara’ qualcosa di nuovo vedremo”. A chi gli chiedeva con quale Pdl pensa a un’alleanza, dopo le divisioni maturate nel partito di Silvio Berlusconi, ha risposto con una battuta: “Sicuramente non con quello dei falchetti, gia’ per il modo con cui si vestono”.

 

Print Friendly

Articoli Recenti

20 Commenti

  1. Mirko MUK says:

    AUTONOMISMO E NAZIONALISMO SONO L’OPPOSTO.

    punto

  2. luigi bandiera says:

    Ripeto: la politica in italia e’ in grande KAXINO. E’ in CONFUSIONE.

    Non si sa piu’ a chi dar retta.
    Scegli un canale TiVi per seguire un po’ la politica e ti trovi in discussioni, solitamente baruffate, senza senso.
    Tra l’altro quando parlano tutti non si comprende nulla.
    E ma tutti vogliono parlare sopra agli altri per non far capire cosa dica l’avversario. E’ al chi grida piu’ a lungo e piu’ forte.

    Vai su un canale dove c’e’ tizio perche’ il caio non ti va e ma se ascolti tizio e poi caio i disk sono gli stessi. Non serve cambiar canale, come i quotidiani: tutti con gli stessi temi e titoli.

    Quindi per risparmiare basta un canale e un quotidiano.

    Ma il bello viene quando si parla dell’EL DORADO. Si, si parla sempre piu’ spesso del mondo DORATO. Chiamiamolo EL DORADO NO..?

    Ma in italia siamo in crisi e di oro salvo nei compro oro non ne trovi.

    Distratti, c’e’ il paese dorato, l’El Dorado appunto, e’ nel mondo dei SUPER STRA PAGATI sia in servizio che in pensione. O albergo di lusso..?

    Pero’, notare bene, se ne parla solo e nel frattempo che ne parlano i conti DORATI crescono mentre i conti dei MISERABILI diminuiscono..!

    Pero’ sono solidali e demokratici… quelli del mondo dell’El Dorado.

    Calma, bisogna dire che i super stra pagati ci dicono quello che noi miserabili dobbiamo fare per risolvere il problema.
    Per esempio ci dicono: ci vuole piu’ europa. Bisogna fare l’unione politika di questa europa.
    Non si puo’ uscire dall’euro.
    Dall’europa poi sei eretiko se solo lo pensi.
    Beh, pensare di separarci dall’italia rischi molto. Anche il ROGO.
    Basta che uno la pensi come gli va bene pensarla che se non e’ come la pensano gli ELDORADATI, in linea si dice anche, sei accusato di fare come fece Adolfo.

    Questo stato lo si deve amare anche quando e’ INGIUSTO..!

    Come amare uno stato occupante..??

    Non troveranno mika un Rodolfo Graziani di nuovo sebbene qua non siamo in Afrika..? (Beh, osservando la popolazione sembra di esserlo, o no..?).

    Ma dai, ci va bene tutto ormai. Cosa volete, hanno DISTRUTTO TUTTO: famiglia, religione, morale, educazione, scala dei valori e ecc..

    Il senso che gira nei salotti bene e anche nell’aria e’ che tutti hanno i DIRITTI..!

    Mi domando perche’ ci sono le galere.

    Per punire chi fa del male..??

    A pensarci bene, non conosco nessun ergastolano che mi abbia fatto del male; mentre conosco esimii proff e on e sen e insomma di quel tipo li’ che ME NE HANNO FATTO e TANTISSIMO…

    Da uno che viveva discretamente, non da ricco, sono passato a dover misurare il passo che faccio per non finire sotto i ponti.

    Quei CRIMINALI DI PACE, detti anche BUONISTI, dovrebbero finire in GALERA. Ecco a cosa servirebbero le galere.
    Ma essendo criminali di pace nessuna corte li puo’ giudicare anche se portano allo sfascio uno stato..!

    Come gli invasori no..?

    Cosa vuoi, sbarcano, quando va bene, senza armi in mano solo un cellulare e da noi lo hanno in mano anche i neonati, per cui… li si accoglie no..??

    Come fu a Troja: il cavallino lì davanti alle porte della citta’ era un regalo della Provvidenza.
    Lui, inerme, voleva solo un po’ di biada… un po’ di avena.

    Cosi’ vedendo che ci sono tanti cavallini di Troja che vogliono la nostra avena (i soliti buonisti) e che se la aspettano nell’altra sponda, kax, li vanno a prendere..!!
    Non vogliono che magari si facciano del male nell’attraversare il mare loro.

    E nel frattempo noi diventiamo sempre piu’ MISERABILI e loro, i criminali di pace, arricchiscono. Eh beh. Sono nell’ EL DORADO DAVVERO..!

    continua

    PS:

    ESSERE O NON ESSERE, idioti.

  3. Albert Nextein says:

    Questi due personaggi politici stranieri farebbero meglio ad informarsi su che cosa è la lega , prima di accettare inviti.
    E quelli della lega si devono rendere conto di esser già carne in putrefazione.

  4. Pietro says:

    Meno male che la Lega 2.0 doveva essere moderna e moderata…l’unica cosa che è sparita dalla Lega sono le posizioni indipendentiste e identitarie, mentre proliferano quelle di estrema destra….alla faccia!!!

    • L'incensurato says:

      El salvin deve prendere i voti di tutti gli imbucati,pardon “militanti” iscritti nell’ultimo anno. Quindi sta parlando al SUO elettorato. Cosa centri poi Geert Wilders con la secessione ..boh! Allora meglio Renzi segretario:almeno ha qualcosa da dire

  5. AUVERNO says:

    Ecco, bravo pistola…
    Dopo aver aperto le porte della Lega ad una marea di democristi fascio/forzitalioti, anziché promettere di pulire il pollaio lasci “libertà ai territori”.
    Ci mettiamo in poltrona e stiamo a vedere le ulteriori porcate che i “territori liberi da qualsiasi vincolo ideale” riusciranno a combinare.

  6. carla 40 says:

    E’ da un pezzo che la Lega e’ morta, intendo quella che ha incantato e poi deluso chi aveva creduto nei suoi ideali. Che sono rimasti nel cuore di molti, in attesa di qualcuno che li resusciti… Non certo Maroni, o Tosi, ma neppure Salvini. Mi ispira Stefanazzi, mi sembra sinceramente indipendentista… Ma ce la fara’? Mai dire mai…

    • jesse james says:

      Ho visto che gli italici tifosi hanno dimostrato tutta l’incultura levantina fichiando l’inno nazionale tedesco… la tristezza è che non si gioca a napule, a roma o a beri, ma a milano. Stessa incultura vergognosa, degna di una progenie di conigli che sempre sono scappati nelle guerre vere, salvo rare eccezioni. Al nord ci sono italiani purissimi, i padani non si fanno vedere.

      • GeertWilders4president says:

        Il paese che ha dato vita alla civiltà occidentale è oggi uno schifoso paese musulmano (che fa finta di essere un paese cristiano).

        Se andassi a vivere all’estero non cambio nome e cognome solo perchè sono i nomi dei miei genitori. Ma forse lo faccio perchè sono una schifosa italiana anche io. Dovrei aver il coraggio di cambiar nome e cognome pur volendo bene ai miei.

    • L'incensurato says:

      Su lettera43 trovi un interessante articolo proprio sul modello Stefanazzi (l’ho chiamato io così:è un articolo… articolato). Padania Libera

  7. cinghiale says:

    Direi che il commento sopra di Giancarlo riassume magistralmente i vent’anni di nulla del leghismo. Salvini & Co. tireranno avanti ancora qualche anno a forza di “Fuori i negri” e “Via dall’Euro” e poi finiranno nella pattumiera della storia. “Next”, avanti il prossimo, come dicono gli Inglesi.

  8. Euskaldun says:

    Bravo Matteo avanti tutta! O con lui o si muore, e anche senza onore.

  9. Gianfrancesco says:

    ok però se la mattina mi fai l’indipendentista e poi il pomeriggio inviti la Marine Le Pen, qualcosa non torna: poi mi si dirà che vuoi degli ospiti internazionali, bene, ma allora perchè non inviti ANCHE Artur Mas e Alex Salamond?????

    Il sospetto è che le parole indipendentiste di Salvini siano solo parole pre congressuali.
    Posso credere all’indipendentismo di Stefanazzi e di Bernardini, ma alle parole di Salvini non posso credere, da Salvini servono fatti concreti, perchè gli altri due possono solo parlare e spiegare quello che vogliono fare, mentre Salvini è già a capo della Lega Lombarda e vice di Maroni, può già agire, quindi se il suo agire non corrisponde alle parole allora sono solo parole precongressuali. Punto.

  10. Giancarlo says:

    Se è per quello, Salvini oltre a recitare la parte del destro, che peraltro gli riesce benissimo, sta recitando anche quella del nordista duro e puro, vedi recente proposta di mettere il pedaggio sul GRA. Niente di nuovo sotto il sole, solita Lega Merd che è campata venti e passa anni, grazie alla dabbenaggine dei militonti, a forza di Miss Padania, feste a Pontida con corna e parrucche bionde, ministeri a Monza, Forza Vesuvio!, Forza Etna!, Giro di Padania, “chi non salta terrone è!” e via cazzeggiando, mentre in realtà stringeva i più ignobili accordi sottobanco con il Banana per la gestione di potere, poltrone e soldi, tanti tanti soldi, dando in cambio al Banana quello che voleva lui, ivi comprese le cose più vomitevoli, tipo i 150 milioni di euro dati al comune di Catania e stornati dai Fas. Ora ci riprovano, è il turno del pedaggio per bastonare Roma ladrona, sapendo benissimo che tutto finirà in vacca, l’importante è buttare fumo negli occhi dei militonti. E dire che in mano a gente seria i parassitismi del Lazio potrebbero e dovrebbero essere giustamente messi alla gogna, facendone anche merce di legittimo ricatto e scambio politico, un po’ come la Svp ha fatto per anni ricattando i deboli governi romani al fine di ottenere nuove competenze per la provincia di Bz. Ma, appunto, gente seria.

    • pippogigi says:

      Mi pare evidente che vi sia una grande delusione e disaffezione per la Lega “romanizzata”. Una Lega che pensa solo alle poltrone e al suo posto in italia è uno dei peggiori pericoli per i padani, attira il loro voto e poi lo utilizza per approvare le tasse romane, i nostri soldi regalati alla Magna Grecia e via dicendo.
      Spero che le batoste elettorali portino consiglio, così come il contatto con Marine le Pen. Il FN di Marine Le Pen, se ha poco in comune con l’indipendenza, loro sono per un centralismo e monoculturismo francese alla faccia di provenzali, corsi, alsaziani, bretoni, baschi, ecc ma hanno delle cose da imitare: innanzitutto non si sono mai alleati con i partiti “mangiasoldi”, sono andati avanti da soli pian pianino, beccandosi un mucchio di insulti. Secondo hanno fatto propria l’insofferenza verso l’immigrazione, un sentimento condiviso in tutta europa ma che le elites cercano di soffocare. Se guardate telegiornali belgi e francesi oppure andate a fare un giro in quelle lande, vedrete un mucchio di facce un po’ scurette spuntare qua e la, facce non autoctone. La Francia ha una vasta tradizione di immigrazione, quella polacca nel XiX secolo, quella russa dopo la rivoluzione, quella padana agli inizi del secolo e non ha mai avuto problemi, i nuovi arrivati si sono “francesizzati rapiudamente”. Non così con gli immigrati africani e mussulmani, quelli che stanno creando problemi ovunque in Europa. CI sono città come Marsiglia, Tolone, Nizza, piene di questi immigrati e sono quelle con i maggiori problemi di criminalità della Francia. I Francesi, come i padani, fuggono dalle città ormai irriconoscibili e si rifugiano nella ancora francese provincia, dove il FN riscuote i maggiori successi.
      Ormai, come in italia, i partiti tradizionali non li vota più nessuno, solo i mantenuti di Stato e gli immigrati ancora li votano.

  11. jesse james says:

    Cosa ne penserà il democristiano Bobbo?

Lascia un Commento