SALVINI A PISAPIA: TRATTIENI L’IMU A MILANO E LA LEGA E’ CON TE

di REDAZIONE

Il capogruppo della Lega Nord in Consiglio comunale di Milano Matteo Salvini avanza una proposta di tregua al sindaco Giuliano Pisapia per chiedere una battaglia comune per «trattenere nelle casse del Comune tutti i milioni di euro che i milanesi pagheranno sulla loro casa con l’Imu» e non «svendere il patrimonio della città». Così, in un periodo di scontro frontale tra maggioranza e opposizioni, in particolare dopo il ‘caso Seà, il Carroccio rompe il fronte delle minoranze con una lettera-appello al primo cittadino per una «battaglia» comune. «Caro Giuliano, siamo Milano, rialziamo la testa», è l’incipit del messaggio rivolto a Pisapia da Salvini che chiede al primo cittadino di iniziare a lavorare insieme sull’Imu. «I cittadini ti capiranno e sosterranno, la Lega anche». Una mano distesa verso l’avversario che si potrebbe tramutare in appoggio leghista alla Giunta arancione «se porterai alla città e al Consiglio comunale una proposta di speranza (niente tagli o svendite, teniamoci in cassa i soldi della nostra Imu)». In quel caso, infatti, Salvini promette: «Avrai il voto e il sostegno della Lega e soprattutto, penso, della stragrande maggioranza dei tuoi elettori». L’importante, sottolinea l’esponente del Carroccio, è «non commettere gli stessi errori della Moratti, non rassegnarti alla ‘spremiturà e alla svendita di quello che rimane del patrimonio della città per tappare i buchi di bilancio e rispettare quel maledetto Patto di Stabilità». Insomma, «caro Giuliano, non seguire la linea del curatore fallimentare Tabacci, il ‘Tremonti di casa tuà non eletto da nessuno – scrive ancora Salvini -. Penso che i tuoi elettori (e, come me, anche chi non ti ha votato) si aspettino da te un modo di amministrare diverso, una prospettiva di sviluppo a lungo termine, una gestione più partecipata della cosa pubblica». «Coraggio Giuliano, non rassegniamoci ad una lenta e ragionieristica agonia – è l’incitamento che arriva dal leghista -. I milanesi pagano e pagano tanto, e non meritano altri tagli e sacrifici» e quindi, si conclude l’appello, «te la senti di fare questa battaglia? Con stima, seppur dal fronte opposto, Matteo Salvini».

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. Unione Cisalpina says:

    bravo Salvini … dialogare kon tutti ma portare a kasa risultati … solo ke a milano di cisalpini ce ne sono pokini…

  2. Lucafly says:

    Tempo fa in un gazebo incontrai Salvini si parlo del più e del meno dovetti arretrare un bel metro o forse due il suolo alito puzzava (non di aglio o cipolle ) ma di m…..,ora capisco il motivo a furia di leccare il culo gli puzza l’alito….cosa non si fa per non lavorare.

Leave a Comment