Salta un’azienda su 4. Stato cattivo pagatore. Ma il Nord non reagisce!

stato centralista

15di RICCARDO POZZI – «Sono 100.000 le imprese fallite in Italia dall’inizio della crisi a oggi: e 1 su 4 è saltata perché lo Stato è un cattivo pagatore», scrive Maurizio Gardini presidente dell’Alleanza Cooperative Italiane.

Da anni il variegato e pulviscolare movimento autonomista e/o indipendentista padano, con tutte le sue infinite sottocorrenti e sfumature, si sgola, si indigna, divulga i numeri della vessazione, si divide, si sottodivide, tra i puri e quelli venduti, poi tra i più puri dei puri e i meno venduti tra i venduti, poi si divide ulteriormente, cerca nuove connessioni, sinergie, collaborazioni e unità di intenti nel nome dell’antico ideale comune.

Decenni di appassionati tentativi di sensibilizzare un popolo che sembra intorpidito, facendogli prendere coscienza dei numeri con cui lo stato lo deruba annualmente, residui fiscali, tagli alle regioni virtuose e rifinanziamenti alle più irresponsabili, forestali, finti invalidi, pubblico impiego.

Tanto che, dopo tanti anni, viene anche il dubbio che la gente non voglia sapere, non voglia comprendere per non essere obbligata a reagire. Che desideri essere lasciata in pace sul divano, con la pay-tv, il campionato e l’allarme inserito. Come chiedesse di essere lasciata in pace, nonostante le mafie che investono al nord, l’allarme sicurezza, le tasse più alte del mondo civile (se rapportate ai servizi erogati), la morsa monetaria, il ricatto della globalizzazione.

La conferma arriva dall’affermazione in testa a queste note: circa 25 mila imprese si stima siano fallite perché lo Stato pagatore non paga e lo Stato tassatore pretende le tasse su ciò che non ha pagato.

Cosa altro deve vedere un popolo per percepire il diritto di ribellarsi? Cos’altro, oltre allo Stato che fa fallire i cittadini perché non li paga, occorre sperimentare prima che una società attivi i propri anticorpi e  ritenga opportuno rovesciare il tavolo?

L’ipocrisia è come le rughe, vediamo sempre prima quella degli altri.

La realtà è che questo popolo, se non reagisce di fronte a questo, non reagirà mai di fronte a nulla. Tollererà tutti i presidenti  in visita distribuendo bandierine italiane nelle scuole, racconterà a se stesso che tutto sommato non va ancora male, si convincerà che prima o poi ci sarà una ripresa e che i propri figli faranno un lavoro migliore dei padri, metterà  il “Sacco del nord” su uno scaffale polveroso cercando di dimenticare i suoi numeri, cercherà di convincersi che i residui fiscali siano legati alla raccolta differenziata e andrà avanti così, paralizzato dalla propria pavidità, verso l’inevitabile impoverimento.

Si arrabbierà con i parlamentari che ha eletto, vantandosi con gli amici di conoscere quel parlamentare, venderà la casa dei nonni per poter continuare ad andare in vacanza, romperà l’ammortizzatore nella buca sulla strada davanti casa e manderà un infuocata lettera al direttore sul giornale locale, in attesa dei prossimi mondiali che, santo cielo, prima o poi dovranno pure arrivare. Forzaitalia.

 

 

Print Friendly

Related Posts

10 Comments

  1. Castagno 12 says:

    Ricopio l’inizio della Presentazione del libro di Giampaolo Pansa che ho segnalato:
    “L’Italia non c’è più. Come eravamo, come siamo” – Rizzoli Editore.
    Si trova su Internet.
    ” Non è la mia autobiografia, è la vostra vita che racconto. Come finiremo ? Temo di saperlo. I partiti politici spariranni. Si imporrà un governo di gelidi super tecnici o di militari, un affare per carabinieri o guardie di finanza. Sono pessimista ? Giudicherete voi “.
    .
    Io domando: “Oltre a criticare ossessivamente e ormai inutilmente i politici del Sistema, denunciare errori e porcherie senza fine, oggetto di indagini da parte della Magistratura, COSA PROPONGONO GLI INDIPENDENTISTI ? ”
    QUALI DIRETTIVE DANNO A FAVORE DI + NORD, in gran parte ora in mano agli stranieri ?

  2. Castagno 12 says:

    Completo la mia replica a GIANCARLO.
    Non ci sono misteri.
    E’ ben noto che negli USA conduce le danze la Federal Reserve (Banca Centrale PRIVATA).
    Per saperne di più si scrive su Google “Soci della Banca d’Italia”.
    La pagina chamata presenta vari blog. Fare clic su “I soci privati delle Banche centrali (private) – Disinformazione”.
    In questa pagina, il terzo elenco, DISPOSTO IN DUE BLOCCHI, è quello dei SOCI DELLA FEDERAL RESERVE U.S.A.
    Basta legge i cognomi, memorizzarli e informare chi ancora non sa.
    Certamente queste informazioni non fanno parte del variopinto, inutile ed infantile MONDO DEI MESSAGGINI.
    COSI’ COMBINATI, DOVREMMO ANCHE SALVARCI ?

  3. Castagno 12 says:

    Rispondo a MARCO.
    Ci hai fornito una sgradevole, indigesta e scontata conferma:
    “LE PECORE DOC RINCORRONO SEMPRE IL GREGGE PIU’ GROSSO”.
    .
    Guarda che lo Stato al quale tu ti riferisci, NON ESISTE.
    Leggi – cercando di capirlo – l’ultimo libro di GIANPAOLO PANSA ” L’ITALIA NON C’E’ PIU’ “.
    In tal modo eviterai ulteriori “MAGRE”.

  4. caterina says:

    … si chiama Sindrome di Stoccolma… a furia di batoste ci siamo fatti il callo!
    Tuttavia c’e’ una via d’uscita… in Veneto l’abbiamo imboccata… arriveremo a liberarci… da soli, niente Lega, niente politici a libro paga… siamo in tanti a crederci!

    • Castagno 12 says:

      Dici “SIAMO IN TANTI A CREDERCI”.
      Purtroppo, così avete il pretesto, LA GIUSTIFICAZIONE FASULLA DI NON FARE NIENTE CONTRO IL SISTEMA.
      Non vi rendete conto che siete “in dolce attesa” di una PRESUNTUOSA richiesta – PRIMAVERA 2014 – che di fatto HA ABORTITO.

  5. giancarlo says:

    Condivido a pieno Castagno 12.
    Gli italioti sono corresponsabili e correi dei politici che hanno continuato a votare…per non parlare dei partiti.
    Sorprende che ci siano ancora persone che votano il PD.
    Sorprende ma non troppo che Forza Italia sia al 10%.
    Sorprende il suicidio politico della Lega Nord la quale spera nei voti del Sud.
    Capisco chi vota il M5S….ma non li assolvo poiché tempo addietro sappiamo bene chi votavano.
    Dunque siamo senza speranza e l’offerta politica è miserevolmente sempre la stessa…:!!!!1
    Se le cose stanno così , e stanno così sicuramente, dobbiamo solo aspettare il lento ma inesorabile DEFAULT che arriverà un giorno quando magari tutti spereranno in un miracolo che non ci sarà.
    I ladri, i delinquenti, i mafiosi, che hanno portato l’italia alla sua fine non dovranno passarla liscia a costo di rincorrerli per tutto il mondo e PORTARLI DAVANTI AD UN TRIBUNALE come fece Wiesenthal con i gerarchi nazisti !!!!
    Giustizialismo ? Sì perché quando ci vuole ci vuole e non possiamo attendere il giudizio universale dei vivi e dei morti……..
    WSM

    • Castagno 12 says:

      Un paio di precisazioni.
      Temendo che il popolo italiano potesse ribellarsi (ma pensa te) il Sistema ha messo sulla scena politica il Movimento Cinque Stelle che avrebbe dovuto portare, ai BABBEI, conforto e speranza: “Finalmente il Nuovo che manderà a casa Lorsignori”.
      INFATTI: il M5S si è tranquillamente inserito nel Sistema dimostrando OMOGENEITA’ con gli altri partiti.
      1) Grillo ha più volte ripetuto che L’ITALIA DEVE RESTARE NELL’UE.
      2) Il 2 Marzo c.m. l’Europarlamento HA REVOCATO L’IMMUNITA’ A MARINE LE PEN approvando la relazione d’accusa stilata dalla relatrice LAURA FERRARA (Movimento Cinque Stelle).
      IL MOVIMENTO CINQUE STELLE RAPPRESENTA UN DIVERSIVO UTILE AI POTERI FORTI.
      .
      Purtroppo il DEFAULT sarà a carico del popolo.
      Le Banche costituiscono il BRACCIO OPERATIVO DEL SISTEMA che, in tal modo, HA IN MANO I NOSTRI SOLDI.
      Non abbiamo proprio la certezza che Lorsignori verranno puniti per i danni che ci hanno arrecato.
      Comunque i politici italiani – CORRESPONSABILI DEL DISASTRO – hanno la funzione dei maggiordomi, ESEGUONO.
      La Direzione del Governo Mondiale (sono circa 300 famiglie) risiede oltre oceano.
      Si tratta di individui che si considerano “MENTI SUPERIORI, ECCELSE” quindi autorizzate (DA CHI ? ) A COMANDARE E SOTTOMETTERE tutti gli altri.
      I Paesi sottomessi si dovrebbero coalizzare preparando una reazione comune.
      Ma i fatti ci negano questa eventualità: vedi il risultato delle elezioni in Austria (Dicembre 2016) e ieri in Olanda.
      Purtroppo SONO I POPOLI CHE DECIDONO E GLI INQUALIFICABILI NE APPROFITTANO ALLA GRANDE.
      LE PECORE DOC CERCANO SEMPRE IL GREGGE PIU’ GROSSO.

  6. luigi bandiera says:

    Non solo il Nord (la Padania) e’ in sonno profondo per cui senza volonta’ ne di reagire e ne di proporre ma tutti i “NUOVI PELLIROSSE” (autoctoni) europei e se vogliamo guardar meglio OCCIDENTALI che non reagiscono alla loro DISTRUZIONE per MALATTIA DEI LORO INTELLIGHENTIs. (Intellighenti si fa per dire naturalmente).
    I quadri dirigenti di una societa’ quando si ammalano e sbagliano e continuano a sbagliare strada portano tutti li’ nel baratro. Se vogliamo in foiba.
    Guardare attentamente come dsi svolgono le votazioni e che reazione anche scomposta si ha se vincono i NON sinistri o DISASTRI.
    Non ne usciremo mai piu’ da questo imbuto perche’ non c’e’ ritorno come si ha con la valvola che vale l’andata ma non il ritorno.
    La cosiddetta democrazia ogi dimostra di aver fallito come quando parti per la prima volta col poco noto Oliver Cromwell in Inghilterra.
    In quella occasione gli inlesi toccarono con mano la cosiddetta democrazia proletaria e cioe’ il komunismo. E, non dite che non c’e’ piu’, almeno quello…
    Si vede o no che noi padani siamo sotto ai meridionali dall’unita’ ad oggi e che oggi appunto stiamo passando ma siamo gia’ in avanzato stato, sotto i maomettani..?
    Questi ultimi l’hanno capita bene che oggi e’ il loro TEMPO FORTUNATO e non mollano l’osso.
    Saremo a breve sotto un dilagante strazio perche’ invasi da PIANTI, STRIDOR DI DENTI E STRAGI DI INNOCENTI.

    REPETITA NON JUVANT… troppo malati sono sti occidentali.

    Preghiamo

  7. Castagno 12 says:

    Segnalo il blog: http://www.ilnord.it
    articolo: – Les Echos: “Il 50 % degli italiani pronto a votare partiti NO-UE NO-EURO e l’80 % degli imprenditori è contro l’Unione ” –
    .
    SULLA PRIMA DI LES ECHOS, NOTIZIA CENSURATA IN ITALIA
    IN ITALIA L’80% DEGLI IMPRENDITORI E IL 50 % DEI CITTADINI E’ CONTRO LA UE
    Redazione Milano – 14 Marzo 2017
    .
    Il risultato del sondaggio E’ SORPRENDENTE considerando che il popolo italiano E’ SCARSAMENTE INTELLIGENTE.
    I fatti confermano: se la maggioranza del popolo italiano fosse intelligente non ci troveremmo in questa drammatica ed avvilente situazione.
    In questo momento NON ABBIAMO VIA D’USCITA perchè NON CONTANO LE INTENZIONI, MA I FATTI.
    ABBIAMO IL POPOLO CHE SOSTIENE ED APPROVA IL SISTEMA DEL QUALE SI LAMENTA.

Leave a Comment