Ryan fa il Berlusconi: “Creeremo 12 milioni di posti di lavoro”!

di REDAZIONE

Ha promesso una svolta economica annunciando un piano “per rafforzare la classe media” con la creazione di 12 milioni di nuovi posti di lavoro in quattro anni, Paul Rayn, accettando la nomination repubblicana come vice di Mitt Romney. Il 42enne presidente della commissione bilancio della Camera dei Rappresentanti, da molti considerato la mente economica del GOP, si e’ direttamente scagliato contro il presidente Barack Obama che “sta solo sperperando soldi” e che ha creato “piu’ debito di quello di tutti paesi europei messi insieme”.

Gli Usa devono voltare pagina “e noi non passeremo quattro anni ad attaccare chi c’era prima. Ci assumeremo le nostre responsabilita’. Sistemeremo l’economia di questa nazione prima di venire sopraffatti. Non abbiamo molto tempo ma con serieta’, intelligenza e leadership possiamo farcela. So che siamo pronti. Il nostro candidato e’ pronto. La sua vita lo ha preparato per questo momento”, ha assicurato Ryan, scelto come ticket di Romney per accontentare l’ala piu’ conservatrice del partito. “Accetto la chiamata della mia generazione per lasciare ai nostri figli l’America che e’ stata lasciata a noi, con opportunita’ per i giovani e garanzie per gli anziani”, ha proseguito, tentando di rassicurare la classe media preoccupata per le annunciate misure di tagli alla spesa pubblica. “Non c’e’ leadership alla Casa Bianca. Dopo quattro anni passati a tergiversare – ha rincarato Ryan – l’America ha bisogno di una svolta e l’uomo giusto per questo lavoro e’ Mitt Romney”.

Ryan ha dunque ribadito di voler cancellare la legge sulla sanita’ di Obama, cavallo di battaglia della sua campagna elettorale insieme alla riforma di Medicare, il programma di assistenza medica per gli anziani . L’Obamacare consiste “in oltre 2.000 pagine piene di regole, obblighi, tasse, costi e multe che non possono avere spazio in un paese libero – ha rimarcato – nessuno di noi puo’ accettare che vengano stravolti i nostri principi fondamentali. Con noi, la liberta’ tornera’ al centro della nostra vita e del nostro paese”. Per il suo debutto in grande stile sulla scena nazionale, Ryan ha rivelato alcuni dettagli personali: “Mio padre era avvocato in una piccola citta’. E’ stata una presenza gentile nella mia vita e penso che oggi sarebbe orgoglioso di me. Lui usava dirmi – ha raccontato il parlamentare del Wisconsin – figlio mio tu puoi scegliere se essere parte del problema o parte della soluzione. L’attuale amministrazione ha fatto la sua scelta. Mitt Romney e io abbiamo fatto la nostra”. Poi ha presentato la bella moglie Jenna “come la sua migliore amica”, i tre figli e la mamma che e’ diventata imprenditrice dopo la morte del padre. Tutta la famiglia lo ha raggiunto sul palco alla fine del discorso per gli abbracci e i saluti di rito.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

7 Comments

  1. Antonino Trunfio says:

    Incredibili i politici, 12 milioni di posti di lavoro !! Occorrebbe capire che imprecisato teorema di Eulero o quale equazione differenziale di Maxwell siano stati usati per elaborare il dato !! ve lo dico io : è il numero che moltiplicato per i familiari di quelli che avranno un lavoro perso o mai trovato prima, serve al pirla di domani per mandare out dalla casa bianca, il pirla di oggi.

  2. Maciknight says:

    Tutto il mondo è paese, pur di farsi eleggere sono disposti a dire e fare qualsiasi cosa, come disse un saggio, il politico di successo è quello che sa raccontare meglio le menzogne credendoci pure lui mentre le pronuncia

  3. non solo caro Alberto, a questo signore non sarà permesso nessun privilegio come invece accade in Italia. Scorta, Senatore a vita, Autostrada e aereo a gratis, e addirittura onori e gloria. Guarda quante merde politiche dobbiamo mantenere in italia.

  4. Dan says:

    Dichiarerà guerra alla cina ? 12 milioni di baionette ?

  5. Salvatore della patria says:

    Io ne crerei 7 miliardi!

  6. Miriam Trevisan says:

    Ryan l’ha sparata ancora più grande di quanto fece Berlusconi nel 94.

    B. disse 1 milione di posti di lavoro a fronte di 60 milioni di Italiani.
    Ryan ha detto 12 milioni di nuovi posti di lavoro a fronte di 300 milioni di statunitensi.
    Se paragoniamo le due affermazioni è come se il B. nel 94 avesse promesso non 1 ma 2 milioni di nuovi posti…..

    Comunque, prepariamoci anche noi alle future sparate autunno invernali dei nostri politici….chissà cosa si inventeranno questa volta pur di compiacere il popolino bue.

  7. alberto says:

    La differenza però tra gli Stato Uniti e l’ italia è che se a fine mandato questo signore non avrà mantenuto le promesse, gli elettori americani non lo voteranno più e lui dovrà trovarsi un altro lavoro… WSM

Leave a Comment