Tutti in roulotte, la casa eco-sostenibile che piace ad Albertini

di TONTOLO

La campagna elettorale è la fiera della vanità, delle promesse e delle proposte indecenti. Tutti sparano grosso. Berlusconi, ancora una volta, è il gran biscazziere del momento, gli manca solo di promettere di trasformare il piombo in oro e le ha dette tutte.

Ogni candidato, però, avanza la sua “grande idea”: ”Vogliamo puntare sull’edilizia a impatto zero”. Questa la proposta lanciata da Gabriele Albertini, candidato “montiano” alla presidenza della Regione Lombardia, agli imprenditori del settore edile che si sono riuniti ieri mattina alla Borsa di Milano per la “Giornata della collera”, dove hanno manifestato i loro problemi per un settore in picchiata.

Albertini, che non e’ intervenuto di persona alla kermesse, in una lettera aperta ai costruttori (a furia di stare col Berlusca s’è un po’ atteggiato sd evangelista) sostiene che sia possibile scommettere sull’edilizia a impatto zero ”attraverso l’attuazione della Legge Sviluppo di Regione Lombardia anticipando al 2015 gli standard edilizi europei 2020: tutti gli edifici di nuova costruzione privati o pubblici – spiega – dovranno essere ad altissima prestazione energetica con fabbisogno molto basso o quasi nullo e coperto in misura significativa da rinnovabili”.

Personalmente, ho una mia interpretazione delle parole dell’ex sindec de Milà, eccola. Dato che quest’anno la recessione sarà peggiore di quella dell’anno passato, non solo il somaro contribuente farà fatica a comparsi una casa, ma persino a mantenerla, considerata la supertassazione che investe gli immobili. Ragion per cui… tutti in camper, più eco-sostenibili di quelli che c’è? Probabilmente le roulette, che rispetto ai motorhome costano anche sensibilmente meno. E si vi fate passare per Rom, vi riempiranno pure di sussidi. W l’Itaglia!

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. Roberto Porcù says:

    Solo per vostra conoscenza, detto da un tecnico della plastica, unica cosa in cui penso di essere ferrato.
    Esiste un sistema di costruzione che si affida a grandi pannelli di polistirene espanso con spessore 15 / 20 cm e forati per lungo.
    Si posizionano i pannelli come pareti, si infila il tondino di ferro lungo i buchi, si fa tutto il piano, si getta il cemento nei fori e si fissa poi il solaio.
    Il polistirene viene poi ricoperto da intonaco.
    La tecnica è ora spiegata da un incompetente nell’edilizia, ma è molto diffusa nei paesi nordici dell’Europa ed in America, in Italia non ha mai preso piede perché le casette devono essere ciascuna diversa dall’altra e forse ci sono norme edilizie particolari e necessità di far lavorare molta gente.
    Pannelli fatti in questo modo, ma già finiti in fabbrica, vengono usati per i capannoni industriali.
    Da noi le case sono tutte a vederle più belle, ma costano tutte molto di più.

  2. Gian says:

    solita stronzata dei mattonari, una casa anche “anticipando al 2015 gli standard edilizi europei 2020” ovvero con “altissima prestazione energetica con fabbisogno molto basso o quasi nullo e coperto in misura significativa da rinnovabili” non è necessariamente sostenibile, dato che per costruirla deve consumare altro suolo, e il SUOLO E’ UNA RISORSA NON RINNOVABILE.

    Nuove case non servono, semmai si riqualifichi il patrimonio immobiliare che già c’è, scadente e smisurato.

    • W S. MARCO says:

      A Vicenza, la Lega, che era al governo con i berlusconiani italoforzuti in Comune, ha votato a favore della costruzione di quella stratosferica MERDA che è la nuova base degli yankee guerrafondai DAL MOLIN. E’ stato consumato anche uno degli ultimi polmoni verdi che c’erano attorno alla fragilissima (da un punto di vista urbanistico) città di Vicenza. UN ALTRO BUON MOTIVO PER NON DARE IL VOTO ALLA LEGA! E per NON darlo anche a chi c’era assieme alla Lega (nel caso specifico, oltre che ai forzaitalioti, anche all’udc, che adesso governa la citta’ assieme a Variati (centro sx), che vuole a sua volta ulteriormente cementificare la città (ci sono oltre 7000 appartamenti sfitti!).
      SOLUZIONI: a) non votare b) Votare M5S c) votare Giannino. Tutto il resto è FUFFA!

Leave a Comment