BOSSIANI ALL’ATTACCO CONTRO LA RIFORMA PENSIONI

di REDAZIONE

I bossiani della Lega, per uscire dalla logica dello scontro interno, lanciano la sfida al governo Monti e puntano a raccogliere 50mila firme per chiedere un passo indietro sulla riforma delle pensioni. L’intenzione è di portare l’ordine del giorno al prossimo ufficio di presidenza del parlamento della Padania. Obiettivo: presentare una proposta di legge di iniziativa popolare per “ritornare al vecchio sistema pensionistico”. L’annuncio è venuto ieri sera, all’auditorium piacentino Sant’Ilario, dalla vicepresidente del Senato Rosy Mauro e dal senatore Sandro Mazzatorta, con il presidente federale della Lega Nord Angelo Alessandri, ospiti del convegno “La stangata”, il punto, fortemente critico, sui primi 100 giorni del governo Monti.

Al tavolo anche le anime organizzative dell’appuntamento, Valentina Stragliati e Silvia Testa e il segretario provinciale Pietro Pisani. Tra i presenti anche i parlamentari Massimo Polledri, Giovanni Torri, il consigliere regionale Stefano Cavalli e il vicepresidente della Provincia Maurizio Parma.
“La riforma pensionistica del Governo Monti – ha detto Mazzatorta – si basa su presupposti non chiari. Il primo è quello della presunta insostenibilità finanziaria del sistema precedente – tesi puntualmente smentita dalla stessa UE e da autorevoli studi – e il secondo è l’assunto, falso, che questo sistema contributivo ci tornerà sotto forma di pensioni quanto versiamo; le stime dicono che ne percepiremo solo il 40 per cento, lasciando a Roma il rimanente 60 per cento”.

Il Carroccio passa così al contrattacco, partendo da una regione, l’Emilia, che di recente è stata attraversata da numerose polemiche per come ha operato il “legato”, cioè il commissario, Rosi Mauro, che formalmente adesso non dovrebbe più esserlo visto che il coordinatore delle segreterie nazionali, Roberto Calderoli, aveva annunciato la conclusione del suo mandato sia in Emilia che in Liguria.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

6 Comments

  1. deluso dal pd says:

    vorrei sapere quando si deve firmare . Vorrei vedere banchetti per raccolta delle firme in tutt’Italia contro la riforma delle pensioni e che si possa tornare ai 40 anni di lavoro e 60 anni di eta’ e riportare il retributivo come era giusto prima. OOOOO Leghisti se fate un referendum prendete le redini del paese perche avrete i voti di tutti …spicciatevi……..avrete anche il mio che sono un consigliere comunale del PD(dimesso) molto ma molto pentito.

  2. lobianco says:

    Però a guardarla bene la Roi Mauro non è mica brutta, può piacere, del resto fa parte di quel gruppo di bellezze sopraffine che affiancò Bossi fin dai primi momenti dimostrando che quello era uomo uomo mica fregnacce! Anche un muro andava bene…

  3. Rinaldo C. says:

    io penso che in Emilia ci siano molti iscritti alla lega nord ma un pò molto incompetenti, creduloni e incapaci di ragionare con la loro testa, la badante è pugliese credo, torri è lombardo, alessandri di reggio emilia le altre non le conosco ma se vanno ava nti così si tirano delle bacchettate sul loro corpo (non parlo di cose intime).
    Emiliani leghisti sveglatevi non vedete che i bossiniani, cerco magico sono finiti, cercono solo di attaccare le n uove idee dei veri leghisti che credono alla indipendenza
    dei popoli del Nord Italia, gli altri leghisti sono solo degli arrivisti, dei scalatori di specchi, amano le poltrone offerte da Berlusca c………ne e non capiscono che dopo il processo che è andato in nulla, lui porge il c..o al Fini, a casini e a rutelli per fare una nuova destra e dopo la uscita di scena del Pres. Napoletano di diventare lui presidente dei pirla italianotti. Leghisti emiliani aprite gli occhi è ora di fare un nuovo Movimento leghista , come in lombardia, veneto, friuli, liguria e speriamo che si sveglino anche i piemontesi. scacciamo subito e velocemente questi intrallazatori del cerchio magico MALEFICO, sono da rottamare per fortuna non ci danno niente. MOVIMENTO LIBERISTA EMILIANO.
    Rinaldo

  4. bertipaglia69 says:

    Non state a far storie, leghisti, nominate coordinatore Delrio o Errani che tanto è la stessa cosa e non ste a romper i coglioni!

Leave a Comment