Roncadelle (Bs): povero sindaco che spera nel governo romano

di GIULIO MATTU*

Durante l’ultimo consiglio comunale del 4 luglio scorso ci si era accordati di convocarne un’altro per il giorno 11 luglio per discutere l’adozione di provvedimenti (annullamento dell’introduzione dell’addizionale comunale Irpef) conseguenti il Decreto Interministeriale con il quale sono stati definiti i ciriteri di virtuosità degli enti locali. Oggi 10 luglio 2012 il Sindaco Orlando ha deciso l’annullamento del programmato consiglio comunale, visto che il Governo Nazionale Italiano nei giorni scorsi ha varato un Decreto Legge sulla revisione della spesa ( definito “spending review”, tanto per non farsi capire bene dalla gente comune) nel quale sono stati previsti ulteriori tagli ai trasferimenti ai Comuni pari a complessivi 2,5 miliardi di Euro ( 500 milioni dei quali graveranno già per l’esercizio 2012 in corso, mentre i restanti 2 miliardi diventeranno operativi nel 2013).

Il Sindaco Orlando (PD), oltre ad esprimere il suo sconcerto per questi ulteriori tagli ai Comuni, ricorda che nelle prossime settimane avrà inizio la discussione parlamentare per la conversione in legge del decreto sopra citato, conversione che deve avvenire entro i primi giorni del settembre prossimo; entro allora tutto può succedere (dice il Sindaco): il provvedimento può uscire confermato,modificato in meglio ( il Sindaco Orlando e la sua giunta amministrano il comune di Roncadelle continuando a sperare) o addirittura peggiorato ( la strada è quella finchè si sta ancorati a questo Stato-Sistema Italia in via di decomposizione e totale fallimento).

Visto che il termine ultimo per l’approvazione dei bilanci di previsione 2012 è stato posticipato al 31 agosto, il Sindaco Orlando ha ritenuto opportuno e ragionevole annullare la seduta di Consiglio convocato in prima istanza per l’11 luglio, così da evitare un provvedimento soggetto poi ad ulteriore rivisitazione. Il Sindaco Orlando continuando a sperare resta in attesa di notizie certe per poi riconvocare il Consiglio Comunale e decidere il da farsi. Ricordiamo che il Governo del non eletto Monti è sostenuto e appoggiato a Roma da quasi tutte forze politiche, in primis PD (Pierluigi Bersani) , PDL (Silvio Berlusconi), UDC (Pier Ferdinando Casini) e FLI (Gianfranco Fini) e che le altre forze politiche ora strumentalmente all’opposizione hanno governato per anni a Roma senza ottenere nulla di concreto per noi cittadini lombardi, in primis la Lega Nord e via seguendo l’italia dei Valori.

Tra le altre cose i partiti che sostengono e appoggiano a Roma il Governo del non eletto Monti sono ben rappresentati in questo consiglio comunale dal PD (maggioranza che fa capo al Sindaco Orlando) , dal consigliere del PDL e dai tre consiglieri di FLI.

Come ho già ricordato personalmente in uno scorso consiglio comunale ( dove si parlava del furto della nostra Tesoreria Comunale da parte del sistema centrale italiano ), chi continuò a vivere sperando, risulta che quasi sempre morì c…

BASTA PATTO DI STABILITA’, BASTA ITALIA, BASTA VOLERLO!

LOMBARDIA LIBERA E INDIPENDENTE!

*Consigliere comunale Gruppo Misto-pro Lombardia Indipendenza

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment