Usa, Condoleeza Rice papabile vice di Romney. Rubio outsider

di REDAZIONE

Nel ‘toto-vicepresidente’ per Mitt Romney entra di prepotenza il nome di Condoleezza Rice: l’ex segretario di Stato di George W. Bush ha più volte detto nei mesi scorsi e di recente di non essere interessata, ma l’indiscrezione ora arriva dal Drudge Report, e a Washington viene presa piuttosto sul serio. Il candidato repubblicano alla Casa Bianca ha ristretto la lista con i nomi dei suoi possibili ”vice” e ”quello di Condi Rice è ora tra i frontrunner”, ovvero tra i primi, è scritto da ieri nel sito di Matt Drudge, che non nasconde le sue preferenze repubblicane e che, notoriamente, è in ottimi rapporti con Matt Rohades, manager della campagna di Romney.

La notizia è stata quindi subito presa sul serio e gli altri siti di informazione politica e le tv hanno rapidamente iniziato a commentare l’indiscrezione, rilanciando le informazioni del Drudge secondo cui nei giorni scorsi la Rice ha inviato una e-mail ai suoi sostenitori affermando che ”il 2012 segnerà forse un punto di svolta per gli Stati Uniti”. Ed ha aggiunto: ”Le prossime elezioni si profilano come tra le più importanti nella mia vita”.

Allo stesso tempo, il team di Romney ha lanciato una nuova raccolta fondi dal titolo: ”Un incontro col vicepresidente”, proprio mentre lo stesso Romney ha ridotto ad un pugno il numero dei nomi dei possibili candidati. Tra questi c’e’ senz’altro quello del carismatico senatore della Florida Marco Rubio, come ha di recente confermato lo stesso Romney, sorprendendo tutti. Tuttavia, molti fanno notare che Rubio è molto giovane, e anche che tra gli elettori neri Romney ha un livello di gradimento molto basso (secondo un recente sondaggio, il presidente Barack Obama è all’87 per cento), al contrario della Rice, che ha 57 anni e sarebbe gradita anche all’elettorato femminile.

Un sondaggio della Cnn-Orc ad aprile ha inoltre mostrato che il 26% degli elettori repubblicani sogna il ticket Romney-Rice, il tasso più alto tra tutti i possibili ‘vice’. Tra chi si oppone alla sua candidatura c’è la corrente più conservatrice del partito repubblicano, facendo notare in particolare la sua posizione a favore dell’aborto. A loro però ha prontamente risposto ieri la paladina del tea party Sarah Palin, affermando dagli schermi della Fox tv che tocca al Congresso decidere su temi come l’aborto, e non al numero due della Casa Bianca, e di certo, ha detto, ”Condoleezza Rice sarebbe un magnifico vicepresidente”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment