Roma nulla crea, nulla distrugge e poco produce. Autonomia per la Lombardia!

roma allagatadi ANGELO VALENTINO – Siamo raddoppiati di popolazione dai tempi del Risorgimento. Tutte le città sono almeno il doppio di ciò che erano.

Torino, Milano, e anche Roma. Eppure a  Roma non c’è una industria fiorente. Perché ci si va? Fate voi: veline, Rai, a Cinecittà, un tempo anche Alitalia, poi consulenti, portaborse…. Roma è la sola città che ha l’eterna vocazione a fare la capitale: dell’Impero, dei Papi e della Repubblica italiana.

Prima c’era il Colosseo e le feste, poi sono arrivati i Papi e la solfa non è molto cambiata. Un bordello sacro e profano. E oggi? Spaccia ancora indulgenze da Montecitorio e Palazzo Madama. Non è cambiato niente.

Scriveva Garibaldi: «La corruzione dei pubblicisti, nei plebisciti, nei collegi elettorali, nella Camera, nei ministeri, nei tribunali (…) fu alzata a sistema di governo»), non i fascisti padani impaltati nel Tevere, non il Vento del Nord del 1945.

Scriveva nel 968 Liutprando, vescovo di Cremona, all’imperatore Niceforo Foca come l’epiteto di “romano” fosse presso la sua gente il peggiore degli insulti, perché comprendeva «ogni idea di ignobiltà, avarizia, lussuria, menzogna e di ogni altro vizio» («quicquid ignobilitatis, quicquid avaritiae, quicquid luxuriae, quicquid mendacii, immo quicquid vitiorum est»).

Pure Mussolini, nella sua fase di uomo di sinistra e di popolo, ammetteva nel 1910 che  «Roma, città parassitaria di affittacamere, di lustrascarpe, di prostitute, di preti e di burocrati, Roma – città senza proletariato degno di questo nome – non è il centro della vita politica nazionale, ma sibbene il centro e il focolare d’infezione della vita politica nazionale (…). Basta, dunque, con lo stupido pregiudizio unitario per cui tutto, tutto, tutto dev’essere concentrato in Roma – in questa enorme città-vampiro che succhia il miglior sangue della nazione».

 

Il 22 ottobre andiamo a votare per l’autonomia della Lombardia? E’ il primo passo per disintossicarsi.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Leave a Comment