Regione Lazio: Ipad pagati il doppio e monitor anche il triplo

di TONTOLO

Credo di averlo letto su questo quotidiano: “Tutto quello che il governo tocca si trasforma in merda”. Un aforisma attribuito a tale Ringo Starr, ex intramontabile Beatles. Leggendo la notizia tratta da www.today.it, beh, è impossibile dar torto all’ex batterista.

Ve la riporto: “Un iPad pagato 1759,20 euro invece dei consueti 799: chi è lo sprovveduto acquirente? Il Consiglio regionale del Lazio che, secondo quanto riporta Il Fatto Quotidiano, si è contraddistinto in tutto il 2011 in spese folli, non per la tipologia degli acquisti, ma per i prezzi pagati, spesso pari al doppio o più di quelli di mercato. La scoperta viene fatta sfogliando l’inventario dei beni acquistati l’anno passato nel Consiglio Regionale del Lazio allegato al conto consuntivo dell’esercizio finanziario del 2011. L’inventario sarebbe aggiornato ad aprile 2012 e i prezzi degli oggetti acquistati sono da capogiro. Così i monitor da 19 pollici in uso nelle stanze del Consiglio: pagati 210 euro (modello Asus led), contro il prezzo medio di circa 82 euro che è possibile trovare con una ricerca online. Stesso discorso per le stampanti modello “Oki B431DN” ordinariamente in commercio a 248 euro e pagate dalla regione 390. Niente affari, ma nuovi sprechi in materiali tecnologichi con l’acquisto degli scanner modello “Hp scanjet 1000” pagati 324 euro invece che 188 come prezzo di listino. I prezzi altissimi non sono stati pagati solo per apparecchi tecnologici, ma anche per quadri d’autore, senza nome dell’autore nell’elenco, così come per i divani in ecopelle o i frigobar”.

Chissà quanto pagano le Apecar per gli spazzini a Roma. Chiederò a Fiorito, che visto che si vuole ricandidare saprà come sono andate le cose.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. LOT says:

    Naturale: hanno copiato dalla Minetti!

    Avete sentito ieri sera? Stanno preparando una legge (dicasi espediente) per evitare che certe notizie possano girare, e stanno anche preparando un controllo telefonico per cui non ci si potrà più scambiare notizie anche se vere pena denuncia… a che caxxo serve allora dire “la legge è uguale per tutti?” Il solito bavaglio…

    Avete letto la dichiarazione di maggio di Nigel? Stanno preparando la dittatura (e sono un po’ di anni che lo sostengo e pubblico)
    http://www.informarexresistere.fr/2012/05/17/nigel-farage-tenteranno-di-instaurare-una-dittatura/

  2. Dan says:

    Tanto i soldi che scuciva non erano i suoi.
    Qualche anno fa quando cercavo casa nell’astigiano sono arrivato in un certo comune ed ho chiesto: ma qui siete raggiunti dall’adsl ? Loro: Sì, noi sì.
    Piccola indagine aggiuntiva e cosa scopro ? Che “noi sì” significava, “noi del comune”: mentre il resto delle case non sapeva neanche cosa fosse internet. I furboni s’erano fatti il collegamento niente po po di meno che satellitare !
    Roba da svariate centinaia di euro al mese contro le poche decine di un’adsl terrestre

Leave a Comment