Roma è sicuramente ladrona, ma la Milano di Maroni non scherza!

di CLAUDIO BIZZOZERO*

Se qualcuno cerca un sindaco veramente civico e veramente (ma veramente) incazzato coi partiti (tutti, vecchi e nuovi), con Roma e con la Padanissima Regione Lombardia, venga a farsi un giro a Cantù. Vorrei spiegarvi il perché di tanta (ma tanta!) incazzatura. Ieri (mercoledì 17 luglio) sono stato a Milano, su invito del Presidente Maroni, per assistere alla presentazione (in realtà una farsa preconfezionata) dell’Accordo fra Regione Lombardia, ANCI Lombardia e Unione Province Lombarde, relativo al c.d. patto di stabilità territoriale 2013.

In buona sostanza Regione Lombardia ha comunicato ai Sindaci quale sarà l’aiuto finanziario che darà ai diversi Comuni lombardi per “aiutarli” a rispettare il patto di stabilità (ossia le condizioni capestro poste dallo stato ai comuni). Un nutrito gruppo di sindaci leghisti (con tanto di cravatta verde al collo) si è profuso in sperticati complimenti rivolti al presidente Maroni. Personalmente ho criticato le scelte di Regione Lombardia, la qual cosa mi ha fatto guadagnare i fischi di vari sindaci leghisti. Qui di seguito riporto i dati che ci sono stati comunicati. GIUDICATE VOI!

Lo scorso anno l’aiuto che Cantù ricevette dalla Regione (allora guidata da Roberto Formigoni) fu di 866.706,28 euro. Quest’anno l’aiuto che riceveremo dalla Regione guidata da Roberto Maroni è di 238.816,00 euro. QUASI QUATTRO VOLTE MENO!!!!! Dovrei essere contento di questo e ringraziare il presidente Maroni come fanno i sindaci leghisti? Maroni sostiene che la riduzione è dovuta al fatto che quest’anno debbono aiutare anche i comuni piccoli (che fino all’anno scorso non dovevano rispettare il patto di stabilità) ed in più il comune di Milano. Io dico che se il numero di comuni da aiutare è aumentato, allora Regione Lombardia deve impegnarsi di più e mettere più soldi a disposizione (magari cominciando a risparmiare sui costi dei consiglieri regionali e delle infinite macchine blu regionali).

Tanto più che (E’ BENE RICORDARLO A CHI NON LO SAPESSE) la Regione incassa dalle tasse che impone a noi lombardi l’incredibile cifra di 18 MILIARDI 802 MILIONI 714 MILA EURO! Non dico che debba restituire ai comuni il 75% di questa iperbolica cifra (come Maroni ci aveva fatto credere in campagna elettorale) ma almeno il 10% ce lo vuol ridare o no? Il che vorrebbe dire 1 MILIARDO 880 MILIONI e rotti! Ossia 200 euro per ogni cittadino lombardo. E invece ce ne restituisce, per aiutarci a rispettare il patto capestro, 212.638.042,72 euro, ossia poco più di 20 euro per abitante, quasi 10 volte meno! in altri termini: ELEMOSINA!!! Ma la Lega non era contraria all’accattonaggio?

Ma chiediamoci: dove finisce il resto di questa montagna di più di 18 MILIARDI di euro? Nelle cene e nei codazzi di vassalli e portaborse che accompagnano il Presidente in ogni suo movimento? Oppure negli enormi costi di mantenimento del mega palazzo Regionale? O chissà in quale altro sperpero dei nostri soldi? Inoltre mi chiedo: come mai il mio comune (40.000 abitanti) riceve da Regione Lombardia 238.816,00 euro, mentre il comune di Corteno Golgi (2100 abitanti) ne riceve 561.306,04; il comune di Sonico (1300 abitanti) 677.206,40; il comune di San Pellegrino Terme (5000 abitanti) 600.000; il comune di Edolo 4.500 abitanti) 657.767,73; il comune di Basiano (3700 abitanti) 680.724,46; e il comune di Ponte di Legno (1800 abitanti) ne riceve (UDITE, UDITE!!!) 2.267.724,57???

Io, naturalmente, non ho niente contro questi comuni che fanno tanta fatica quante ne facciamo noi, però alla luce dei dati trovo i criteri di distribuzione quantomeno inadeguati allo scopo di distribuire equamente la somma stanziata. Dunque la domanda è semplice: non sarà che Regione Lombardia (presidente leghista Maroni, con tanto di cravatta verde persino nelle riunioni ufficiali ed istituzionali) insieme ad Anci Lombardia (presidente leghista Fontana) avranno forse toppato qualche criterio di distribuzione??? A questa domanda i leghisti rispondono coi fischi (e come potrebbe essere diversamente?). Io gradirei spiegazioni più razionali, che naturalmente non danno.

MORALE: Roma è certamente “ladrona” ma anche la Milano di Maroni non scherza!!!

Io non porto la cravatta di nessun colore, mi limito a difendere gli interessi della mia città e se questo mi procura i fischi dei sindaci leghisti poco mi importa. A me basta che ad applaudirmi siano i miei concittadini. Io non ho un partito da difendere, devo solo difendere la mia città! Sono quindi disposto a fare i complimenti a chiunque faccia l’interesse del mio comune ma in questo caso Maroni non l’ha fatto e a dirlo non sono io ma i dati che Regione Lombardia ci ha comunicato.

*Sindaco di Cantù

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

13 Comments

  1. Gian says:

    e aggiungo: il problema per te non è chi ti obbliga ad un patto capestro come tu stesso lo definisci, ma chi ti aiuta a rispettarlo… hai veramente capito tutto.
    Se poi ti aiuta di meno perchè ci sono più comuni su cuo ripartire i fondi e perchè quest’anno anche Milano va in rosso, per te è colpa di Maroni, non di Pisapia… già forse perchè tu fai parte del coordinamento per la Pace e Pisapia va alla biciclettata per la Pace… scusa, cosa dicevi delle cravatte verdi???

  2. Gian says:

    Bizzozzero lascia perdere, non venire a raccontarci queste cose che non stanno né in cielo né in terra, non prenderci per il sedere.

    ti ripeto non prenderci per il sedere, perchè Cantù ha 40.000 abitanti, ogni anno ogni tuo concittadino versa in tasse a roma 6.000 euro in più di quanto riceva in servizi, in totale Cantù perde 240.000.000 euro ovvero 240 MILIONI di euro all’anno e tu di questo non dici nulla, non scrivi articoli sull’italico furto che subiamo da decenni, ma vieni qui a parlarci di 600.000 euro: ma veramente pensi che ti si possa prendere sul serio? Ma veramente credi di difendere i tuoi concittadini con questa manfrina? Ma non ti vergogni? Se veramente ritieni che roma sia ladrona, come dici, perchè il tuo nome non compare qua?
    http://www.color44.org/dblog/pagina.asp?T=home

    In ogni caso se hai dei problemi sui criteri di ripartizione dei fondi, invece di scrivere articoli inutili chiedi chiarimenti ai funzionari della regione e fatti spiegare come funziona il meccanismo. Se poi trovi che il tuo comune è stato ingiustamente penalizzato puoi sempre agire legalmente in mille modi invece che venir qui a raccontarci queste piccolezze per farti bello, per fare il Renzi del comasco, che poi finisci che ti si deve anche spiegare come fare il sindaco. Ma a te interessava solo fare della polemica politica…

  3. Cogito says:

    “mentre il comune di Corteno Golgi (2100 abitanti) ne riceve 561.306,04; il comune di Sonico (1300 abitanti) 677.206,40; il comune di Edolo 4.500 abitanti) 657.767,73; e il comune di Ponte di Legno (1800 abitanti) ne riceve (UDITE, UDITE!!!) 2.267.724,57???”

    (ho epurato i comuni estranei alla Valcamonica)

    Questi comuni sono tutti “nemici” della lega, sconfitta alle amministrative o addirittura non presente nella competizione e nonostante questo, hanno ricevuto molto più denaro dei comuni “amici” della lega…. trasversalità dei camuni eletti nel carroccio?
    a voi l’ardua sentenza.

    • Gian says:

      io aggiungo che San Pellegrino Terme non hai mai avuto un sindaco leghista… basta questo per far cadere ogni sospetto e capire come Bizzozzero voglia fare propaganda politica.

  4. Franco says:

    Signor Bizzozero….lasciamo perdere va, spero che i suoi concittadini la prossima volta stiano un po’ più attenti quando sceglieranno il nuovo sindaco

    • Giacomo Consalez says:

      Bizzozero è un ottimo sindaco. Il migliore degli ultimi 20 anni. Non che ci volesse molto: prima c’erano i seguaci di bossi, maroni e calderoli…

  5. franco says:

    Roma, tramite le tasse più alte d’Italia, dà all’amministrazione centrale più di quello riceve, dati disponibili ovunque, da istat ad eurostat. Cantu’ cosa dà alla Lombardia? Direi che tra Roma, Milano e Cantu’ è quest’ultima ad essere ladrona.

  6. Giacomo Consalez says:

    Bizzozero e i suoi (Lista Lavori in Corso, un esempio da studiare nei dettagli) hanno scalzato i leghisti dal governo di un feudo che i leghisti detenevano dai primi anni 90. Non dico altro.

  7. Diego Tagliabue says:

    Siamo alle solite.

    Caro signor Bizzozzero,

    La capisco benissimo e le propongo di ricordare alla dirigenza leghista (così come ai sindaci militonti), che in Fallitaglia esiste un patto di parassitismo e non di stabilità.

    Un patto di stabilità vero e proprio è parte integrante di quel federalismo reale, comune ai vicini di casa europei (con o senza Euro) e basato su piena autonomia, piena responsabilità e limite di debito (costituzionalità della legge finanziaria per Länder/cantoni, aiuti solo previo piano di risanamento con tagli strutturali alla spesa pubblica ecc.).

    Senza questo carattere, il patto di “stabilità” è semplicemente la conferma del transfer di capitali a senso unico cittadino->Stato, ente locale -> Stato centrale.

    Cordiali saluti

    Diego Tagliabue

  8. Alberto Lusiani says:

    I numeri citati nell’articolo significano molto poco. Roma e’ ladrona perche’ ad ogni lombardo prende circa 3500 euro per fare spesa pubblica discrezionale e comperare voti dove sono piu’ a buon mercato, fuori della Lombardia, e questo in aggiunta alla solidarieta’ massima ammissible dovuta al maggiore reddito pro-capite, secondo i calcoli di Luca Ricolfi. Quanto prende la Regione per abitante del comune di Cantu’ e quanti ne restituisce con finanza di trasferimento e con servizi agli stessi cittadini? Poi va anche considerato quanto vicino e con quale efficienza gli eventuali residui fiscali vengono spesi.

    • Gian says:

      sono molti di più, sono 6000 euro i soldi sottratti ad ogni lombardo, che moltiplicati per 9 milioni di persone fanno 56 miliardi all’anno sul totale di 90 miliardi all’anno che ci smena la Padania nel suo complesso.

  9. Dan says:

    “mentre il comune di Corteno Golgi (2100 abitanti) ne riceve 561.306,04; il comune di Sonico (1300 abitanti) 677.206,40; il comune di San Pellegrino Terme (5000 abitanti) 600.000; il comune di Edolo 4.500 abitanti) 657.767,73; il comune di Basiano (3700 abitanti) 680.724,46; e il comune di Ponte di Legno (1800 abitanti) ne riceve (UDITE, UDITE!!!) 2.267.724,57???”

    Ipotesi: qualche tempo fa c’era stata una replica di un servizio di report del 2008 dove si denunciava che i comuni avevano sottoscritto contratti capestro con le banche basati sui derivati.
    Questi contratti sostanzialmente facevano sì che la giunta che li aveva sottoscritti otteneva dei guadagni di un certo rilievo poi, passavano un po’ di anni e le cose si ribaltavano drammaticamente quasi a rimetterci il doppio di quanto si era guadagnato in precedenza.
    Giocando la cosa con un po’ di furbizia si poteva letteralmente far ereditare alle successive giunte magari di partiti avversari un bel po’ di merda aggratisse senza che questa apparisse neppure a bilancio.
    Le giunte che quindi ereditavano il papocchio potevano scegliere se bombardare di tasse la gente per chiudere la pratica (senza tra l’altro poterci mangiare sopra causa coperta veramente troppo corta) o rinegoziare il debito, praticamente ulteriormente raddoppiandolo.
    Chiediamoci quindi questo: chi ha guidato questi comuni in passato e chi li guida adesso ?
    Allo stato attuale un comune in difficoltà perchè il giochino è andato di traverso può ancora far spalmare il debito o deve per forza rientrare ?
    Tanti dubbi, tanti perchè, una sola certezza: il piciu pantalone lombardo pagherà anche questo.

    • Marco says:

      Prima di Bizzozero c’era la leghista Tiziana Sala che ha governato per due mandati. Comunque ho 21 anni, e da quando mi interesso di politica a Cantù ho sempre visto la Lega.

Leave a Comment