A Roma chi sbaglia non paga. E lo coprono d’oro

di REDAZIONE

A Roma non funziona nulla, ma chi sbaglia percepisce stipendi d’oro. Non passa giorno senza che i cittadini subiscano guai per il pessimo funzionamento dei servizi erogati dal Comune. Trasporti, rifiuti, scuole, tanto per fare qualche esempio. Arrivare in tempo con un mezzo pubblico è una scommessa, i blocchi di metropolitana ed altri mezzi pubblici sono quotidiani.

La vera notizia è quando le cose vanno per il verso giusto. Sono imbufaliti i cittadini, ma anche i lavoratori per le precarie condizioni in cui operano. Gli unici a non subire conseguenze negative da questo disastro sono i responsabili delle società comunali che producono questi disastri perché, in compenso, percepiscono stipendi d’oro.

E’ accettabile che la retribuzione più alta (763.000 euro annui) sia riconosciuta ad un dirigente dell’Atac? Il dilemma che si presenta a tale riguardo è se i disservizi avvengono a loro insaputa o sono state sbagliate le scelte operate dal Comune. I candidati delle prossime elezioni si preparino seriamente su questi temi perché verranno giudicati dai cittadini per le soluzioni concrete che proporranno e non per le chiacchiere da salotto. La nostra Associazione sarà inflessibile al riguardo.

di Simonetta Cervellini, Presidente della Federconsumatori Lazio

http://affaritaliani.libero.it

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. Gianmaria says:

    A me sembra un po’ il cane che si morde la coda. Gli stessi cittadini che quando indossano la giacca da fruitori di servizi pretendono tutto perfetto, poi quando si mettono la giacca di erogatori di servizi se ne fregano altamente del loro dovere. E’ sotto gli occhi di tutti lo spettacolo indecente in cui in particolare versa il sud d’Italia (ma anche il centro e il nord non scherzano). Il sud è ormai una discarica a cielo aperto. I rifiuti vanno smaltiti correttamente ma la prima regola è non gettarli per la strada sui campi, sui monumenti, nei canali, dappertutto. E magari chi ce libutta, il giorno dopo con la casacca da spazzino invece di andare a lavorare và al bar ad oziare a sbafo.Questo solo per dire che di gente che sbaglia e non paga ce n’è parecchia in giro. Il dirigente fà notizia solo perchè guadagna molto, ma non credo sia lui che da solo ha insozzato mezza Italia. Lo stesso vale per i mezzi pubblici dove credo si annidi un bell’esercito di raccomandati che i dare un buon servizio non gli importa nulla. Il dirigente licenziamolo pure ma non illudiamoci di avere risolto il problema.

  2. Franco says:

    Invece di prenderli a calci e licenziarli senza liquidazione,vengono premiati per incapacità.Più fanno danni e più incassano.Ma non è ora di finirla?

Leave a Comment