Rivolta del 9 dicembre, Chiavegato: “Signor Questore controlli i veri farabutti”

di LUCIO CHIAVEGATO

Egregio Signor Questore di Verona, Le scrivo a mente fredda, volevo farlo già ieri ma ho preferito attendere una breve riflessione. Ieri suoi uomini, mi dicono, in quanto in borghese e senza alcun tesserino di riconoscimento, durante la nostra riunione erano nel piazzale antistante a raccogliere le foto delle targhe dei partecipanti alla grande assemblea democratica per il 9 Dicembre. Volevo avvisarla che oltre alle nostre auto, c’erano anche auto di genitori che portavano i bimbi al vicino tennis oltre che di persone che vanno a fare footing li vicino, non vorrei mai che irrompesse a casa di pacifici cittadini!
Ma la cosa che più ci tenevo a dirle è un’altra. So che è arrabbiato perché “suoi” uomini sono stati fotografati e pubblicati su network e blogs vari. Come le ripeto, essendo loro in borghese, in un luogo pubblico, privi di alcun distintivo o tesserino, sono normali cittadini in luogo pubblico e a vederl i gironzolare attorno alle nostre auto hanno fatto preoccupare qualcuno di noi. Sa, ogni giorno furti nelle case, auto rubate, personaggi strani che se ne vanno in giro per i nostri paesi… la gente sospetta e si preoccupa!
Io non ho domande da farle, capisco la sua posizione e il retaggio culturale, oltreché indottrinamento alle istituzioni che lei ha avuto e che ha, volevo solo dirle che ieri in quell’assemblea c’erano: madri, padri, nonni, figli, artigiani, commercianti, agricoltori, lavoratori, pensionati, studenti, disoccupati ecc. Insomma tutta gente che non fa di professione il terrorista e l’anarchico eversivo, ma semplici persone che si sono rotte e stufate di lavorare per pagare e per essere controllate come polli di allevamento. Si insomma la maggioranza della gente che abita in questa bella penisola ed isole. Capisco che lei debba ubbidire o che sia stata una sua iniziativa per mostrarsi come fedele collaboratore dello Stato, io capisco e non cerco di dissuaderla dal suo operato, ma mi lasci dire che siete sull’orlo del ridicolo. Un comportamento del genere le posso assicurare non viene nemmeno utilizzato dalla polizia Russa, di cui ho la massima stima per efficienza e affidabilità nel reprimere la delinquenza, e cosa ancor più ridicola è l’inutilità di questa operazione.
Come ha detto Mariano Ferro, le targhe le dovete prendere ai meeting del PD, PDL oltre che di altri partiti, sindacati e associazioni di categoria dove lì toverete macchine ben più costose e di proprietà di personaggi alquanto sospetti e loschi. Là potrete trovare, tangentari, corrotti, corruttori, ladri, maniaci e trafficanti ed un bel controllo di targhe vi farebbe mandare in tilt il computer!
Vede, noi, il 9 Dicembre andremo in piazza per cambiare questo sistema, questa classe politica, queste sue “istituzioni” ormai marce di corruzione, favoritismo, burocrazia inutile e dannosa a tutti noi. Noi non siamo una banda di disperati, noi siamo quelli stufi di lavorare per mantenere una miriade di fannulloni strapagati per fare una bella vita agiata alle spalle nostre. Vede, nulla di strano, una semplice risposta a tanti anni di prese in giro, di false promesse, di inutili tentativi di discussione con loro e voi. Le persone hanno perso la fiducia, ma la dignità no, proprio per questo ci stiamo muovendo, per salvare il nostro futuro e dei nostri figli. ORA IL LIMITE DELLA DECENZA E DELLA SOPPORTAZIONE E’ STATO ABBONDANTEMENTE SUPERATO.
Noi siamo stufi del sistema, stanchi di lavorare inutilmente solo per pagare e di un futuro sempre deciso da persone che dovrebbero almeno vergognarsi di ciò che hanno fatto, o da persone che dovrebbero essere quantomeno in galera. Caro Questore, risparmi le spese, mandi i suoi uomini dove le abbiamo suggerito noi, li mandi a controllare anche le nostre case che sono frequentemente “visitate” da non desiderati ospiti, l’utilità sarebbe decisamente superiore.
Comunque il 9.12.2013, di targhe ne vedrete molte, molte di più. Ora voglio darle una mano nella spending review, le metto anche questa targa che mancava ieri alla vostra collezione, e invito tutti a postare la propria targa così eviterete di impiegare validi uomini per questo deprimente lavoro. La saluto, ci vediamo il 9 Dicembre.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

15 Comments

  1. MIGOTTO SANDRO says:

    ti racconto un aneddoto Lucio….
    questa estate, precisamente una domenica, il 18 agosto organizzai con altri la ricorrenza del martirio di Bragadin (che cadeva il 17 agosto) in una Chiesa intitolata a San Marco, in quel di Corbolone, piccola frazione del Comune dove abito; tutto avvenne con qualche telefonata e un giro su un social network (Chiedi a Dario, diede una grossa mano…)

    Con l’autorizzazione del prete, un personaggio che vale la pena conoscere, dalla porta principale, sotto lo sguardo attonito dei fedeli parrocchiani convenuti alla Messa domenicale, come si usa nei piccoli paesi, entro’ la Milizia Real; segui’ una incredibile omelia del prete che difese la storia delle Serenissima e auspico’ la via dell’autodeterminazione. Con altri 20 preti cosi’ in sei mesi saremmo indipendenti….

    La cosa che mi sconcerto’ fu che fummo fotografati e ripresi dalla Digos; Addirittura offrimmo loro un caffe’, chiedendogli la motivazione della loro presenza ad una Messa…. Poi, li prendemmo amabilmente per il culo, chiedendogli se non avessero preferito stare di domenica con la loro famiglia, invece di fotografare un centinaio di persone che andavano alla messa…. peraltro in quel preciso momento, il loro capo, che guadagna il doppio di quanto guadagna il capo della CIA probabilmente era a Capri o Portofino a spassarsela….. Non mi sembrarono molto contenti.

    per quanto sopra ti ho scritto, comprendi bene che a questo di tipo di minaccia stile KGB si risponde con il sorriso; li disarma. Anche quei poveri cristi in divisa da 1300 euri al mese ne hanno le balle piene.

    • Dan says:

      Se hanno veramente le balle piene devono solamente mettersi di lato e lasciar scorrere il fiume della libertà, altrimenti verrà il giorno che finiranno come gli argini di una fogna.

  2. La sentenza del processo di Norimberga aveva in sé un messaggio chiaro: il soldato DEVE rifiutarsi di eseguire un ordine sbagliato e crudele. I criminali nazisti si difesero adducendo la scusa di aver eseguito degli ordini ma furono condannati ugualmente da una corte internazionale sicuramente qualificata ed illuminata.
    Chi vuole intendere lo faccia.

    • luigi bandiera says:

      Massetti,

      Si. Rifiutarsi agli ordini militari (a quei tempi era vietato il rifiuto…) che bello che sarebbe… ma se un sindaco o un cittadino qualsiasi si rifiuta di eseguire gli ordini impartiti dalla legge dell’occupante in specie che fine fara’..?

      La legge segue l’andazzo del diritto romano e cioe’ che si applica contro il nemico e si ignora per l’amico. (Vedere anche come gira in italia).

      Cosi’ successe a Norimberga e non solo.

      Se le due bombe tomike le avessero sganciate i tedeschi (non intendo difenderli, anzi…) sarebbero stati condannati gli esecutori e i mandanti oppure no..?

      Che pagina triste quella dei tribunali a pro vincitori di cui gli amiconi assolti sempre perche’ il tribunale e’ sempre di parte. DALLA PARTE DEL VINCITORE per l’appunto.

      PREGHIAMO

  3. luigi bandiera says:

    Me vien inamente el film UOMINI CONTRO quando el capitan (G.M.Volonte’) se volta e se rivolge ai so omeni sigando: “…BASTA… il nemico e’ quello la’ (rivolto al generae talian)… non sono i soldati con la divisa austriaca detti nemici …” (Circa).

    Ebbene, pare, leggendo i FATTI e gli scritti, che siamo in piena PRIMA GUERRA MONDIALE.

    Infatti, ci fanno vedere un nemico che non esiste: il popolo veneto non e’ il nostro nemico perche’ SIAMO NOI..!!

    Il VERO NEMICO e’ l’OCCUPANTE che ci sfrutta e ci sottomette usando i suoi demokratici strumenti o armi. Per esempio l’ARMA della PSICOLOGIA.

    Proprio cosi’, e’ da far socioterapia sia nei confronti del nemico e sia nei confronti dei nostri ancora molto indottrinati al trikolore e quindi tenuti nell’ignoranza tout court per ovvie ragioni. Diventando cosi’ nemici di loro stessi.

    Facciamo emergere la VERITA’ per non essere piu’ UOMINI CONTRO..!!

    E va ben, a volte per magna’ si abbraccia anche un servizio apparentemente legale. Si puo’ capire…

    I nostri nemici pero’, sono da sempre questi:

    I BRIGANTI, I RAPINATORI e I MANTENUTI..!

    PREGHIAMO

  4. patrizia says:

    Al questore ..il peugeot rosso che ieri avete fotografato e’ di una signora di 77 anni che stufa di vivere con 489 euro al mese ha deciso di scendere in piazza il 9 di dicembre nonostante l’eta avanzata sara in strada………………………
    Chissa magari chissa sotto queste spoglie di nonnina di 77 anni in verita si cela una terribile entita terroristica e anarchica………………
    Patriza Badii

    • Dan says:

      L’ultima persona coraggiosa che ha preso il fucile ed ha sparato contro l’ufficiale giudiziario che voleva buttarla fuori di casa era stata proprio un’anziana.

      I giovani parlano, gli anziani fanno.

  5. lory says:

    probabilmente i Giannizzeri controllano anche questo giornale .

  6. Ben dito Lucio!
    Tuti li polisioti, CC, finansieri e altro li va somexà o fotoxgrafà e piovegà … ke tuti li veda.
    Gnente ga da restar sconto.
    Naltri e la nostra xente li xe la roba pì sagrà ca ghè e no ghè stati o omani de stato ke li tegna e li posa superarli en sagraletà.
    L’aotoretà vera e boma se la nostra xente e no el stado talian.

  7. Veritas says:

    Gran bella lettera! Complimenti all’autore.

  8. alessandro says:

    DG572BS marito
    AV324AM e moglie

  9. Massimo says:

    Io la macchina ho dovuto venderla. Farò casino a piedi.

  10. Get Smart says:

    “L’ombra di Kukulkàn” prende spunto dalla celebre profezia Maya, per diventare la storia di un viaggio di crescita e formazione, un viaggio metaforico e reale, verso le nostre origini.

Leave a Comment