Renzo Bossi rubato ai campi, lì è tornato: ora fa l’agricoltore

di TONTOLO

“Non ho bisogno di vivere con la politica, la politica si fa anche nei bar, ora faccio l’agricoltore”. Cosi’ Renzo Bossi, conversando con i giornalisti al termine del funerale del senatore leghista Cesarino Monti. L’ex consigliere regionale lombardo, che non partecipava ad incontri pubblici dalle sue dimissioni, in seguito allo scandalo sui rimborsi elettorali del movimento, e’ arrivato a Lazzate, in compagnia del fratello minore Sirio Eridanio. “Sono venuto qui per Cesarino”, ha spiegato Renzo Bossi. “Era un amico, un combattente, mi ha sempre trattato come un figlio”, ha ricordato.

Erano braccia tolte all’agricoltura, le sue. Ora vi son tornate…

I funerali di Cesarino, si diceva… Roberto Maroni e Umberto Bossi hanno assistito seduti fianco a fianco, e parlando spesso tra loro, e al termine della funzione, fuori dalla chiesa, si sono scambiati anche una stretta di mano e pacche sulle spalle, prima di partire ciascuno con la propria auto. Tra i due non e’ mancata anche qualche battuta affettuosa. A Bossi, che non si ricordava il nome di una militante che si era avvicinata a salutarlo, Maroni ha detto scherzando che ”sta perdendo colpi”. Al termine della cerimonia religiosa la bara del senatore e’ stata portata sulla piazza a fianco alla chiesa dove i figli e alcuni amici del sindaco scomparso si sono trattenuti per ricordare Monti con dei brevi discorsi. Prima della partenza per il cimitero la bara e’ stata quindi salutata dalla banda che ha intonato il ‘Va’, pensiero’ di Giuseppe Verdi.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

10 Comments

  1. Berry says:

    Sapete quanti ragazzetti maroniani-barbari con la terza media seggono in parlamento o sono stati nominati dal nuovo “leader” responsabili sono peggio del Trota…?? Non ne avete idea…. Andatevi a leggere i loro curricula….

  2. Ugo says:

    Io dubito che riesca a fare l’agricoltore. Mica é una cosa semplice…ci si alza presto al canto del gallo e si va a nanna stanchi stenchi al tramonto. Francamente non ce lo vedo. . é più figo fare altre cose…che so…. il consigliere regionale…. Comunque diamogli fiducia e vedremo …

    • Dan says:

      Per come stanno andando le cose qui in italia, soprattutto per come sta non reagendo la gente, non ho problemi a vedere la trota tra qualche anno infilata di soppiatto in parlamento

  3. Entità sempre vigile says:

    Vorrei riportarvi la seguente notizia di una impresa schiavista e truffaldina..’LA NESTLE’ PERUGINA, PROMETTE ASSUNZIONI AI FIGLI SE I PADRI LAVORANO MENO, E QUINDI COSTANO ANCORA MENO IN STIPENDIO NETTO PER L’AZIENDA’
    Siamo arrivati a dei livelli ridicoli di aziende che hanno un fatturato mondiale enorme…non solo italiano… Io vi suggerisco di BOICOTTARE I PRODOTTI DELLA NESTLE’ in modo che l’azienda possa mangiare mer…
    Ti ricattano di guadagnare poco e propongono il NEPOTISMO tra schiavi..quindi non solo concorsi truccati (TUTTI), non solo nel pubblico anche nelle aziende su larga scala si fanno queste abominevoli azioni illegali (in un paese civile che non siamo). E tutti stanno zitti..tutti obbediscono….Che schifo l’Italia..un paese fondato dalla Massoneria nel 1861 grazie all’invasore Giuseppe Garibaldi..complimenti…ho un rigurgito intestinale non da poco…

    • Lorenzo says:

      Purtroppo il problema non sono le cosiddette multinazionali ma i consumatori.
      Il consumatore è il soggetto più spregiudicato della nostra epoca, sceglie i prodotti unicamente in base al prezzo senza curarsi di cosa ci sta dietro.
      Il problema dunque non è la Nestlé ma la casalinga che va a fare la spesa. E i più spregiudicati sono proprio quelli che vengono considerati le fasce più deboli.
      Una persona benestante o che non ha problemi economici può permettersi il lusso fare acquisti “etici”.

    • Dan says:

      Guarda, la truffa è come una malattia: parte da qualcuno, si diffonde come un virus e chi la prende fa di tutto per non essere l’ultimo della serie.
      Il comportamento di nestlè è deprecabile ma il male viene da più in alto.
      Pensa se avesse minacciato direttamente di chiudere baracca se i dipendenti non avessero accettato delle condizioni peggiori.

    • elisa says:

      nestlè-perugina… io non la vedo una cosa fuori dal mondo anzi non mi dispiace…!!

  4. Braveheart says:

    Renzo Bossi è stato rubato ai campi e li è ritornato….
    Prima o dopo nella vita tutti hanno quello che si meritano

    Quanti Barbari Rampicanti MARONITI attaccati alle cadreghe della Lupa Romana molto presto dovranno tornarci ????

    La Isabella Votino stà già preparando le liste…

    • robertino pilli says:

      l’ira della glande Isabella ti colpirà senza alcuna pietà. Non si scherza con la rivoluzione e il cambiamento, chi doveva andare a casa è già andato e lei non fa liste. Le basta una alzata di sopracciglio per determinare un destino!

  5. Dan says:

    Renzo Bossi e la campagna… chissà se qualcuno gli ha dovuto spiegare la differenza tra le tette della vacca ed i coglioni del toro… magari il toro stesso…

Leave a Comment