Renzi: il centro chiama il nord. Il nord tace.

matteo_renzi-638x425di SERGIO BIANCHINI – Anche le primarie del PD hanno confermato il distacco tra sud e centronord dell’Italia. Il nuovo attivismo del centro Italia rappresentato da Renzi è visto con grandissima ostilità dai centri del potere tradizionale che da 40 anni si basa sull’alleanza del centro col sud in funzione della spremitura fiscale del nord e della distribuzione al centrosud di enormi risorse.

La scelta di schierarsi col meridionalismo e di farlo diventare la vera e quasi unica guida della sua azione nacque nel Partito Comunista all’inizio degli anni 70.

Si erano appena attuati i moti fascisti di Reggio Calabria e le bombe di piazza Fontana avevano gettato il paese in uno stato di angoscia e di profonda instabilità. Ma nonostante tutto il PCI non riusciva a diventare egemone al nord. Si svolse allora una violentissima lotta al suo interno tra coloro che volevano appoggiare l’innalzamento dello scontro sociale all’interno delle fabbriche e delle scuole e coloro che, temendo le nefaste conseguenze già ben visibili di questa opzione, operavano per un compromesso ed una spartizione del potere con la Democrazia Cristiana.

Il compromesso storico sancì la vittoria definitiva di questa linea e il riposizionamento delle ingenti forze comuniste in Italia . Da partito centrato sulle fabbriche del nord  e sul sindacato il PCI si trasformò in partito dei diritti di tutti a  spese della finanza pubblica, in questo ben accolto dalla DC che era in profonda crisi sia al nord che al sud.

L’intelligenza e la flessibilità del ceto dirigente comunista gli fece in pochi anni conquistare il primato sia teorico che organizzativo in quasi tutto il paese, in primo luogo nel meridione dove era stato sempre minoritario, e nella pubblica amministrazione dove era stato sempre assente.

La turbolenza estrema generata dalla svolta comunista e democristiana e dalle vicende internazionali vide esplicarsi il terrorismo e lo scontro nei vertici dello stato in primo luogo della magistratura. Ma la scelta si rivelò lungimirante e vincente e portò ad un nuovo assetto di tutto il sistema di potere e amministrativo della repubblica.

Nuovo assetto che ha raggiunto il suo acme con la presidenza dello stato affidata 2 volte al vecchio comunista Napolitano.

L’aumento abnorme della spesa pubblica è stato lo strumento della rivoluzione. Con le conseguenze che da anni vediamo e la necessità per tutti di trovare una via d’uscita.

La cosa più evidente è che l’alleanza di ferro tra centro e sud è saltata e Renzi rappresenta la nuova anima del centro Italia che guarda in primo luogo al nord.

Ha conquistato il Friuli, ha nominato il bergamasco Martina come suo vice, ha dichiarato di sostenere il si nel referendum delle regioni del nord.

Il sud angosciato si sente abbandonato e reagisce sia fuori che dentro il PD con De Magistris ed Emiliano e gran parte dei 5 stelle. Ma non ha proposte vere se non la continuazione della impossibile strada attuale.

Il nord cosa fa? Non sembra per nulla consapevole della situazione che al gli apre grandissimi spazi di manovra e di trattativa. Sembra preferire perfino l’alleanza col sudostalgico contro il centro emergente che gli tende la mano. Speriamo bene!

 

 

Print Friendly

Recent Posts

One Comment

  1. Ric says:

    RENZI CHIAMA IL NORD ? Cominci ad usare il VOIP che costa meno !
    Interessante , peccato sia una forzatura iperbolica più assonnante coi desideri piuttosto che una pianificazione strategica realizzabile . Renzi ha obbiettivi in continuo spostamento , una dinamica sistemica che spazia e non favorisce la mira permanente delle destabilizzazioni che sono il braccio armato delle rendite e degli status quo parassitari . La continua via del paradosso strategico e dinamismo modernista renziano produce giocoforza cumuli di macerie dei corpi espulsi per rigetto dal costituente organico di progetto riformatore in continuum e , non avendo discariche adeguate alla decantazione reattiva di tali perniciosi effetti , diviene suo malgrado collante di magma la cui latenza appiccica gli effetti alle variabili di scadenze e progetti , tali da decretare , come nel caso del referendum , sconfitte brucianti non sempre metabolizzabili come l’ultima sul referendum costituzuinale .
    Strumentalismi che mostrano il fianco alla bontà di progresso e di progetto al cambiamento paradigmatico , ma al contrario servono su piatti d’argento all’infingardia conservativa doo sud , la seconda chiave di lettura alla riabilitazione ed al riscatto ideale quasi insperato .
    È come voler seppellire una talpa viva in un terreno agricolo immaginando di procurarle una fine atroce ; al contrario è restituzione nel suo habitat ideale rigenerante insperata energia senza colpo ferire , con tante grazie . Paradosso in risultante vuole che il ragazzo vigoroso ed abile a sua insaputa determini , per esuberanza , coazioni a ripetere più calzanti all’utile idiota che allo stratega statista .
    E poi , Martina , Serracchiani ? È l’osso in bocca agli allocchi , cavallo di Troia per i faciloni , come fece il fine Craxi quando venne a Pontida per ammansire la “belva” che furoreggiava in doppia cifra (vedi lega ) .
    Invece :
    È tempo di focalizzare gli argomenti , di svicolarsi dalle polarizzazioni bene/ male e se convintamente empatici ai bisogni ed alle esigenze di martoriate virtù di bistrattato e morente popolo , (nord locomotore , impresa , e mentalità) allora ad esso votare il servizio ed il fine .
    Quale ?
    “ Eurocentro , Roma ladrona, mafia capitale , business immigrazione , supremazia multinazionali , debitopizzo …………..etc. STOP !
    PADRONI A CASA PROPRIA , PADRONI DI SE STESSI E DELLA PROPRIA LIBERTÀ , DI UN IO CONSAPEVOLE E UNICO SOVRANO .
    Quindi caro Renzi , fatti , non parole : uscire dai vessilli datati e postdatati dei compromessi storici e dei nefasti catto comunismi rivisitati , fatti una lega centro Italia federata e dialogante per obbiettivi e principi col Nord che , ad oggi FA BENONE A NON RISPONDERE ED A NON ABBOCCARE, PROSEGUENDO LA PROPRIA VIA , PIACCIA O NO DI UNA VISIONE MONTANTE DI PROSPETTIVA E LETTURA DI UNA MODERNITÀ DI POPOLI E CULTURE IDENTITARIE ED UMANISTICHE.
    In quanto ai presunti viceré regionali se hanno tela da tessere usino telai idonei !
    Trattative , mediazioni , capacità specifiche debbono ammantarsi di prestigiosa credibilità, di fascinosa autorevolezza dettata dalle stimmate di lotte vere e finalitá di spessore col sigillo di patto di popolo equilibrato , ( voti in cabina ) non di clientele di parassiti furboni o investiture di viceré saraceni travestiti da presidenti di rebubblica delle banane o da pinocchietti come un Macron di turno trionfante di paure e contraddizioni rimosse in cabina elettorale attraverso immagini strumentali e sfocate di storie nefaste ma non equiparabili (fascismo ?) .Ma si sa le paure fanno sempre 90 e ti fan sembrare equilibrato soprattutto quando sei infinocchiato per benino .
    Ma per favore !

Leave a Comment