Tagli al diritto allo studio. Più somari, più facile governare

universitàRASSEGNA STAMPA

di MARCO FONTANA

Da sempre l’Italia è terra di contraddizioni: capace di dar forma a grandi opere d’ingegno e di improvvise azioni autodistruttive. Rientra a pieno titolo in quest’ultima categoria il tentare di far cassa non solo col diritto allo studio, ma anche con la cultura nel suo complesso.

La FLC CGIL ha redatto in questi giorni un interessante rapporto che denuncia come nel corso degli ultimi cinque anni le tasse universitarie siano aumentate del 75%. La tassazione media delle università italiane si aggira intorno ai 1.500 euro all’anno per studente. Con picchi più alti negli Atenei del Nord Italia: dai 1.802 euro chiesti dal Politecnico di Milano ai 1.614 della Statale milanese. Più economiche, invece, le rette nelle università del Sud. A Potenza l’università della Basilicata chiede 490 euro all’anno per studente, mentre a Catanzaro le tasse della Magna Grecia non superano i 532 euro. E questo a causa dei minori trasferimenti statali decisi dai Governi che si sono via via succeduti dal 2009 a oggi. Si pensi che il Fondo di finanziamento ordinario degli Atenei (Ffo) solo tra il 2012 e il 2013 ha subito, per ragioni di spending review, un taglio secco del 4,6%; se si guarda al al 2011 la percentuale di minori trasferimenti addirittura balza al -11%. E proprio nei mesi scorsi il governo Renzi aveva tentato il colpaccio, raschiando il fondo del barile con l’ulteriore riduzione di 30 milioni nel 2014 e 45 milioni nel 2015 per le risorse del suddetto fondo. Alla faccia del diritto allo studio! Solamente la levata di scudi da parte della Conferenza dei Rettori delle Università italiane ha evitato il peggio. Sono proprio questi a bollare come “insostenibile” la situazione finanziaria determinata dalle continue sforbiciate agli stanziamenti per gli Atenei. Ed espongono una denuncia importante:
Il finanziamento del diritto allo studio per il 2014 è a percentuali ridicole e la copertura dei capaci e meritevoli per l’anno in corso è attorno a una media nazionale del 60%. A ciò si aggiunga che manca una qualunque politica seria della residenzialità universitaria, la sola che garantirebbe la sostenibilità per le famiglie di studenti che si iscrivono alle Università.
Morale della favola, lo Stato taglia i fondi alle università e queste si rivalgono sulle famiglie, portando a livelli intollerabili il costo dello studio post-diploma. Non è quindi un caso che l’Italia si ritrovi all’ultimo posto dell’Unione Europea per numero di laureati. Nella fascia fra i 30 e i 34 anni solo il 22,4% ha conseguito il titolo di “dottore”, contro una media Ue del 36,8%. Sopravanzano l’Italia anche la Romania (22,8%), la Croazia (25,6%) e Malta (26%). Ai nostri Atenei spetta perciò la maglia nera nella capacità di sfornare laureati, ma hanno quella rosa nello scaricare i costi dell’istruzione terziaria sugli studenti e sulle loro famiglie. L’università italiana è tra le più care d’Europa: nella classifica Ocse risultano più costose soltanto Inghilterra e Olanda, ma a fronte di borse di studio per la gran parte degli iscritti, mentre da noi i fondi per il diritto allo studio non arrivano nemmeno al 20% degli studenti.
Insomma, siamo molto lontani dalla media europea per quanto riguarda l’attenzione alla formazione del capitale umano: ma siamo addirittura anni luce dietro alla Scandinavia, dove gli studenti non pagano nulla. In Danimarca e in Svezia chiunque si voglia laureare ha diritto, udite udite, a una borsa di studio di 900 euro al mese: un vero stipendio! E alcuni dei 52 Atenei svedesi sono tra le 100 migliori università del mondo.
A questo si aggiunge la piaga della fuga dei cervelli: ogni anno 5mila neo laureati lasciano il Belpaese per l’estero.Esiste anche la fuga degli over40, un fenomeno in via di espansione secondo il Centro Studi Cna. Tra il 2007 e il 2013, dall’Italia sono emigrati all’estero in 620mila, quasi il doppio rispetto ai 7 anni precedenti. Solo nel 2013 hanno varcato i confini oltre 125mila adulti (79% in più rispetto al 2012). Una lenta ma inesorabile emorragia di competenze, di professionalità e di maestranze, a favore della concorrenza straniera.
Quello che fa soffrire è vedere un Paese in forte crisi che rinuncia a sostenere i propri giovani con l’istruzione e la formazione. C’è da domandarsi cosia sia rimasto dell’afflato pronunciato da Piero Calamandrei, le cui parole risuonano come macigni nel silenzio di Parlamento intento solo ad autoconservarsi:
La scuola, come la vedo io, è un organo costituzionale. Ha la sua posizione, la sua importanza al centro di quel complesso di organi che formano la Costituzione… La scuola, organo centrale della democrazia, perché serve a risolvere quello che secondo noi è il problema centrale della democrazia: la formazione della classe dirigente. La formazione della classe dirigente, non solo nel senso di classe politica, di quella classe cioè che siede in Parlamento e discute e parla (e magari urla) che è al vertice degli organi più propriamente politici, ma anche classe dirigente nel senso culturale e tecnico: coloro che sono a capo delle officine e delle aziende, che insegnano, che scrivono, artisti, professionisti, poeti. Questo è il problema della democrazia, la creazione di questa classe, la quale non deve essere una casta ereditaria, chiusa, una oligarchia, una chiesa, un clero, un ordine.
Leggendo queste parole sorge il dubbio che i nostri Governi, tagliando i fondi all’istruzione, cerchino scientemente di indebolire la popolazione, rendendola docile al destino preconfezionato da pochi: cittadini con bassa scolarità hanno infatti una coscienza civica facilmente manipolabile. Questa, purtroppo, è un’altra questione alla quale potrà rispondere soltanto la Storia.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/2014_08_18/L-Italia-tocca-il-fondo-si-fa-cassa-anche-sul-diritto-allo-studio-6463/

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. Alvise Giaretta says:

    Bellissimo articolo!!!

  2. Anthony Ceresa says:

    In Italia… il Nulla

    Dalle infinite ideologie senza riscontri scientifici, domina il nulla con i tanti nullisti o seguaci del nulla, che vedono la luce nel buio o a pranzo riempiono i piatti col prelibato nulla.
    Ad eccezione dei pochi grandi uomini del passato, che si sono distinti con l’uso sano del cervello nella Letteratura e nell’ingegno Artistico e Tecnologico, dando lustro e meriti al nostro Paese, dobbiamo ammettere che al presente il “Nulla” ci scaraventa fuori dalla nostra culla passata, che ci aveva arricchiti di glorie.

    Alcuni scienziati e Giornalisti di secondo ordine, come tantissime teste vuote, sono del parere che il nulla non esiste, mentre sono molto di più quelli che sostengono che nella realtà più evidente, il nulla occupa lo spazio più grande nell’immensità dell’infinito infinito, ma anche nel piccolo grande spazio del nostro pensiero.

    Grandi scrittori hanno onorato il valore di questo aggettivo inodore e incolore, con scritti e filmati che riempiono di felicità i nostri ricordi come “la Storia Infinita”, The Never Ending Story del celebre romanziere Tedesco Michael Ende con un film trasmesso nel 1984, oltre a note poesie come quelle descritte da Poeti contemporanei che ci riempiono il cuore di gioie e dolori, autori che dal nulla riescono a trarre il reale sentimento di chi soffre nella situazione attuale del Paese.

    Lina Sirianni, più che brava, ci regala una bella Poesia, pensando alle sofferenze del presente, ma soprattutto al futuro sempre più incerto dei giovani che si perdono nell’immenso labirinto creato da incapaci che guidano il Paese senza sapere dove stanno andando.
    Il Nulla (di Lina Sirianni).
    Combatto su strade immaginarie,
    che portano a niente,
    volando senz’ali,
    guardando senz’occhi il buio,
    la mia eredità.

    Taglio a pezzi sogni,
    che illuminano le voglie…
    · (di emigrare lontano, di ribellarsi o suicidarsi),

    Venti malvagi,
    alitano alla porta dell’anima,
    di un sole nero, che non offre luce,
    lassù dove il nulla è eterno…

    · Brava Lina.

    Basta guardare con spirito umano la realtà soffocata della situazione Italiana che si presenta sotto agli occhi, con vermi umani (teste vuote) che distraggono le masse dal reale significato del nulla.

    Politici del nulla, Giornalisti del nulla, Ideologie del nulla, seguaci del nulla, mentre il Paese si sta affossando sempre più nel nulla.

    Lo scritto non si riferisce ad una critica come quelle da sempre sostenute dagli esistenzialisti, fondata sull’eterno no, in merito a qualsiasi argomento che non riflette il diritto a far niente, ma si riferisce in modo reale all’analisi della situazione attuale, provocata da esseri con grandi titoli di studio, detentori di due o cinque Laure ad Honorem senza reale valore, portati sino alla pazzia mentale, con il risultato che il troppo studio nelle scuole Italiane genera l’effetto opposto, dove il troppo studio mal programmato genera il nulla.

    I turisti che vengono a visitare l’Italia, tornano a casa con “nulla”, un articolo apparso qualche giorno fa su un giornale Inglese, dove raccomandava ai turisti di tenere ben strette le borse e i portafogli, perché sono soggetti a sparire, senza precisare se li portano via i bisognosi o il Governo per salvare gli stipendi della casta e relativi amici.

    Da anni si sente parlare di Referendum del nulla e francamente trovo inutile parlarne se poi faranno la fine del finanziamento ai Partiti, del Nucleare, della TAV, del Finanziamento ai Giornali e agli amici degli amici, avanti , c’è ne sono per tutti.

    La storia dei referendum in Italia è un chiaro esempio del nulla fondato sul regime di illegalità che abolisce di fatto i diritti politici dei cittadini. Previsto dall’articolo 75 della Costituzione, è stato introdotto in Italia solo nel 1970, con più di 20 anni di ritardo rispetto all’approvazione della Costituzione, ma non è tutto, quasi tutto il sistema Giuridico è stato copiato di sana pianta sul nulla, dove contano tutti, fuorché il Diritto dei Cittadini.

    Un gruppo di Politici di vari Partiti si sono riuniti per risolvere il grave problema Italiano del Nulla. Fra i presenti al raduno, ognuno diceva la sua senza arrivare ad una soluzione. Su ogni suggerimento ricadeva l’effetto negativo sui loro personali interessi, quindi venivano automaticamente bocciati.

    Son passati mesi, anni, decenni, e il debito pubblico aumenta per effetto degli sforzi e costi dei Partiti per arrivare ad una soluzione.

    La gente dal di fuori freme, avete trovato la soluzione? Non ancora rispondono.

    Un bel giorno, durante un temporale un fulmine cascato dal Cielo, schelettrizzò all’istante tutta la combriccola e da quel giorno il Paese festeggiò la fine del nulla e l’inizio della ripresa.

    Vi sono tantissimi progetti di sviluppo osteggiati dalle Lobby Politiche per favorire il protrarsi del Nulla.

    Anthony Ceresa

Leave a Comment