Renzi come la Merkel, solo che lei è prussiana. Ecco l’asse Roma-Berlino

di STEFANIA PIAZZOrenzi_merkel (1)

Berlino  e Roma, c’è un asse non poi tanto segreto che lega la strategia del Pd renziano alla Cdu della cancelliera Merkel. Entrambe sono potenti e hanno il controllo, pur con le loro debolezze, dei rispettivi sistemi Paese. Entrambe fanno la voce grossa,” o così o così lo stesso”, dicono. E la spuntano sempre. Hanno avversari che li vorrebbero vedere finiti ma ogni volta la spuntano e anzi, dettano legge. Renzo e Angela si somigliano e si pigliano eccome.  Il Renzi della Leopolda in fin dei conti usa gli strumenti di lavoro della cancelliera. Basta sovrapporre i rispettivi quadri politici per rendersi conto della quasi omonimia dei due sistemi di governo. Una premessa: certo, lei è prussiana, lui è molto italiano. Come in Germania, la Merkel governa grazie ad un equilibrio di poteri: la sua Cdu scorrazza in lungo e in largo ma ha bisogno dell’ancella Spd. In Italia, Renzi ha costruito un Pd molto comunista, e poi vedremo perché, che ha come ancella Forza Italia. Hanno programmi oramai simili e si reggono il moccolo a vicenda. La Cdu sta alla Spd tedesca come il Pd sta a Forza Italia nei programmi fuori o dentro dal governo. Anche sull’immigrazione, con lo ius soli temperato, oramai Forza Italia accorcia le distanze solidaristiche con il Pd dell’intransigente accoglienza.

Bene. E come la mettiamo con la sinistra a sinistra di Renzi? Come nel Pci vecchio stampo, “niente più a sinistra della nostra sinistra”, ecco che con il modello di nuova legge elettorale, anche Sel verrà assorbita e risucchiata. Altrimenti resterà ai margini, come “fuffa” funzionale a raccogliere il mal di pancia della sinistra che non vuole morire renziana. A destra Renzi vede lo stesso meccanismo: la destra più a destra, cioè Lega, Casa Pound, Fratelli d’Italia… Valvola di sfogo di quello che non può stare seduto ufficialmente con Forza Italia.

Un sistema così congegniato, la Germania insegna, può durare 20 anni, in Italia volendo anche 30. A Berlusconi un equilibrio certo di distribuzione dei poteri come questo piace da morire, ha l’assenso di Forza Italia e pure della grande stampa. Dalla Leopolda è infatti uscito un programma di centrodestra berlusconiano.

Solo che la politica economica di questa sinistra e della sua destra ancellare è quella del neoliberismo di Stato, di quelli che fanno i liberali, si conceda, con il culo degli altri, con i nostri soldi. Crescita poca, Pil in caduta libera, piazze piene di gente che si ribella, e quindi nessun voto vicino. Altro che elezioni anticipate prossime. Renzi ora amministra il vantaggio, il suo 51% di consensi, Berlusconi ha fermato l’emorragia di consensi. E tutti gli altri, a fare l’opposizione che non diventerà più opposizione di governo. Per ora, se le regole non cambiano e se agli italiani piace così, difficile vedere cambiamenti all’orizzonte. Siamo molto più tedeschi di quello che non sembri… , e molto più italani di qul che vorremmo e dovremmo. In attesa del prossimo 8 settembre.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Piu’ che asse vedo dell’altro: lo stesso percorso che fece Benito…
    Il passo e’ veramente breve.

    Oggi le dittature si chiamano DEMOKRAZIE.

    Nascono come funghi, velenosi solitamente.

    Non c’e’ altro da dire se non sperare… ma le piazze sono VUOTE e con le IKSE (X) non si cambiera’ mai dato che il popolo, da sempre, non e’ mai stato sovrano.

    Quindi?

    Sognamo… (non e’ ancora reato il sogno, il pensiero lo sta per essere: manca veramente pochino)

  2. Riccardo Pozzi says:

    E intanto la classe media del paese ( in maggioranza al nord) sta lentamente svuotando la cascina dal fieno accumulato negli anni della industrializzazione e sta tornando ad essere un grande campo a cultura intensiva e maialificio a cielo aperto.
    Ce la faranno i polentoni a diventare poveri come erano prima della guerra , senza proferire verbo, incolonnati con il loro bravo f24 davanti alla banca ogni16 del mese? O avranno un moto di ribellione? Lei, Dato, che dice?

Leave a Comment