OLANDA FUORI DALL’EURO, WILDERS VUOLE IL REFERENDUM

di SALVATORE ANTONACI

Geert Wilders, leader del PVV (Partito per la Libertà) olandese non è tipo da impressionarsi al cospetto di minacce provenienti dai più oltranzisti gruppi terroristi islamici che han giurato di fargli pagare la dura battaglia identitaria iniziata ancor prima della sua uscita dal partito liberale “ufficiale”.

Facile, quindi, immaginare come lo stesso non batterà ciglio di fronte al linciaggio mediatico che il carrozzone europeista imbastirà da oggi per reagire alla proposta dirompente di abbandonare al proprio destino la moneta continentale per tornare alla divisa nazionale, quel fiorino per decenni emblema di stabilità monetaria quasi quanto il vicino e potente marco tedesco o il mitizzato franco svizzero.

Il mezzo per realizzare questo ambizioso disegno, naturalmente, passa per la via referendaria, con buona pace di tutti i soloni che evocano la democrazia (rappresentativa) solo per calare dall’alto decisioni già confezionate nei sacri palazzi. L’annuncio ufficiale dell’iniziativa non è, tuttavia, una sorpresa quanto il coerente corollario di una lunga campagna contro i disastri presenti e soprattutto futuri del super-stato unico. Un memorandum, pieno zeppo di dati divulgato assieme al clamoroso statement si incarica di corroborare l’impianto teorico del tutto: il tentativo è quello di dimostrare come l’Euro, attraverso i ripetuti salvataggi di paesi poco virtuosi, sia divenuto una vera palla al piede per gli olandesi rischiando di depauperarne i finora ottimi fondamentali economici.

Solo il doppio pacchetto di aiuto alla Grecia, ad esempio, è venuto a costare ai contribuenti dell’Aia qualcosa come 2700 euro in un anno, cifra considerevole e che, soprattutto, non mette al riparo da ulteriori salassi viste le attuali contingenze. Ancora ignota la data in cui dovrebbe celebrarsi il voto, ammesso, e non c’è molto da dubitarne in verità, che l’iter di preparazione del quesito vada a buon fine. Peraltro, per Wilders si tratta di un colpo da maestro per uscire un po’ dall’angolo nel quale l’allentarsi della “crociata” anti-mussulmana ,conseguenza dell’orribile carneficina di Breivik, ha costretto la sua formazione.

Da un po’, infatti, i sondaggi non erano entusiasmanti pur confermando il terzo posto a livello nazionale del PVV, ma con il contestuale forte avanzamento dei partiti della sinistra pro-immigrazione in primis i socialisti e i social-liberals di Democrazia 66. Ora la ripresa in grande stile del filone euro-scettico e, per di più, su una issue trasversale come la moneta, potrà ridare fiato alle trombe di questo campione della nuova destra europea. Il rischio sotteso all’operazione, osservano alcuni economisti eterodossi, è lo sviamento dalla soluzione corretta per l’uscita dalla catastrofe debitoria che consisterebbe, a loro avviso, in un ritorno al cosiddetto “tallone aureo”, un ancoramento delle monete all’oro. Senza questo passo fondamentale e senza la drastica decurtazione dei super-poteri delle banche centrali qualsiasi altra mossa darebbe solo un sollievo temporaneo al sistema periclitante. Sicuramente sono argomentazioni che l’esperienza si è incaricata di confermare. Ma è altresì certo che coloro che si ostinano a difendere un edificio costruito sulla sabbia e sulla cartastraccia vedranno la propria opera precipitare assai prima.

Non è detto poi che una preziosa tregua di qualche anno non possa convincere i superstiti al naufragio che è ora di invertire definitivamente l’inerzia consolidata e di dare inizio, perlappunto, ad una nuova “età dell’oro”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

6 Comments

  1. flyingdutchman314 says:

    Unica soluzione per combattere quel gruppo di malati di mente (gli Illuminati e i massoni e i loro camerieri attraverso clubs come il gruppo Bilderberg) che praticano la pedofilia (vedi ad es. tutta la familia reale belga), i rituali satanici e i sacrifici umani (con l’aiuto dell’esercito e delle forze dell’ordine), e’ quello di passare da una cosiddetta democrazia rappresentativa (che e’ la piu’ grande presa per il culo della storia) ad una vera democrazia diretta (come quella che propongono i Democratici Diretti) in cui tutte le leggi per poter diventare effettive devono essere approvate da tutti i cittadini maggiorenni (senza alcun quorum minimo) mediante referendum elettronico. Proporrei poi condanne esemplari (ergastolo senza riduzione della pena) per tutti coloro che hanno tradito la patria svendodola ai banchieri e al mondo della finanza internazionale, e in particolare a tutti membri di associazioni illegali e segrete come il gruppo Bilderberg (ma non solo): Monti, Prodi, D’Alema e altri personaggi passerebbero il resto dei loro giorni dietro le sbarre.

    • Crisvi says:

      Ciao Fly ( perdona se non scrivo il tuo nick integralmente ),

      Hai dei links e filmati da segnalarmi, per il mio archivio ?

      Mi sembri molto informato e sono anch’io dell’opinione che la futura formula di miglior governo, specie per la futura Venethia sia quella della Democrazia Diretta ( DD ).

      Naturalmente, condivido pienamente anche il tuo appello di liberarci dal predominio occulto dei banchieri.

      A volte noto gente, anche intelligente, genuinamente ingenua. Essi pensano che questa teoria del complotto dei padroni del mondo sia solo una leggenda scritta a favore delle fantasie più ambiziose degli estimatori di fantapolitica, fantaeconomia.

      Eppure, mi debbono rispondere a una semplice domanda queste persone :
      Se il complotto degli ” onnipotenti ” non esiste, per quale ragione costoro si riuniscono in un luogo segreto, inaccessibile alla stampa e persino all’europarlamento e ONU e delle loro decisioni che riguardano il pianeta, non vengono neppure messe a verbale ?

      Ricordo che a B. Franklin, padre fondatore degli USA e inventore del parafulmine, furono riscontrati diversi cadaveri di bambini, nel giardino di casa sua.
      Massone e pedofilo nell’intimo, ma meraviglioso padre di tutti gli americani e grande uomo di scienza in facciata ?

  2. Crisvi says:

    Guardate anche questo filmato.
    Lascio a voi le conclusioni :

    http://www.youtube.com/watch?v=pML_8uzuJzc&feature=related

  3. Crisvi says:

    La regina d’Olanda è un membro fondatore del gruppo ” Bilderberg “.

    La testa coronata, permetterà che un primo ministro liberale, faccia un dispetto del genere ai suoi soci dello ” scudo rosso ” ?

    Euro = Signoraggio bancario

    Signoraggio Bancario = potere illimitato per il gruppo Rotschild e quindi per i soci del Bilderberg.

    http://www.youtube.com/watch?v=AjnJG5pF6ys

    • flyingdutchman314 says:

      A dire il vero e’ stato suo padre Prince Bernard uno dei due membri fondatori del gruppo Bilderberg, mentre l’attuale regina d’Olanda si puo’ dire che e’ ne e’ il capo (e naturalmente membro fisso) e ogni ne apre ufficialmente le sedute. Questa donna e’ una delle persone piu’ ricche del pianeta e una delle maggiori azioniste del gruppo petrolifero Shell.

      • Crisvi says:

        Prendo atto della tua precisazione.
        A volte la memoria mi tradisce e non sempre ho tempo di controllare nei miei archivi personali, o in quelli web, l’esattezza alla virgola di ogni affermazione.

        La regina d’Olanda è ricchissima, ma alla matriarca vivente della famiglia Rothschild, sembra accreditabile circa un terzo della ricchezza mondiale, tramite un sistema economico di ” scatole cinesi occulte “.

        Trilioni di euro ! ( miliardi di miliardi )

        I membri dello scudo rosso, convolano a nozze tra consanguinei, spesso secondi cugini, per mantenere inalterate segretezze.
        Le cinque frecce, si clonano all’infinito tra loro.

        Eppure, gli affari della casata degli onnipotenti, vengono gestiti solamente da un vertice piramidale a ermetismo livellare, con 3.000 fidatissimi occulti, forse parenti tra loro.
        Nessuno conosce tutti i nomi di questi garanti, del patrimonio dei padroni del mondo.

        http://www.rothschild.com/

        Questa famiglia ha finanziato guerre mondiali, teste coronate, migliaia di companies, persino la guerra di Wellington contro Napoleone e le navi da battaglia di Nelson.

        Si sono addirittura salvati dall’olocausto, pur essendo ebrei, finanziando la macchina da guerra e da sterminio nazista.

        http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20120127143727AAPqrhO

        Il terribile dilemma è questo :

        Per salvare loro stessi e i membri della loro famiglia, hanno barattato la vita di 6 milioni di loro fratelli ebrei ?

Leave a Comment