Referendum, voto NO per una Costituzione più sensata. Questa non è l’ultima occasione per cambiare

costituzione 4di GIANLUIGI LOMBARDI CERRI –  Il 4  dicembre andrà in onda uno dei tanti spettacoli renziani: il referendum per la cosiddetta nuova Costituzione.

Perché spettacolo ? Perché nonostante i blateramenti dei fautori del SI l’operazione è soltanto una pagliacciata che permette di togliere potere alle Regioni, al Senato e ad accentrare anche una fetta del potere della Camera, e, sopratutto, in mano ad un neo duce.

Non starò qui a tediare i lettori con una analisti costituzionalista perché voltala, pirlala e menala anche dopo una sintesi che segue la dettagliata analisi balza evidente che non risparmieremo un euro e non sarà velocizzato un fico secco.

Il nocciolo della questione non sta (almeno in gran parte) nella struttura Costituzionale. Sta nell’organizzazione della GESTIONE  applicativa delle Leggi. E’ inutile che ci si affanni a sancire principi per impiegare anni laddove altri impiegano giorni.

 

Non c’è niente da fare! La stragrande maggioranza di chi comanda gli enti pubblici in Italia unisce una micidiale incapacità organizzativa ad una presupponenza da premio Nobel (della bauscieria). E lo si vede perfino nella struttura della nuova costituzione “la parola  xxyy del terzo capoverso del comma… all’artico,… viene sostituito da ,……

Mancava solo: la virgola posta alla terza riga della seconda pagina…. Va spostata,    eccc. Costava tanto scivere: l’art X è totalmente annullato e sostituito dal seguente articolo Y? Gli costava sì, perché strideva con il cervello degli estensori, fatto a cavatappi.

E quand’anche, malauguratamente , dovesse vincere il SI non combineranno niente ma  giustificheranno il disastro accusando B. , ossia “l’oscura reassione sempre in agguato”.

Perché ormai B. , per giustificare gli imbecilli è colpevole dal diluvio universale a quando una cometa colpirà la terra. Nei discorsi a c…o che ho sentito mi ha particolarmente colpito la frase di Renzi: se non si rinnova ora la Costituzione, non la si rinnoverà mai più. Perché? Quale Legge vieta di proporre una nuova Legge costitutiva? Più sensata, si spera. Perché? Di intelligentissimi come lui e la Boschi si è rotto lo stampo? Perché mai più? Glie lo ha detto Dio con il quale ha serrati colloqui tutti i giorni? A conclusione voglio evidenziare:

Per i non credenti

Carducci : “ Chiunque, potendo esprimere un concetto con dieci parole lo esprime con venti lo ritengo capace di qualsiasi mala azione”.

Per i credenti

Matteo (Mt 5,17-37)  :

“Sia invece il vostro parlare: sì,sì, no, no. Il di più viene dal maligno”.

Ho assistito, ahimè , al dibattito televisivo tra il Prof. Zagrebelsky e Renzi.

Per carità Zag è un pozzo di scienza giuridica , ma con capacità espositive vicine allo zero ( poveri studenti), mentre, per contro Renzi : “siore e siori, non sono qui, su questa pubblica piazza per bisogno perchè di bisogno, grazie al cielo , ne ho tanto “

E quei due pensano di essere in grado di mandare avanti una baracca ?

La baracca la disferanno rapidamente e con gioia mia e di milioni di altri correligionari riusciremo a realizzare la nostra sempre e solo amata Padania.

Quod non fecerunt barbari fecerunt Barberini.Conclusione. Ragazzi votate NO perchè, nella vita nel dubbio per prima cosa: sta butunaa

Print Friendly

Articoli Collegati

6 Commenti

  1. Fil de fer says:

    Ma certoooooooooooooooooooo !!!!!!
    Ma come si fa a scrivere solo 10 parole sull’italia ???
    Ci provo :

    ENTITA’ GEOGRAFICA – CORROTTA -MAFIOSA – FALLITA – DEMAGOGA – IGNORANTE – MALEDUCATA- LADRA – NEGLIGENTE…………..

    Come si può notare sono troppo poche 10 parole per parlare dell’italia !!!

    WSM

  2. Castagno 12 says:

    ALESSANDRO GUASCHINO è un lettore veramente “spiritoso”.
    Ancora non ha capito che:
    1) In iialia non comandano gl’italiani
    2) Il voto del popolo disinformato ha valore NULLO e NON COSTITUISCE UNA MANIFESTAZIONE DI DEMOCRAZIA. Il popolo italiano fa le sue scelte IN FUNZIONE DI QUELLO CHE NON SA – e non vuole sapere: COSE BRUTTE, IL “BIMBO” non vuole spaventarsi.
    3) GUASCHINO ci dovrebbe gentilmente indicare LE DIFFERENZE DI GESTIONE di bell’italia, governata da un premier generato dal voto o imposto dalla Presidenza della Repubblica.
    Da una attenta osservazione dei fatti, risulta che ad ogni cambiamento di governo, VENGONO MANTENUTI E “RISPETTATI” I SOLITI DANNI. l’UNICA VARIANTE E’ COSTITUITA DALLA LORO INTENSITA’.
    IL POPOLO SUBISCE, TACE, CORRE A LEGITTIMARE GL’IMPRESENTABILI E LORO POSSONO ALZARE IL TIRO.
    PICCHIANO COME FABBRI !

  3. Alessandro Guaschino says:

    Io vorrei fare una considerazione e visto che questa pagine sono anche lette da leghisti, il mio messaggio è diretto in particolar modo a loro.
    Abbiamo un governo non eletto e non votato, che ha ricevuto la fiducia da un parlamento dichiarato illegittimo che a sua volta ha nominato un Presidente della Repubblica, che ha dato l’incarico al non eletto e non votato Renzi. Praticamente non c’è nulla di legale e costituzionale in tutto questo. Questo terzo governo non eletto e non votato ha dimostrato come i due precedenti, anch’essi illegittimi, di fare solo danni, di impoverire i cittadini, di distruggere l’economia.
    Ora qualcuno minaccia che se al referendum gli italiani voteranno NO per mandare a casa Renzi di rifilarci il quarto governo illegittimo non eletto e non votato, invece che andare alle urne con il sistema elettorale detto “Consultellum”, ovvero quello indicato dalla Consulta.
    Occorre non attendere l’ennesimo golpe ma fin da ora organizzare uno sciopero generale ad oltranza allo scopo di costringere Mattarella a sciogliere le camere (anche se vincesse il SI) e tornare immediatamente alle urne.

  4. Castagno 12 says:

    La Costituzione ora in vigore non può essere nè più ne meno sensata. E’ SOLO UN GRANDE TRADIMENTO NEI CONFRONTI DEL POPOLO ITALIANO CHE E’ STATO PRIVATO DELLA SOVRANITA’ MONETARIA.
    i “padri costituenti” HANNO TRADITO IL POPOLO ITALIANO.
    I politici, agli ordini del Mondialismo, non erano interessati alla Sovranità, ed il popolo, da mantenere sottomesso, doveva essere INSERITO nel “RECINTO” DELL’UE.
    Ho ripetuto cose che ho già scritto e che Lei, Senatore, HA IGNORATO ANZICHE’ RIBADIRLE.
    Fra l’altro, la Costituzione impone l’uso delle armi solo a difesa del territorio italiano.
    Perchè l’italia aveva mandato i carabinieri in Iraq ?
    Pechè l’italia è andata a bombardare la Libia che non ci aveva attaccato ?
    Pechè ora ha mandato l’esercito in Libia e verso la Russia ?
    I Presidenti della Repubblica, tenuti a far rispettare la Costituzione, SI SONO DISTRATTI ?
    Riguardo a chi gestisce la cosa pubblica, le doti di incapacità e di supponenza sono caratteristiche negative SOLO MARGINALI.
    E’ la funzione principale di questi individui che ci condanna: SONO I MAGGIORDOMI DEL GOVERNO MONDIALE.
    Non può cambiare niente un popolo disinformato, che rifiuta l’informazione E NON CAPISCE NEPPURE QUELLO CHE VEDE TUTTI I GIORNI.

    • caterina says:

      … lo capisce, lo capisce… ma non riesce a sganciarsi l’elmo di Scipio che gli hanno messo in testa per fiaccarne l’orgoglio e la volontà!

      • Castagno 12 says:

        Se avesse capito quello che c’è da capire si sarebbe già mosso.
        Il popolo on si sgancia da niente anche per MANIFESTA INCAPACITA’ E ASSENZA DI VOLONTA’.
        Per esempio: non è obbligatorio l’utilizzo della carta di credito.
        Perchè la quasi totalità degli Indipendentisti ne fa uso ?
        Perchè i più acquistano gli asset finanziari emessi dallo Stato e/o dalla Bsnca della quale sono correntisti. ? Per trovare investimenti alternativi ci vuole la testa. E gl’indolenti NON SI MUOVONO, neppure facilitati dall’uso di Internet. Molto meglio rincorrere LE FESSERIE SFORNATE A BELLA POSTA DA LORSIGNORI.
        CATERINA, non ci sono scuse di alcun genere E SMETTILA, come tutti, DI CONTINUARE A DARE LA COLPA AGLI ALTRI.
        Veneti o italiani, il comportamento è sempre lo stesso.
        Se le RADICI venete sono salde e in buona salute, spiegaci PERCHE’ NON COMPAIONO I GERMOGLI. Grazie.

Lascia un Commento