Referendum: la Catalogna promuove cultura, la Lombardia posticini in Finmeccanica

di STEFANIA PIAZZOcatalogna francoforte

Catalogna batte Lombardia. Sul fronte della battaglia culturale, l’abisso. A Francoforte, come questo giornale ha già ampiamente documentato, non sventola il vessillo lombardo, quello che il prossimo anno vuole andare a referendum chiedendo lo statuto speciale come la Sicilia. Che però, assieme alla Catalogna, al salone internazionale del libro, c’è. E come c’è pure il Piemonte, Regione governata dalla sinistra, con tanto di governatore, la tanto vituperata Mercedes Bresso, che si faceva vanto di raccontare e pubblicizzare i valori della sua regione a Francoforte, dove passa tutto il mondo che diffonde comunicazione. Niente Veneto, anche la Regione del referendum, è concentrata su altro.

Il posticino passa, la cultura no. Le nomine nei consigli di amministrazione finiscono, la comunicazione sull’identità no. E’ la differenza tra ciò che resta e ciò che passa. Resta lo sputtanamento da cadreghe; a qualcuno, nel principale partito che si ritiene di centrodestra, interessano le mignotte, le figaccione da poltrona in qualche istituzione. Ad altri partiti, che sono di opposizione e di governo, interessano altri fronti. E così siamo dove siamo.Piemonte francoforte

Intanto la Catalogna, a prescindere dal risultato del braccio di ferro con Madrid, dimostra di avere le idee chiare sugli obiettivi. Lì sì, prima o poi, l’indipendenza arriva.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. luigi bandiera says:

    Stefania, grazie per l’articolo: ossigeno per i miei polmoni.

    Tuttavia siamo destinati a:

    SOCCOMBERE..!

    Requiem in pace amen

Leave a Comment