Referendum e Costituzione, Openpolis: tentativi e fallimenti, una storia già scritta

referendum

di OPENPOLIS – La riforma Boschi è l’ultima di una serie di leggi costituzionali fiorite negli anni, un’impennata che ha incrementato le possibilità di un ricorso ai referendum costituzionali. Dopo tre mesi dalla pubblicazione del provvedimento approvato, un quinto dei membri di una camera o cinquecentomila elettori o cinque consigli regionali, possono richiedere che il testo venga sottoposto al voto dei cittadini. Inoltre la legge è oggetto di referendum popolare anche se non è stata approvata dalla maggioranza del parlamento. Finora solo in due occasioni i cittadini italiani sono stati chiamati a votare su una riforma costituzionale: nel 2001 e nel 2006. Nel primo caso la riforma fu approvata, nel secondo invece la maggioranza dei votanti decise per il no.

Contesto e esito dei due referendum costituzionali del passato 

A differenza del recente referendum sulle trivelle, quello del prossimo 4 dicembre sarà un referendum confermativo e non abrogativo. Questo, oltre a cambiare le conseguenze della vittoria del sì o del no, vuol dire che non è richiesta la partecipazione al voto della maggioranza degli elettori.L’affluenza quindi non è un tema rilevante per la validità del quesito.

Nei due referendum costituzionali che si sono tenuti in passato, solo in un caso la maggioranza degli elettori ha partecipato al voto. Nel 2001 infatti andarono alle urne solo 16,8 milioni di cittadini, a fronte di un corpo elettorale che raggiungeva quasi i 50 milioni di elettori. Un’affluenza del 34,05%, che vide la larghissima vittoria del sì. Per la modifica al titolo V della costituzione si schierarono oltre 10,4 milioni di italiani (64,21%), contro i 5,8 milioni di voti contrari (35,79%).

Tutt’altra storia nel 2006, sia per esito che per affluenza. La riforma costituzionale voluta del centro-destra era molto più ampia di quella del 2001, e coinvolgeva diversi aspetti: dalla devoluzione dei poteri alle regioni, alla trasformazione del senato in senato federale, fino all’istituzione di un cosiddetto “premierato forte”. Il voto ebbe luogo poco dopo le elezioni politiche che videro un ribaltamento al potere, con la vittoria del centro sinistra e l’inizio del governo Prodi. 26 milioni di italiani parteciparono alla tornata referendaria, di cui quasi 16 milioni di cittadini (61,29%) contrari al quesito del referendum. Poco meno di 10 milioni gli elettori a favore, 38,71%.

 

referendum2

referendum3

Cambiare la costituzione, storia di tentativi e fallimenti – speciale referendum n.2

Print Friendly

Articoli Collegati

2 Commenti

  1. Castagno 12 says:

    “La riforma costituzionale voluta dal centro-destra nel 2006” ? Ma che “bella” proposta, che “felice” iniziativa ! E’ del tutto inutile confrontarla con le “modifiche” oggetto dell’attuale referendum.
    Si chiama “riforma” una serie di varianti velleitarie che MANTENGONO IL POPOLO PRIVO DELLA SUA LEGITTIMA SOVRANITA’ ?
    Destra, Sinistra & Contorni con aggregazioni varie, NEI FATTI, sono tutti schierati al servizio DEL MONDIALISMO.
    Quindi, come potete pensare che intendano riformare la Costituzione NELL’INTERESSE DEL POPOLO.
    Non ce la fate proprio ad indicare ciò che dovrebbe fare IN SUA DIFESA la moltitudine italiana:
    UN POPOLO MOLTO ” INTELLIGENTE ” ORA IN TRAPPOLA ?
    Con tanto di società multirazziale, con la Banca Centrale PRIVATA e governato dal Mondialismo !

  2. luigi bandiera says:

    Teniamo conto che:

    UN RE NON SI FARA’ MAI E POI MAI UNA LEGGE CONTRO. (REGOLA UNIVERSALE E DIVINA).

    Se il cittadino residente in questo stato di nome italia ne vedra’ una solo contro, anche se su una virgola, sara’ chiaro che non sara’ MAI e poi MAI SOVRANO fin che non togliera’ la virgola, ne oggi e ne in futuro. Ma leggi bene il presente ed avrai in mano passato e futuro… quindi: se tutto va bene siamo ROVINATI.

    Poi chiamarlo popolo e’ tutto dire… Intellighentemente chiamarlo popolo (repetita juvant) e’ un volerlo prendere per il CU o RAME. (purtroppo sono condannato a ripetermi).

    Questa regola e’ ferrea e stramaledettamente vera e prepotente.

    Ci stiamo dimenticando che nel mondo, in natura, esistono regole davvero FERREE. Pero’ l’homo, mai stato sapiens sebbene va su Plutone, cerca di farne delle altre a somiglianza se non superiori: nello sfacello.

    Preghiamo

Lascia un Commento