RAZZISMO, ECCO DOVE SI DISCRIMINA DI PIU’ IN ITALIA

di OSSERVATORE PADANO

Cos’è la la rubrica silenziosa? La statistica è una scienza fatta di dati e cifre che quasi sempre non necessitano di commenti. In questa rubrica, i commenti vi verranno spontanei, confrontando tabelle e immagini.

L’Indipendenza pubblica i dati di indagini scelte casualmente fra quelle disponibili e le visualizza sulla carta della penisola italica. Una tavola evidenzia i dati per regioni o province, un’altra li attribuisce alle aree omogenee e identitarie: Padania, Etruria (Toscana, Umbria e Marche), Lazio, Meridione, Sardegna e Sicilia. Brevi commenti sono riservati solo in caso di evidenti anomalie.

Discriminazione razziale, 2011 – Atti di discriminazione denunciati da immigrati all’Unar in percentuale sul totale delle denunce per regione, differenza fra la percentuale di denunce e quella della presenza di immigrati regolari.

Fonte: Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni razziali, marzo 2012.

Percentuale delle denunce Distribuzione percentuale  sul territorio di immigrati regolari Differenza fra la percentuale di denunce e di presenza straniera, ovvero minore o maggiore presenza di denunce di discriminazione
Lombardia

21,0

26,6

-5,6

Piemonte

4,1

7,3

-3,2

Marche

1,5

3,5

-2,0

Emilia-Romagna

10,8

12,6

-1,8

Trentino-SudTirolo

0,6

2,1

-1,5

Liguria

2,4

2,9

-0,5

Umbria

1,4

1,8

-0,4

Abruzzo

1,1

1,4

-0,3

Campania

3,4

3,7

-0,3

Sicilia

2,2

2,5

-0,3

Valdaosta

0,0

0,2

-0,2

Friuli

2,4

2,5

-0,1

Basilicata

0,3

0,2

-0,1

Calabria

1,0

1,1

-0,1

Molise

0,1

0,1

0,0

Veneto

12,2

12,1

+0,1

Sardegna

1,8

0,6

+1,2

Toscana

10,4

8,3

+2,1

Puglia

4,3

1,9

+2,4

Lazio

19,0

8,5

+10,5

PADANIA

53,5

66,3

-12,8

ETRURIA (Toscana, Umbria, Marche)

13,3

13,6

-0,3

MERIDIONE (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria)

10,2

8,4

+1,8

ITALIA

100,0

100,0

0,0

CLICCATE SULLE IMMAGINI PER INGRANDIRLE

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts