Raixe Venete con Beggiato: la battaglia di Lissa, per cominciare

RAIXE Venete VeronaContinua il “Percorso culturale” organizzato da Raixe Venete e da Matteo Grigoli nel veronese.

Sabato 30 aprile a Villafranca di Verona alle ore 20.45 presso l’Auditorium Comunale di piazzale San Francesco (vicino al Castello Scaligero), Ettore Beggiato parlerà della Battaglia di Lissa l’ultima vittoria della Serenissima (20 luglio 1866); ai presenti verrà fatto omaggio di una preziosa cartolina sulla battaglia opera di Martina Tauro in arte La Poiana.

Venerdì 6 maggio alle ore 20.45 a Sommacampagna, nella Palazzina degli impianti sportivi di Via Bassa, sarà la volta di  Alessandro Mocellin e della sua relazione sul  “Referendum 1866 il plebiscito veneto e la sua validità in diritto internazionale”.

Venerdì 13 maggio sempre alle ore 20.45 a Valeggio sul Mincio, nella sala conferenze G. Toffali (entrata dalla piazzetta della Chiesa) toccherà a Aldo Rozzi Marin, Presidente dell’associazione “Veneti nel mondo”  relazionare sulla “Grande emigrazione veneta” con a seguire la proiezione del film “Il Leone di Vetro”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. luigi bandiera says:

    A quando si leggera’:
    .
    .
    FINE DEE CIACOE..?
    .
    .
    Ogni film ga a so FINE, ea so THE END.
    .
    Qua semo tracolmi de dichiarasion, comemorasion, preghiere, riunion e chi ne ga de pi’ le meta… pero’ un qualche fatto, minimo minimo: gnente. Gnanca par sbalio.
    .
    Mi me saria stufa’ de sta retorica che anca mi in qualche modo go alimenta’.
    Me incorzo deso, pasai pi’ de trentani, che ghemo perso un frakax de tenpo.
    Specialmente e soeo a ciacoear e, quante ocaxion bee perse par PAURA del “demonio”: ea Talia.
    Tutti ea’ col cuero alto e a testa soto ea sabia del Lido quando (almanko quea olta) na branca de SERENISSIMI super Patrioti, gavea cominsia’ a far sentir ea voxe del popoeo veneto massacra’ da i taliani. Me piaxe de pi’ ciamarli TAIBANI, da no confondar co i TAEBANI..
    .
    Cio’ sti taliani xe furbi, no i dopara mia i forni ori, ma ea KST pa desfarne.
    I pasa par xente de kultura e brava e bona, altro ke olocaustoni..!
    E me meravejo senpre de pi’ dea inteighensia veneta… filo trikoeor.
    Xea o no na traditrise..?
    Varde’ che se no vien daea nostra parte quea banda ea’ pa ver ea libarta’ e no esar masacrai (tai quai i peirose) ghe vora’ tanto tempo e sforso.
    Ea stanpa par esenpio podaria esar un fia’ etno veneta. O no..?
    Cusi’ val par i lunbard e par tuti chealtri.
    Insoma, ghe vol ANEMA E CORPO, teoria e pratica… se no col sueo ea teoria (ciacoe) no se vive e in ispecie no se se libara..!
    Basta ndarghe drio ai taliani co e ciacoe e co e manifestasion… (bravisimi ori su sto teren).
    Basta ver paura del “demonio” trikoeorio.
    Basta Talia…
    Talia, basta..!
    .
    Varde’ che ndando via daea Talia se manda via un frakax de mantenui elemento (quarto ma no ultimo) dea banda dei quatro. Chealtri tre elementi i sparise da soi.
    WSM

Leave a Comment