Radio Padania, nel giorno di Samonios straparla di Ufo

di TONTOLO

Uno si aspetta che il giorno di Samonios Radio Padania Libera ci faccia una trasmissione. Fiducioso mi sintonizzo e mi becco il solito Lissoni, appena sceso da un disco volante, che fa su una grande insalata  in cui ruga dentro Ufo, Stonehenge, celti e marziani, apparizioni, medium e veggenti. Il tutto con contorno di interventi di ex piloti (e si capisce l’ex) con esperienze di “incontri ravvicinati”, studiosi biblici (sempre scrupolosamente mediterranei) e di vecchine che dicono di parlare con i morti. Apparizioni miracolose, avventure strampalate, avvistamenti fantasiosi, zucche di Halloween luminescenti, zombies, profezie Maya, tavolini che ballano, di tutto e di più.

Sembra di essere al bar del mio paese il sabato sera quando i valligiani sono arrivati al quinto “giro” e cominciano a circolare storie straordinarie di asini che volano, fantasmi che danno i numeri del lotto e Calderoli che uccide i burocrati a colpi di falcetto. Anche a me è capitato di sparare di aver vinto la Mille Miglia con il mio Apecar truccato. Penso preoccupato all’idea che si fa uno che si sintonizza magari per la prima volta su RPL e si capisce perché a un certo punto a fare il responsabile dei mezzi di comunicazione era stato messo il Trota, uno che di kriptonite e buchi (nell’ozono) se ne intendeva.

Ma il nuovo corso leghista non aveva promesso di fare aria pulita? Di usare i media in maniera più consona ai progetti politici? Forse che si cerca di tesserare anche ET? Di candidare Spock e di fare una Euroregione  con qualche lontana galassia?

O forse la denominazione  duepuntozero si riferisce a una tacca sull’etilometro?

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

12 Comments

  1. tauro says:

    Beh, sì, è davvero ridicolo, ma ricordiamoci che è ancora più ridicolo pensare che coloro che criticano le storie su fantasmi, alieni, e passaggi nell’al di là, magari sono i primi a credere in uno zombi ebreo venuto dal cielo, padre di se stesso, che dà da mangiar la propria carne e sangue per liberare l’umanità da una potenza maligna di un angelo ribelle dotato di corna che, sotto le spoglie di un serpente parlante, ha indotto una donna uscita dal costato di un uomo a mangiare il frutto di un magico albero in un fantomaico giardino prima dell’inizio dei tempi….

  2. Berghemadler says:

    A Merelli : meglio l’ignoranza che la superbia. Voi oltre a criticare e affibbiar epiteti, in cosa siete bravi ? Fatevela voi una “radio colta”.
    Per il vostro circolo di zitelle acide.

    • cinzio says:

      Qui nessuno chiede che radio banana sia addirittura colta, ma almeno non subumana. Dato soprattutto che grazie alla leggina sulle arradio comunitarie campa di soldi pubblici. Morello, Ortello, Lissone delirano e pantalone paga.

  3. Beppa says:

    E che dire delle trasmissioni dell’Ortello che intervista i “preti” sedevacantisti…fra ufo e invasati religiosi a vacare qui è la testa!

  4. joe di maggio says:

    morelli morelli…

  5. marino merelli says:

    La mancanza di cultura distruggera’ un movimento devastato dall’ignoranza. Quando avevano qualcuno che valeva l’hanno definito ” scoreggia nello spazio”. Adesso nello spazio vagano i capibastone della Lega, i loro tirapiedi e qualche rintronato. E non si sente nemmeno l’odore. E’ gia’ lontano nella storia.

    • cinzio says:

      Pork Ezionel corso di una seduta a Bruxelles ha addirittura affermato di avere parlato con un alieno travestito da genovese (!), il filmato gira ancora in rete. Come ci si può meravigliare che gli indipendentisti europei deridano l’idea di Padania se è rappresentata da cotanti personaggi?

  6. uraia says:

    eh madonnina.- sono ormai tramontati decisamente i tempi di Oneto e LCP che sapevano fare trasmissioni dall’alto profilo culturale e che trattavano le nostre radici e la nostra identità. adesso solo fregnacce e deliri da strapazzo. salvini dovrebbe intervenire. ah no: il responsabile di RPL è un suo tirapiedi…

Leave a Comment