Quel manifesto del sindaco di Longare oggi da copiare: non emigrate dove vi fanno schiavi

LONGARE1877

di ETTORE BEGGIATO  – Il 24 maggio 1877 il conte Alvise Da Schio sindaco del Comune di Longare fece stampare un manifesto “Diretto a chi avesse intenzione di emigrare per l’America”. Il Sindaco, con un linguaggio diretto e schietto, venuto a conoscenza che ci sono diversi “intenzionati di emigrare per l’America”  fa presente ai suoi concittadini che il passaporto  può essere rilasciato a chi si dimostra in grado di sostenere le spese di viaggio, a chi essendo in possesso di congedo illimitato possa provare di avere in quelle terre dei parenti, e a chi, “essendo soggetti alla Leva il Sindaco  avesse la morale certezza che in caso di chiamata si disponessero a tosto rimpatriare”.

Oltre a questo il Sindaco “si sente in dovere di far conoscere a chi avrebbe intenzione di emigrare per l’America che invece della fortuna in questo caso andrebbe incontro alla sua totale rovina”.

E ancora: “La maggior parte degli emigranti non sanno neppure ove sia l’America e perciò chi scrive si fa sollecito ad indicargliela. Essa è lontana circa due mesi da qui e per arrivarvi bisogna attraversare l’Oceano … è quasi impossibile che non muoja per viaggio qualcheduno… E tutto questo perché? Per andar lavorar la terra in paesi sconosciuti, senza conoscere  la lingua e sotto a 40 gradi di calore”

“Il vostro Sindaco vi avverte che quando arriverete in America sarete trattati come schiavi, non avrete più i mezzi per ritornare né troverete alcuno che vi presti un soldo per rimpatriare colla vostra famiglia”.

E così concludeva l’appello-manifesto:

“Ora fate quello che vi pare e piace: il Sindaco ha voluto soltanto dimostrarvi come stanno le cose onde quando vi troverete la nella più squallida miseria non possiate dire: IL SINDACO DOVEVA FARCI AVVERTITI.” (il maiuscolo neretto è nel manifesto originale).

Dopo l’annessione del Veneto all’Italia avvenuta il 21-22 ottobre 1866 attraverso un plebiscito-truffa, la nostra Terra venne a trovarsi in una situazione di fame, miseria e disperazione come mai nella  nostra storia: ai veneti  non restò che emigrare, paesi interi partirono in cerca di fortuna verso la Merica, abbindolati  da truffatori che reclutavano la nostra gente promettendo loro di portarli nel paese della cuccagna, dove si potevano fare anche due-tre raccolti all’anno.

La realtà era invece drammaticamente diversa: furono chiamati a sostituire gli schiavi (proprio in quegli anni c’era stata nel Brasile una legge che aboliva la schiavitù) e quando arrivarono trovarono una situazione ancora più tragica di quella che avevano lasciato e solo dopo sacrifici inenarrabili riuscirono a costruire condizioni minime di esistenza.

Una situazione che, per certi versi, si  ripropone oggi nell’Africa, attraversata da criminali senza scrupoli che promettono mare e monti, sapendo bene che nella vecchia Europa non c’è e non ci può essere spazio per tutti, spingendo tanta gente che ha fatto sacrifici inenarrabili a viaggi della speranza che quando va bene si concludono con misere esistenze.

E allora perché a fianco di serie campagne di cooperazione, non incominciare a coinvolgere le autorità civili, religiose, sociali, economiche, militari dei paesi africani in una seria campagna di informazione ? L’Europa NON è quella ammiccante della pubblicità televisiva, purtroppo, l’Europa può diventare un incubo come quello che stanno vivendo tanti sfruttati o i baraccati di Ventimiglia o di Calais e questo le autorità africane dovrebbero spiegarlo alla loro gente, in modo che non possano dire: IL SINDACO DOVEVA FARCI AVVERTITI.   

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. Paolo says:

    L’incubo lo stiamo vivendo noi con un debito pubblico che ci sta opprimendo e con i giovani che se na vanno. Evidentemente quel sindaco aveva un interesse personale afinchè non espatriassero, ma quei paesi oltre oceano con le ricchezze che hanno nel suolo e nel sottosuolo possono permettersi di cadere e rialzarsi in qualsiasi momento. Qui da vent’anni è solo una lenta e inesorabile discesa verso l’ignoto e con una massa di immigrati che bussano alle nostre porte oltre al problema economico avremo anche quello sociale e forse anche religioso!

Leave a Comment