Quel fastidio statale verso il Nord. Che tutti mantiene!

italia in declinodi MARIO DI MAIO – Nonostante 30 anni di martellamento, di leggiamo, di convergenze, di ripensamenti e quant’altro, occorre prendere atto che il bel Paese continua a mostrare fastidio verso il Nord, che pure mantiene tutti (immigrati compresi), continua a ignorare colpevolmente la questione settentrionale, ma sopratutto continua a propagandare, utilizzando i molti “megafoni” di cui dispone, che per “far ripartire l’Italia intera” necessitano massicci investimenti e ulteriori agevolazioni al Mezzogiorno.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. caterina says:

    l’apparato politico e burocratico, cioè tutto quello che promana dalla stato romanocentrico è fallimentare a nord come a sud, con la bellezza unitaria che il sistema mafioso è stato favorito nella sua diffusione da sud a nord…
    Non c’è rimedio se non si torna all’origine del disastro che è stato l’unità d’Italia!
    Eravamo Popoli diversi che non avevano niente da spartire nella propria gestione e invece tutto da guadagnare nei rapporti reciproci e liberi scambi di cui ognuno si arricchiva… tutto finito nel1861 e 1866… l’Italia come l’URSS dopo la rivoluzione d’ottobre, che sappiamo come è andata a finire!
    Se non si prende atto dell’origine dei mali non ci sarà rimedio, ma solo una costante deriva…
    Conto sul mio Veneto che nel 2014 col referendum autogestito ha imboccato un’altra strada… ovviamente silenziata da tutti quelli che di politica e di stato romano ci vivono, sguazzando a piacimento fin che dura…

Leave a Comment